Introduzione alle 12 fatiche di Eracle

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

INTRODUZIONE ALLE 12 FATICHE DI ERACLE NELLA MITOLOGIA GRECA

Le Fatiche di Eracle sono alcuni dei racconti più famosi della mitologia greca, incorporati all'ingrosso nella mitologia romana come Fatiche di Ercole.

Fonti per le 12 fatiche di Eracle

Di conseguenza, le Fatiche di Eracle appariranno in molte fonti antiche, tra cui l'epica perduta Eracleia da Peisandro di Rodi, il Bibliotheca attribuito ad Apollodoro, Bibliotheca historica di Diodoro Siculo e Eracle di Euripide.

Nelle numerose fonti antiche che si riferiscono alle fatiche di Eracle, ci sono resoconti diversi sull'ordine in cui le fatiche di Eracle vennero eseguite, e anche opinioni diverse sulla natura delle fatiche eseguite. Oggi, però, è comune l'uso di Bibliotheca come fonte principale con i compiti e l'ordine delle fonti.

La causa delle 12 fatiche di Eracle

Eracle avrebbe dovuto intraprendere le sue fatiche come atto di penitenza per un crimine commesso dall'eroe greco mentre viveva a Tebe. Ancora giovane, Eracle avrebbe assistito il re Creonte di Tebe nella sua guerra contro i Minioti e, per gratitudine, Creonte gli avrebbe dato in sposa la propria figlia Megara.

Nonostante fosse figlio di Zeus, Eracle non godeva dei favori di tutti gli dei ed Era, moglie di Zeus, nutriva un odio particolare per il figlio del marito, e Hera Così, Era inviò a Tebe la dea Follia e, sopraffatto dalla follia, Eracle uccise i propri figli e forse anche la moglie.

Per il suo crimine, Eracle sarebbe stato bandito da Tebe e si sarebbe recato a Delfi per consultare l'Oracolo sull'espiazione delle sue azioni.

L'annuncio dell'Oracolo di Delfi fu che Eracle doveva entrare in un periodo di servitù con Re Euristeo Ad Eracle fu detto di svolgere qualsiasi compito richiesto dal re di Tirinto.

Mosaico delle fatiche di Eracle - Carole Raddato da FRANKFURT, Germania - CC-BY-SA-2.0

Le 12 fatiche di Eracle

Euristeo era un re favorito da Era, che era intervenuta per far sì che diventasse re di Tirinto invece che di Eracle, ed Era avrebbe poi guidato il re nella definizione dei compiti, ognuno dei quali era ritenuto impossibile, e molti erano considerati mortali da tentare.

Leone di Nemea

Il primo compito affidato a Eracle da Euristeo fu l'uccisione del Leone di Nemea, una bestia con artigli di bronzo e pelle impenetrabile che terrorizzava la terra al confine tra Nemea e Micene e che aveva ucciso tutti coloro che si erano proposti di ucciderlo.

Scoprendo che le sue frecce erano inutili contro la bestia, Eracle avrebbe usato la sua clava per costringere il Leone di Nemea a rientrare nella sua grotta e, nello spazio ristretto, avrebbe strangolato il mostro.

Eracle sarebbe tornato a Tirinto con la pelle del Leone di Nemea indossata sulle spalle, con uno spettacolo che indusse Euristeo a nascondersi dentro una grande giara, e ad Eracle fu proibito di entrare di nuovo in città.

Idra di Lorena

Sopravvissuto al Leone di Nemea, Eracle fu inviato contro un mostro ancora più letale, l'Idra di Lerna, un mostro acquatico che custodiva uno degli ingressi agli Inferi.

Cresciuto da Era appositamente per uccidere Eracle, il Idra di Lorena Guidato da Atena e aiutato da Iolao, Eracle riuscirà a sconfiggere l'Idra di Lerna, impedendo la crescita di nuove teste attraverso la cauterizzazione delle ferite aperte. Grazie all'aiuto di Iolao, però, il re Euristeo non potrà accettare questo lavoro.

