L'eroina Atalanta nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

L'EROINA ATALANTA NELLA MITOLOGIA GRECA

Atalanta era una cosa rara nella mitologia greca, un'eroina in un mondo in cui gli eroi erano la norma. Si diceva però che Atalanta fosse all'altezza di qualsiasi eroe nato mortale della mitologia greca.

In effetti, la fama di Atalanta era tale che diverse regioni dell'Antica Grecia rivendicavano l'eroina come propria, e in particolare sia l'Arcadia che la Beozia sostenevano che Atalanta fosse una loro nativa.

Atalanta abbandonata

Si dice comunemente che Atalanta fosse figlia di Iaso, figlio del re Licurgo d'Arcadia, e di Climene, figlia di Meneo di Beozia. Altri raccontano che il padre di Atalanta fosse Schoeneo o Menalo.

Il padre di Atalanta desiderava un figlio e così, quando la moglie partorì un figlio, il padre di Atalanta portò la neonata nella foresta vicina e la abbandonò lì. L'esito più probabile di un simile evento era che la bambina morisse per l'esposizione, ma, come in molti racconti della mitologia greca, la piccola Atalanta non morì, perché la dea Artemide aveva osservato gli eventi ed era intervenuta. Artemide inviòun'orsa per allattare il bambino.

La bambina fu infine scoperta da alcuni cacciatori nella foresta, che portarono via Atalanta con loro, crescendola come se fosse una della loro banda.

Atalanta - John William Godward (1861-1922) - PD-art-100

La cacciatrice Atalanta

Atalanta è cresciuta tra i cacciatori ed è stata addestrata da loro nei loro modi di fare; così, Atlanta era in grado di cacciare, correre e lottare fin da piccola e sarebbe diventata più brava di tutti i cacciatori maschi con cui viveva.

Guarda anche: Il re Belus nella mitologia greca

Nonostante sia cresciuta in mezzo a tanti uomini, Atalanta decise di rimanere casta, prestando giuramento di verginità, e divenne una devota di Artemide, la dea che anni prima l'aveva salvata. In seguito, un oracolo le profetizzò che se avesse perso la verginità, Atalanta sarebbe stata colpita da un disastro.

La castità di Atalanta fu però presto messa alla prova, perché un giorno, nella foresta, incontrò due centauri di nome Rhoecus e Hylaeus; e, com'era nella natura barbara di questi ultimi, la loro vita fu interrotta. centauri Atalanta non era però indifesa, perché aveva con sé arco e frecce, e così Atalanta sparò e uccise i due centauri.

La fama di Atalanta come grande cacciatrice, corridrice e lottatrice si diffuse in tutta la Grecia antica.

Atalanta a iolcus

Secondo versioni successive del mito Atalanta sarebbe stata presente tra gli Argonauti durante il viaggio verso la Colchide alla ricerca del vello d'oro; più notoriamente, però, si dice che Giasone abbia impedito ad Atalanta di salire a bordo dell'Argo, per paura della distrazione che Atalanta avrebbe causato agli altri eroi maschi.

Atalanta sarebbe stata comunque presente a Iolcus quando l'Argo tornò in città dopo il completamento della missione mortale. Si dice che Atalanta abbia partecipato ai giochi funerari per Re Pelias e lì si dice che Atalanta abbia sconfitto Peleo in un incontro di lotta.

Atalanta e Meleagro

A Iolcus giungevano notizie di problemi a Calydon, dove un mostruoso cinghiale stava devastando la campagna, e il re Oeneo aveva lanciato un appello in tutta la Grecia antica per chiedere aiuto. Molti degli eroi che partecipavano ai giochi lasciarono Iolcus e si diressero a Calydon. Atalanta era una di loro, come pure Meleagro , figlio del re Oeneo.

A Calidone, Meleagro fu messo a capo dei cacciatori riuniti, ma ancor prima che partissero, Meleagro dovette affrontare una disputa: Toxeus e Plexippus, gli zii di Meleagro, si opponevano alla presenza di una donna, Atalanta, nella caccia.

Meleagro, tuttavia, era infatuato dell'eroina e non l'avrebbe lasciata fuori dal gruppo di caccia, e probabilmente è stato un bene che Meleagro abbia accettato che Atalanta facesse parte del gruppo di cacciatori. Cacciatori calidoniani Infatti, si dice che sia stata Atalanta a infliggere la prima ferita al cinghiale calidonio.

