Re Mida nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

RE MIDA NELLA MITOLOGIA GRECA

Re Mida è uno dei re più famosi che compaiono nelle storie della mitologia greca: la sua storia è stata raccontata e riraccontata per centinaia di anni e ancora oggi il nome di Mida è riconosciuto da milioni di bambini.

Il famoso Re Mida

Re Mida è naturalmente l'uomo che aveva il potere di trasformare in oro tutto ciò che toccava; e la storia di base, come viene raccontata oggi, è quella di un re avido, il cui desiderio di un tocco d'oro viene esaudito, ma quel tocco d'oro causa la rovina del re, che trasforma in oro la propria figlia e muore di fame quando non riesce a consumare cibo o bevande.

La storia è quindi una metafora dei pericoli dell'avidità, così come dei pericoli di ottenere tutto ciò che si desidera.

La storia è stata però notevolmente adattata dai tempi degli antichi greci, perché nell'antichità Mida non aveva una figlia, né moriva di fame a causa del suo tocco d'oro.

Re Mida - Andrea Vaccaro (1604-1670) - PD-art-100

Mida re di Frigia

Nella mitologia greca il re Mida è normalmente indicato come re di Frigia e storicamente il regno di Frigia si trova in Asia Minore.

Gli eventi della vita di Mida, tuttavia, sono ambientati sia in Asia Minore, sia in Tracia, sia in Macedonia, così, per conciliare le storie, si è detto che il re Mida e il suo popolo vivevano un tempo intorno al Monte Pieria, dove Mida era un seguace di Orfeo e il suo popolo era noto come Brigiani.

Il re e il suo popolo si spostarono poi in Tracia e infine, attraverso l'Ellesponto, in Asia Minore. In seguito l'ortografia dei Brigi si modificò in quella dei Frigi.

Questo stesso movimento di popoli è utilizzato anche per spiegare perché Mida è nominato anche re dei Mongidi, un popolo un tempo della Tracia, quando Mygdonia è anche il nome con cui è conosciuta la Lidia, in Asia Minore.

In Asia Minore, Mida sarebbe diventato noto per aver fondato la città di Ankara, ma Mida non è ricordato per essere stato un re fondatore, bensì per la sua Il tocco di Mida .

Mida SOn di Gordias

Si può dire che la storia di Mida inizi quando i Frigi erano senza re e un oracolo proclamò che il popolo avrebbe dovuto nominare re il primo uomo che avesse attraversato con un carro la porta principale della città.

Poco dopo un uomo passò attraverso il cancello, un povero contadino di nome Gordias, che secondo alcuni era l'ultimo maschio della famiglia reale dei Brigiani.

Alcuni raccontano che Gordias arrivò da solo, altri che arrivò con una moglie al seguito, una donna di Telmosso, e un figlio, Mida; naturalmente, Gordias divenne re. Gordias diede anche il nome al Nodo Gordiano, perché legò il suo carro al tempio con un nodo che non poteva essere sciolto.

Alcuni raccontano che la madre di Mida non fosse la moglie di Gordias, ma fosse nata dalla dea Cibele, o da Gordias o da un uomo non nominato.

Nel caso in cui Gordias non fosse il padre, si diceva che Mida fosse stato adottato da Gordias e da sua moglie; oppure esistevano due re distinti chiamati Mida, le cui mitologie sono state unite in una sola.

Guarda anche: Antiope nella mitologia greca

Il giovane Mida

Una storia di Re Mida, raccontata di rado, narra che quando Mida era un bambino nella culla, le formiche gli portarono in bocca dei chicchi di grano, interpretati come un segno che Mida era destinato ad essere il più ricco di tutti i re.

Mida guadagna il tocco d'oro

Col tempo, il trono dei Frigi sarebbe passato da Gordias a Mida, e la prima famosa storia di Re Mida si svolge nell'età adulta del re.

Guarda anche: Egeo nella mitologia greca

In quel periodo il dio greco Dioniso si stava preparando a muovere guerra agli Indiani e con il suo seguito si stava dirigendo dalla Tracia verso la Frigia. Un membro del seguito di Dioniso era il satiro Seilenos, che era sia compagno che precettore del dio greco.

Seilenos si trovava nei giardini del re Mida e, in preda alla voglia di satiri, si ubriacava fino a perdere i sensi. In seguito, Seilenos fu ritrovato dai servitori del re, che portarono il satiro dal loro padrone. Mida accolse Seilenos nella sua casa e diede al satiro abbondanti quantità di cibo e bevande; in cambio, Seilenos intrattenne la famiglia e la corte reale di Mida.

Per 10 giorni Seilenos rimase con Re Mida, prima che il re riconducesse il satiro alla festa di Dioniso. Dioniso fu grato di aver trovato il suo precettore e di essersi preso cura di lui e, per ringraziarlo, decise di esaudire un desiderio di Re Mida.