Il sangue dell'idra di Lernae sarebbe stato usato in seguito da Eracle, poiché l'eroe intingeva le sue frecce nel sangue velenoso.

Ercole e il leone di Nemea, dipinto a olio su tavola attribuito a Jacopo Torni - PD-art-100

Ceryneian Hind

Il terzo lavoro di Eracle, affidatogli dal re Euristeo, fu quello di catturare il corno d'oro Ceryneian Hind Meno letale del Leone di Nemea o dell'Idra di Lerna, la cerva di Ceryne era un animale sacro alla dea Artemide e, anche se Eracle avesse catturato la bestia, Euristeo credeva che Artemide lo avrebbe ucciso per la sua insolenza.

L'inseguimento durò un anno prima che Eracle riuscisse a catturare la cerva di Cernia. Eracle riuscì a tirarsi fuori dai guai con Artemide, promettendo di liberare la cerva una volta terminato il suo lavoro.

Cinghiale di Erimanto

Il re Euristeo ricorse a una bestia mortale per il Quarto Lavoro di Eracle: l'eroe aveva il compito di catturare il mortale Cinghiale di Erimanto, una bestia che devastava Psophis. Eracle riuscì facilmente a catturarlo costringendolo nella neve alta.

Quando Eracle tornò a Tirinto con il cinghiale ericenne, Euirystheus si spaventò a tal punto da rinchiudersi in un vaso di vino per tre giorni. Il cinghiale ericenne fu poi liberato da Eracle e l'animale nuotò fino in Italia.

Guarda anche: Aracne nella mitologia greca

Le stalle di Augea

Non essendo riuscito a uccidere Eracle, il re Euristeo cercò ora di umiliare l'eroe facendogli ripulire il capannone del bestiame di Re Augeus Per 30 anni le stalle di Augean hanno ospitato 3000 capi di bestiame e il letame accumulato non è mai stato ripulito.

Piuttosto che umiliarsi, però, Eracle deviò il corso di due fiumi, l'Afeo e il Peneo, attraverso la stalla, lavando via la sporcizia e lo sterco. Eracle, però, aveva chiesto un pagamento al re Augea, e così Euristeo scontò il completamento dell'opera.

Uccelli stimmatici

Guarda anche: Le Miniadi nella mitologia greca

Eracle fu rapidamente inviato nella regione nord-orientale del Peloponneso e sul lago di Stymphalia per il sesto lavoro. Intorno alle zone umide del lago c'erano uccelli mangia-uomini con becchi di bronzo e piume che potevano essere scagliate come frecce.

Sebbene gli uccelli fossero sacri ad Ares, Atena assistette ancora una volta Eracle nel suo compito, poiché la dea fornì un rumorista di bronzo fabbricato da Efesto. Quando il rumorista fu scosso, creò un rumore tale che gli uccelli si trovarono in una situazione di pericolo. Uccelli stimmatici volò in cielo spaventato, diventando così un facile bersaglio per le frecce di Eracle.

Alcuni degli Uccelli di Stinfalia sarebbero sopravvissuti alle frecce di Eracle, ma si allontanarono dalla Corinzia per raggiungere l'isola di Aretia, dove furono poi incontrati dagli Argonauti.

Toro cretese

Sull'isola di Creta il toro che il re Minosse aveva trascurato di sacrificare a Poseidone stava devastando la terra e, per la sua Settima fatica, Eracle fu incaricato dal re Euristeo di catturare la bestia per sacrificarla alla dea Era.

Minosse era felicissimo di sbarazzarsi della bestia, ma a Tirinto Era non accettò il sacrificio e così il Toro cretese e da Tirinto avrebbe vagato fino a Maratona, dove poi sarebbe stato incontrato da Teseo.

