Oceano nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

OCEANUS NELLA MITOLOGIA GRECA

Oceano era una delle principali divinità dell'acqua della mitologia greca. Oceano era una potente divinità del pantheon greco e da lui, in ultima analisi, sarebbe nata tutta l'acqua dolce del mondo.

Il dio titano Oceano

Oceano proveniva dalla generazione precedente a quella di Zeus, in quanto Oceano era un dio titano, figlio di Ouranos (cielo) e Gaia (Oceano era considerato il primo nato dei 12 dei Titani, ma fu rapidamente seguito da altri 5 Titani maschi e 6 Titanidi.

Oceano e la caduta di Ouranos

Guarda anche: Ippomene nella mitologia greca

L'aumento di importanza di Oceano avviene a causa della caduta del padre Ouranos .

La madre di Oceano, Gaia, iniziò a complottare per rovesciare Ouranos, poiché Gaia era arrabbiata per l'imprigionamento dei suoi figli, i Ciclopi e gli Ecatonchiri, nel Tartaro.

Alla fine, Crono si convinse a brandire una falce adamantina contro il padre e così, quando Ouranos scese dal cielo per accoppiarsi con Gaia, Crono lo castrò, mentre gli altri Titani tenevano fermo il padre.

Ora, si riteneva generalmente che Oceano non detenesse Crono perché Oceano non è stato nominato come uno dei Pilastri della Terra, a differenza degli altri quattro fratelli, Crio, Coeus, Iapetus e Hyperion.

Crono avrebbe assunto il mantello di nuova divinità suprema del pantheon greco e Oceano avrebbe ricevuto il dominio sulle acque del mondo.

Oceano dio greco delle acque dolci

Naturalmente esistevano già degli dei dell'acqua prima di Oceano, in particolare Pontus Il Ponto era però equiparato al mare, mentre si pensava che Oceano avesse il dominio sul fiume che circondava la terra e che si credeva si trovasse al di là delle Colonne di Eracle. In origine, quindi, Oceano era un dio dell'acqua dolce e la fonte ultima di tutta l'acqua dolce presente sulla terra.

Oceano risiederà in un magnifico palazzo sotto la superficie del suo dominio, così come sua moglie, il titano femmina Tethys.

Solo nell'antichità successiva si scoprì che le acque al di là delle Colonne di Eracle non erano d'acqua dolce, ma salata, proprio come quelle del Mediterraneo, e allora l'Oceano iniziò a essere collegato al Ponto.

Figli di Oceanus

Per spiegare la presenza di acqua dolce in tutte le terre conosciute, si disse che ogni fonte di acqua dolce era figlia di Oceano; e come tale, Oceano divenne, tramite Teti, padre di 3000 figli e 3000 figlie.

I figli di Oceano erano i Potamoi , le divinità fluviali greche, mentre le figlie di Oceano erano le Oceanidi, le ninfe d'acqua dolce dei laghi, degli stagni, delle sorgenti e delle nuvole di pioggia.

Naturalmente, non tutti i 6000 figli di Oceano sono stati nominati nelle fonti antiche, ma di volta in volta uno dei figli di Oceano appare nei racconti mitologici. I Potamoi sono spesso avversari degli eroi, come Achille che combatte contro Scamandro durante la guerra di Troia e Acheloo che lotta con Eracle per la mano di Deianira.

Molti dei Oceanidi Zeus ebbe anche molti amanti oceanici, tra cui Metis, Eurinome e Plutone.

Oceano e la Titanomachia

Così come Oceano non aveva preso parte al rovesciamento di Ouranos, si diceva anche che Oceano non avesse preso parte alla Titanomachia, la guerra dei Titani, in cui i suoi fratelli combatterono contro Zeus e i suoi alleati.

Alcuni raccontano anche che Oceano consigliò a sua figlia Stige di schierarsi con Zeus durante la guerra, e di conseguenza Stige fu notoriamente la prima ad allearsi con la causa di Zeus.

Guarda anche: Zelo nella mitologia greca

Durante i combattimenti, Hera Per questo si dice che Era considerasse Oceano e Teti come figure parentali, e forse anche Demetra ed Estia furono affidate a Oceano, dove vissero fino alla fine della guerra. Alcuni raccontano anche che anche le femmine dei Titani rimasero al sicuro per i dieci anni della guerra.

Con la vittoria di Zeus alla fine della Titanomachia, il cosmo fu poi suddiviso tra Zeus, Ade Poiché Oceano non si era opposto alla volontà di Zeus, a Oceano fu lasciato il compito di governare il proprio regno oltre le Colonne d'Eracle, mentre Poseidone divenne il sovrano del Mediterraneo, anche se i Potamoi e gli Oceanidi erano considerati sottomessi al dio dell'Olimpo.

Era si lamenta con Oceano e Teti - Hendrik Goltzius (1558-1617) - Pd-art-100

Oceano e i corpi celesti

Pur essendo una divinità greca dell'acqua, Oceano era strettamente associato ai corpi celesti, per le processioni attraverso il cielo, nei loro carri associati, di Helios (Sole), Eos (Poi gli dei viaggiavano, sulla superficie dell'Oceano o sotto la superficie del fiume, per tornare al punto di partenza, in modo che la loro processione potesse ricominciare il giorno successivo.

Anche molte costellazioni si immergerebbero nel regno di Oceano, ma notoriamente Era avrebbe chiesto che la costellazione Callisto (Ursa Major), era proibito bere o bagnarsi nelle acque di Oceanus, per cui nell'antichità nessuna parte della costellazione si immergeva sotto l'orizzonte.

Oceano appare raramente nei racconti mitologici sopravvissuti, ma compare in una delle avventure di Eracle: durante il viaggio verso l'isola delle Esperidi, Eracle minaccia il dio, finché Oceano non calma le onde che minacciavano di travolgere la nave di Eracle.

Ulteriori letture

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.