Il re Mida non pensò a lungo al suo desiderio, perché, come la maggior parte degli uomini, Mida teneva all'oro più di ogni altra cosa, e così il re Mida chiese a Dioniso di far sì che tutto ciò che il re toccava si trasformasse in oro.

Dioniso acconsentì alla richiesta e diede al re Mida il tocco d'oro.

Mida e Bacco - Nicolas Poussin (1594-1665) - PD-art-100

La maledizione di Re Mida

All'inizio Mida era felicissimo del dono che gli era stato fatto, perché trasformava pietre senza valore in preziose pepite d'oro. Ben presto, però, la novità del potere svanì e Re Mida cominciò a vedere i problemi del suo nuovo potere, perché anche il cibo e le bevande si trasformavano in oro quando li toccava.

Il re Mida inseguì Dioniso e il suo seguito, e il re chiese al dio di riprendersi il dono così benevolo. Dioniso era ancora di buon umore dopo il ritorno di Seilenos, e così il dio greco disse a Mida come poteva liberarsi del tocco d'oro.

Mida doveva bagnarsi nelle acque del fiume Pactolus, vicino ai piedi del monte Tmolus. Il re Mida lo fece, e mentre lo faceva i suoi poteri lo abbandonarono, ma da quel giorno il fiume Pactolus fu conosciuto per l'abbondanza di oro.

Mida che si lava alla sorgente del Pactolus - Bartolomeo Manfredi (1582-1622) - PD-art-100

Questo significa ovviamente che Re Mida non è morto di fame o disidratazione a causa del suo tocco d'oro.

Mida e la contesa tra Pan e Apollo

Un altro famoso racconto di Re Mida narra della presenza del re alla gara musicale tra Apollo e Pan.

Pan aveva, forse incautamente, suggerito che la sua siringa fosse uno strumento musicale superiore alla lira di Apollo; e così la Ourea Tmolus fu chiamato a decidere quale strumento fosse migliore.

Ben presto il dio della montagna proclamò che Apollo e la sua lira avevano vinto, una decisione che trovò d'accordo tutti i presenti, tranne Mida; e il re Mida proclamò a gran voce la superiorità delle canne di Pan.

Apollo, quindi, trasformò le orecchie del re in quelle di un asino, perché solo un asino avrebbe potuto non riconoscere la bellezza della musica di Apollo.

Il giudizio di Mida - Jacob Jordaens (1593-1678) - PD-art-100

Re Mida ha le orecchie da asino

Re Mida tornava a casa sua e cercava di nascondere le sue orecchie trasformate sotto un berretto frigio, o turbante di porpora.

Naturalmente Mida non poteva tenere nascosta la trasformazione a tutti, e il barbiere che tagliava i capelli al re doveva essere a conoscenza delle nuove orecchie del sovrano. Il barbiere, però, aveva giurato di mantenere il segreto.

Il barbiere, però, sentì di dover parlare del suo segreto, ma non volendo venir meno alla sua promessa, scavò una buca e vi parlò dentro dicendo: "Re Mida ha le orecchie da somaro". Il barbiere riempì quindi nuovamente la buca. Sfortunatamente per il barbiere, dalla buca spuntarono delle canne e, di conseguenza, ogni volta che il vento soffiava, le canne sussurravano: "Re Mida ha le orecchie da somaro", rivelando così il segreto del re.segreto a tutti coloro che lo ascoltano.

I figli di Re Mida

Si diceva che il re Mida sarebbe poi morto suicidandosi, bevendo il sangue di un bue, quando il suo regno fu invaso dai Cimmeri.

Quindi, il tocco d'oro non uccise il re, né il suo tocco d'oro trasformò sua figlia, perché nelle fonti antiche il re Mida non aveva una figlia, ma forse aveva uno o due figli.

Uno dei figli del re Mida si chiamava Ankhyros, famoso per il suo sacrificio. A Celaene si aprì una gigantesca voragine e, man mano che cresceva, molte case e persone caddero nel baratro. Il re Mida consultò uno degli Oracoli su come affrontare la voragine e gli fu consigliato che il buco si sarebbe chiuso se vi avesse gettato il suo bene più prezioso.

Il re Mida gettò quindi nella buca diversi oggetti d'oro e d'argento, ma senza alcun risultato. Ankhyros vide la lotta del padre, ma con più buon senso del padre, Ankhyros capì che non c'era nulla di più prezioso della vita umana, e così il figlio del re Mida cavalcò il suo cavallo nella buca, che poi si richiuse dopo di lui.

Alcuni scrittori dell'antichità raccontano anche che Litiere era un figlio bastardo del re Mida. Litiere era uno di quei furfanti dell'antichità che sfidavano i passanti in gare, uccidendo chi non riusciva a vincerle. Nel caso di Litiere, la gara consisteva nel raccogliere i raccolti e chi perdeva veniva decapitato da Litiere. Alla fine, l'eroe greco Eracle si rivelò uno dei più grandi eroi del mondo.Eracle, naturalmente, vinse su Litiere e decapitò il figlio di Mida con la sua stessa falce.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.