Agenore nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

AGENORE NELLA MITOLOGIA GRECA

Agenore era un nome ricorrente nella mitologia greca, ma probabilmente il più famoso Agenore era un re del Medio Oriente, tra i cui figli si diceva ci fossero Cadmo ed Europa.

Guarda anche: Iobates nella mitologia greca

Agenore Sonnino di Poseidone

La linea di famiglia di Agenore non è sempre chiara, con diverse generazioni della famiglia spesso confuse; più comunemente, però, si dice che Agenore fosse il figlio del dio greco del mare Poseidone e di Libia, la figlia di Re Epafo Con questa parentela si diceva che Agenore avesse un fratello gemello di nome Belus .

Guarda anche: Alceo di Micene nella mitologia greca

Gli scrittori successivi aggiunsero anche altri due fratelli per Agenore, sotto forma di Cefeo e Fineo.

Si crea quindi una certa confusione, perché diverse fonti antiche raccontano che Agenore non era un fratello di Belus, ma un figlio.

Re Agenor

Belus diventerà re della terra conosciuta come Libia, il paese che, all'epoca, si diceva si estendesse lungo la costa settentrionale dell'Africa, mentre Agenore partirà dall'Africa e si stabilirà nella terra che sarà poi conosciuta come Fenicia.

Agenore è indicato da alcuni come il fondatore delle famose città di Tiro e Sidone.

I figli di Agenor

Le fonti antiche sono poco concordi nel dire con chi fosse sposato Agenore: la moglie più comunemente citata è Argiope, potenzialmente una ninfa naiade, ma si parla anche di Telefassa, Tiro e delle due figlie di Belus, Antiope e Damno.

La mancanza di consenso su chi fosse il coniuge di Agenore dà anche adito a molte varianti su chi fossero i suoi figli; con Cadmo , Europa, Cilix, Phoenix, Thasus, Fineo Isaia e Melia, tutti nominati in almeno una fonte antica di rilievo.

Il rapimento di Europa

I figli di Agenore, o almeno Cadmo ed Europa, sono oggi più famosi del padre, anche se la loro fama è tutta legata al racconto del rapimento della figlia di Agenore, Europa.

Il bellissimo Europa Nel desiderio di fare la sua strada con Europa, Zeus si trasformò in un magnifico toro ed Europa fu invogliata a sedersi sul suo dorso. Una volta che Europa fu seduta al sicuro, Zeus si diresse in mare e si allontanò dalla terra di Agenore. Alla fine Zeus ed Europa approdarono sull'isola di Creta.

Il rapimento di Europa - Jean François de Troy (1679-1752) - PD-art-100

La ricerca dei figli di Agenor

Agenore, ignaro della sorte toccata a Europa, incaricò i suoi figli di ritrovare la sorella.

Nessun mortale, però, poteva scoprire ciò che un dio aveva deciso di tenere segreto, e così i figli di Agenor avevano un compito impossibile, e avrebbero lasciato il regno di Agenor per non tornare mai più.

Cadmo sarebbe arrivato sulla terraferma greca, ma dopo essersi consultato con l'Oracolo di Delfi, avrebbe abbandonato la ricerca di Europa e avrebbe invece fondato la città di Tebe (Cadmea).

Cilix si sarebbe recato in Asia Minore, dove avrebbe trovato la regione della Cilia; Thasus avrebbe raggiunto una grande isola al largo della Tracia, che da lui prese il nome di Thasos, così come la città più grande dell'isola; Phoenix avrebbe percorso la distanza più breve, poiché la terra di Fenicia prese il nome da questo figlio di Agenore.

Il destino degli altri figli di Agenor

Per quanto riguarda gli altri figli comunemente menzionati, non è chiaro quale sia il figlio di Agenore, perché alcuni dicono che fosse l'uomo incontrato in Tracia dal Argonauti altri raccontano di lui come l'uomo affrontato da Perseo in Etiopia (anche se di quest'ultimo Fineo si parla più normalmente come fratello di Agenore).

Le figlie di Agenore, Isaia e Melia, secondo alcuni furono mogli dei nipoti di Agenore, figli di Belus, Aegyptus e Danaus.

Dopo la partenza dei figli e di Europa, non si sa più nulla di Agenore.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.