Erifilo nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

L'ERIPHYLE NELLA MITOLOGIA GRECA

Erifilo era un personaggio femminile della mitologia greca che compare nelle vicende legate ai Sette contro Tebe e al racconto di Epigoni. Erifilo è particolarmente famoso per aver accettato tangenti che mettevano in pericolo il marito e i figli.

Eriphyle Sorella di Adrasto

Erifilo nacque in una delle famiglie reali di Argo, poiché era figlia del re Talao di Argo e di sua moglie Lisimache; quindi Erifilo era la nipote di Pregiudizio , e anche una sorella di Adrasto .

Erifilo Moglie di Anfiarao

Erifilo si sarebbe sposato con un'altra famiglia reale argiva, perché avrebbe sposato Anfiarao , noto veggente e nipote di Melampus.

Erifilo diventerà madre di numerosi figli, i più famosi dei quali sono due maschi, Alcmeone e Anfilocco. Inoltre, ci sono figlie di Erifilo comunemente chiamate Demonassa ed Euridice, e potenzialmente anche Alexida.

La prima tangente per Erifilo

Lontano da Argo, a Tebe si agitano i guai: Eteocle, figlio di Edipo, si rifiuta di dividere il regno con il fratello, Polinice Adrasto si sarebbe schierato con il nuovo genero Polinice e fu radunato un esercito per mettere Polinice sul trono.

Il marito di Eriphyle, però, si rifiutò di unirsi alla spedizione perché, in quanto veggente, sapeva che sarebbe morto se lo avesse fatto.

Polinice, però, si recò da Erifile per cercare di convincerla a convincere il marito a partecipare alla guerra. Erifile accettò una bustarella da Polinice sotto forma della Collana di Armonia. La collana era un tesoro di Tebe, realizzato dagli dei, e presentato a Armonia al suo matrimonio con Cadmo.

Guarda anche: Il Titano Coeus nella mitologia greca

Ora, ci si può chiedere come abbia fatto Erifilo a convincere Anfiarao a fare qualcosa che sapeva avrebbe portato alla sua morte, ma Anfiarao si era impegnato in precedenza a far sì che Erifilo fosse l'arbitro tra lui e Adrasto in caso di disaccordo; così Anfiarao fu costretto a mantenere la parola data.

La vedova Erifile

Erifilo sarebbe rimasto vedovo, perché la spedizione a cui partecipò Anfiarao è nota come la guerra dei Sette contro Tebe, una guerra che non raggiunse i suoi obiettivi, poiché i Sette, a parte Adrasto, furono uccisi in guerra.

Guarda anche: Icaro nella mitologia greca

Alcuni dicono che Anfiarao accusò i suoi figli, Alcmeone e Anfilocco, di aver ucciso la loro madre, per il tradimento di Erifilo nei confronti del marito.

La seconda tangente di Erifilo

Dieci anni dopo Erifilo era ancora vivo, perché si stava organizzando una seconda spedizione contro Tebe, con la partecipazione di Tersandro, figlio di Polinice, e Adrasto.

Tuttavia, era stata fatta una profezia che affermava che il successo sarebbe arrivato se il figlio di Erifilo, Alcmaeon, avesse guidato il gruppo noto come Epigoni (prole). Thersander Il padre, Polinice, le offre una bustarella, che questa volta si presenta sotto forma di veste di Armonia; ancora una volta, Erifilo acconsente e Alcmeone si lascia convincere ad andare in guerra.

La morte di Erifilo

Gli Epigoni riescono a conquistare Tebe, ma al suo ritorno in patria si dice che Alcmeone sia stato incaricato da Apollo di eseguire i desideri del padre.

Erifilo viene così ucciso da Alcmeone, anche se le modalità della sua morte non vengono approfondite nelle fonti superstiti. Virgilio, nell'Eneide, racconta che Erifilo mostra le ferite inflittegli da Alcmeone negli Inferi.

Per l'atto di matricidio, Alcmaeon sarebbe stato perseguito dal Erinni nonostante il figlio di Erifilo e Anfiarao abbia agito sulla base delle parole di Apollo.

Le Erinni scacciano Alcmaeon dal cadavere di sua madre, Erifilo, che ha ucciso - Henry Fuseli (1741-1825) - PD-art-100

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.