Le giumente di Diomede

Per la sua ottava fatica, Eracle fu inviato nella barbara terra di Tracia, dove risiedeva un gigantesco re di nome Diomede, che possedeva quattro cavalli divoratori di uomini. Ad Eracle fu detto di rubare i cavalli, mentre il re Euristeo credeva che nel tentativo Eracle sarebbe stato ucciso da Diomede o dai suoi cavalli.

Diomede, però, cadrà sotto i colpi di Eracle e, quando il re sarà dato in pasto ai suoi cavalli, le cavalle di Diomede perderanno il gusto per la carne umana.

Cintura di Ippolita

Al re Euristeo era giunta la notizia di un magnifico cinturone di proprietà di Ippolita La regina delle Amazzoni, desiderosa di regalare il cinto alla figlia, pretese che Euristeo lo rubasse.

Euristeo pensava che avrebbe vinto in entrambi i casi, perché o sarebbe stato il proprietario della cintura o Eracle sarebbe stato ucciso dalle Amazzoni.

Eracle, però, non dovette nemmeno rubare la cintura, perché fu data volontariamente all'eroe da Ippolita, anche se Ippolita fu poi uccisa quando le Amazzoni pensarono che fosse stata rapita da Eracle.

Bestiame di Geryon

Dopo aver fatto rivivere a un gigante il suo cavallo con l'Ottavo Lavoro, Eracle aveva ora il compito di prendere il bestiame di un altro. Geryon era il proprietario di divini bovini rossi che pascolavano sull'isola di Erytheia, ed Euristeo decise che gli sarebbe piaciuto quel bestiame.

Il Bestiame di Geryon Tuttavia, il cane da guardia fu facilmente ucciso dalla clava di Eracle, e quando Geryon arrivò per salvare il suo bestiame, il gigante fu colpito da una freccia.

Mele delle Esperidi

Il giardino di Era si trovava ai confini del mondo conosciuto e in questo giardino cresceva un albero che produceva mele d'oro. Esperidi Le ninfe si occupavano del giardino, ma il giardino era anche protetto da Ladon, un drago mostruoso.

Eracle riuscì a superare Ladone e a eludere le Esperidi, così fu facile riportare le Mele d'oro a Tirinto, anche se Euristeo non riuscì a possederle, perché la dea Atena fece in modo che fossero restituite al Giardino di Era.

Cerbero

Tutte le undici fatiche intraprese da Eracle erano state ritenute impossibili, ma con la dodicesima fatica Euristeo credeva davvero di aver trovato il compito che avrebbe finito per uccidere Eracle; infatti Eracle aveva ora il compito di riportare a Tirinto il cane da guardia a tre teste degli Inferi.

Ora, si diceva comunemente che nessun mortale avrebbe mai potuto fare ritorno dagli Inferi, mentre Cerbero si diceva che fosse mortale, e naturalmente un compito del genere avrebbe potuto scatenare l'ira di Ade.

Quando Euristeo vide Eracle in compagnia di Cerbero, Eracle fu immediatamente bandito dal Peloponneso, ponendo così fine alle Fatiche di Eracle (e naturalmente Cerbero fu liberato per tornare negli Inferi).

Ercole e Cerbero - Peter Paul Rubens (1577-1640) - PD-art-100

La fine delle fatiche di Eracle

Inizialmente si diceva che le fatiche di Eracle erano dieci, ma poi sono state portate a dodici e, per spiegare questa espansione, si è detto che il re Euristeo si è rifiutato di riconoscere il successo del completamento di due fatiche: l'uccisione dell'Idra di Lerna, perché Eracle aveva ricevuto assistenza, e la pulizia delle Stalle di Augea, perché Eracle aveva chiesto un pagamento.

Quando il re Euristeo vide Eracle di ritorno con Cerbero, il re bandì prontamente Eracle dalla regione dell'antica Argolide e così il periodo di servitù al re ebbe fine.

Il re Euristeo continuerà a vivere nel timore di Eracle e anche dopo la morte dell'eroe continuerà a perseguitare i discendenti di Eracle, gli Eraclidi, finché alla fine il re Euristeo non cadrà in un'altra guerra.battaglia.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.