Guarda anche: Il dio Thanatos nella mitologia greca

Successivamente, Meleagro avrebbe inflitto il colpo di grazia, ma invece di tenersi il pregiato mantello e le zanne del cinghiale, Meleagro li avrebbe regalati ad Atalanta.

Gli zii di Meleagro si oppongono energicamente all'assegnazione di un tale premio e Meleagro è costretto a ucciderli entrambi, ma questo si tradurrà nella morte di Meleagro, poiché sua madre getterà nel fuoco un marchio incantato, ponendo fine alla vita del figlio.

Atalanta piange sul corpo di Meleagro - Pompeo Batoni (1708-1787) - PD-art-100

L'Atalanta torna a casa

Atalanta lascerà Calidone, profondamente turbata dalla morte di Meleagro; in seguito, Atalanta appenderà i suoi premi in un boschetto sacro di Artemide in Arcadia.

Il padre di Atalanta non avrebbe potuto desiderare un figlio migliore, perché certamente nessun figlio avrebbe potuto dare più prestigio alla famiglia.

Atalanta, però, aveva ormai l'età per sposarsi e quindi il padre riteneva di doverle trovare un marito adatto.

Atalanta, però, non aveva intenzione di ritirare il suo sacro giuramento e così escogitò un piano: avrebbe sposato solo chi fosse riuscito a batterla in una gara di corsa. Coloro che avessero tentato di batterla e avessero fallito sarebbero stati giustiziati, e alcuni dicono che sia stata Atalanta a uccidere i pretendenti falliti.

Molti potenziali pretendenti di Atalanta furono dissuasi dal tentare di sposarla per la paura di morire, ma molti altri ritennero che la ricompensa fosse superiore al rischio. Non c'era però nessuno che avesse la stessa velocità di Atalanta, e così molti pretendenti furono giustiziati.

L'Atalanta fa la sua corsa

Poi arrivò un ultimo pretendente per cercare di conquistare la mano di Atalanta; alcuni chiamano questo pretendente Melanione, figlio di Anfidamo e cugino di Atalanta, altri Ippomene, figlio di Megareo.

In entrambi i casi, il potenziale pretendente si rese conto di non poter superare Atalanta e pregò Afrodite, la dea greca della bellezza e dell'amore, di aiutarlo. Ascoltando la preghiera, Afrodite decise di aiutare il pretendente e gli donò tre mele d'oro, presumibilmente provenienti dal Giardino di Era.

Il piano prevedeva che durante la gara, ogni volta che Atalanta iniziava a tirare troppo avanti, Melanione (o Ippomene) facesse rotolare la mela davanti all'eroina, che avrebbe preso tempo per recuperare la mela, dando a Melanione la possibilità di superare Atalanta. Il piano avrebbe funzionato perfettamente nella gara vera e propria, e così, con qualche sotterfugio, Atalanta fu battuta da Melanione in una gara di corsa, e l'eroinaera ormai sposato.

La gara tra Ippomene e Atalanta - Noel Hallé (1711-1781) - PD-art-100

La caduta dell'Atalanta

Nella mitologia greca sono pochi gli eroi che vivono felici e Atalanta non è da meno, perché la sua rovina è ormai prossima.

Melanione trascurò l'aiuto che Afrodite gli aveva fornito e trascurò di offrire il sacrificio previsto alla dea. Questo naturalmente fece arrabbiare Afrodite, che si vendicò e fece sì che Melanione e Atalanta consumassero il loro matrimonio in un sacro santuario dedicato a Zeus.

Un atto così sacrilego non poteva rimanere impunito da Zeus, così il dio supremo fece trasformare Atalanta e Melanione in leoni: per gli antichi greci si trattava di una punizione poetica, perché si pensava che i leoni non si accoppiassero tra loro, ma con i leopardi.

Così la profezia fatta anni prima si era avverata, perché la perdita della verginità aveva portato alla rovina di Atalanta.

Alcuni raccontano che le metamorfosi di Atalanta avvennero molti anni dopo il suo matrimonio.

Partenopeo Figlio di Atalanta

A un certo punto, però, Atalanta aveva dato alla luce un figlio, chiamato Partenopeo, il cui padre si diceva fosse Meleagro, il dio Ares o Melanione (Ippomene).

Atalanta, però, aveva abbandonato il figlio sul monte Partenio, così come era stata abbandonata lei stessa, perché la nascita di un figlio era la prova evidente che non era più vergine. Partenopeo sarebbe stato salvato da un pastore e, in seguito, sarebbe stato nominato eroe a sé stante, perché era uno dei "Sette contro Tebe".

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.