Il bestiame di Geryon nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

IL BESTIAME DI GERYON NELLA MITOLOGIA GRECA

Il decimo lavoro di Eracle

Ottenere il bestiame di Geryon fu il decimo compito assegnato a Eracle dal re Euristeo. Il bestiame era una bestia magnifica, con il mantello reso rosso dalla luce del tramonto; il pericolo del compito, però, era il fatto che il bestiame era di proprietà di Geryon, un gigante a tre corpi, un gigante descritto come il più forte di tutti i mortali da Esiodo.

La storia del furto del bestiame di Geryon è un mito precoce, con riferimenti scritti già in Esiodo, ma è anche una storia molto abbellita nel corso degli anni e fino al periodo tardo-romano si apportano modifiche alla storia.

Euristeo si propone un altro compito

Eracle tornò alla corte di Re Euristeo con la cintura di Ippolita che la figlia di Euristeo, Admete, aveva tanto desiderato.

Senza pensare al riposo, però, l'araldo Copreus fu mandato a dire a Eracle che ora doveva ottenere il bestiame di Geryon.

Il bestiame di Geryon pascolava sulle erbe di Erytheia, un'isola situata all'estremità occidentale del mondo conosciuto. Erytheia era l'isola delle Esperidi, l'isola dove, ogni sera, il sole tramontava. Era il tramonto del sole a far sì che il manto del bestiame di Geryon si macchiasse di un rosso particolare.

Il bestiame era di proprietà di Geryon Geryon era un gigante corazzato, che si dice assomigliasse a tre uomini separati, uniti alla vita; si dice che Geryon avesse una forza immensa e che avesse sconfitto tutti coloro che lo avevano affrontato.

Con il lavoro stabilito, Eracle sarebbe partito per un lungo viaggio e, per raggiungere il punto più lontano del Mediterraneo occidentale, avrebbe attraversato l'Egitto e la Libia.

Eracle incontra Antaeus e Busiris

Sono state aggiunte molte storie sul viaggio da e per Erytheia; in alcune versioni del racconto è stato durante questo viaggio che Eracle ha ucciso Busiride e Anteo.

Busiride era un crudele re d'Egitto che sacrificava gli stranieri trovati nel suo regno. Quando Eracle fu trovato ad attraversare l'Egitto, l'eroe fu catturato e legato. Prima che Eracle potesse essere sacrificato, però, il semidio ruppe le catene e uccise Busiride.

Anteo era un gigante, figlio di Gaia, che sfidava tutti i passanti a un incontro di lotta, tutti gli avversari sarebbero morti nelle sue mani e i teschi dei vinti sarebbero stati inseriti nel tetto di un tempio dedicato a Poseidone. Eracle fu a sua volta sfidato da Anteo, ma l'eroe fu aiutato da Atena, che consigliò a Eracle di sollevarlo dalla terra, in modo che non potesse trarne forza.Eracle lo fece e, mentre era in volo, schiacciò la cassa toracica di Anteo, uccidendo il gigante.

Sia l'uccisione di Anteo che quella di Busiride sono più spesso raccontate in diverse avventure di Eracle, tra cui l'undicesima fatica, la raccolta delle mele d'oro.

Eracle trova Ecatombe

Si parla brevemente della fondazione di Ecatompoli da parte di Eracle durante il suo viaggio, ma non è molto chiaro dove si trovasse Ecatompoli. Il nome stesso significa "cento città (polis)", che a volte è usato in riferimento alla Laconia, ma anche a un luogo in Egitto.

La costruzione delle Colonne di Eracle

Quando Eracle raggiunse il punto più occidentale del suo viaggio, celebrò l'evento creando le Colonne d'Ercole.

Nel Bibliotheca Eracle creò le due montagne, Mons Calpe e Mons Abyla, costruendole.

In altre versioni del mito, Eracle spaccò a metà una montagna esistente, creando allo stesso tempo lo Stretto di Gibilterra.

Eracle separa le montagne Calpe e Abyla - Francisco de Zurbarán (1598-1664) - PD-art-100

Eracle ed Elio

Mentre Eracle attraversava la Libia, il calore del sole lo turbò molto e, in un impeto di rabbia, prese il suo arco e iniziò a scagliare frecce contro il sole.

Alcuni raccontano che Elio si compiacque della sfacciataggine di Eracle e gli regalò la sua barca d'oro per aiutare l'eroe a terminare il suo viaggio verso Erytheia. Questa era la barca d'oro su cui Elio stesso viaggiava ogni notte sull'Oceano, da ovest a est.

In alternativa, Eracle arrivò così vicino a ferire Elio che quest'ultimo lo pregò di smettere di scagliare frecce contro di lui; in questo caso Eracle chiese l'assistenza del dio in cambio della cessazione del tiro.

Il furto del bestiame di Geryon

La barca d'oro permise a Eracle di navigare rapidamente verso Erytheia e sulla costa dell'isola l'eroe sbarcò.

Guarda anche: Phorbas nella mitologia greca

Eracle si accampò rapidamente, ma anche mentre lo faceva la presenza di Eracle sull'isola venne notata, perché Orthus Il cane da guardia a due teste del bestiame di Geryon fiutò la sua presenza.

Eracle sconfigge il re Geryon - Francisco de Zurbarán (1598-1664) - PD-art-100

Orthus era il fratello del più famoso Cerbero Il cane mostruoso attaccò lo straniero che aveva messo piede sulla sua isola. Quando il cane da guardia si avvicinò, però, Eracle brandì la sua mazza di legno d'ulivo e uccise il cane con un solo colpo. Poco dopo, Eurizione, un figlio di Ares e di Erytheia (un'esperide), che era anche il mandriano di Geryon. Eurizione, però, fu eliminato allo stesso modo di Orthus.

Eracle radunò il bestiame di Geryon e lo condusse verso la sua barca.

Geryon fu presto informato del furto del suo bestiame, forse da Menoites, il mandriano di Ade, poiché si diceva che anche il bestiame di Ade pascolasse su Erytheia.

Geryon indossò quindi la sua armatura e si affrettò a inseguire il suo bestiame arrugginito. Geryon raggiunse Eracle presso il fiume Athemus, ma si dice che piuttosto che mettere alla prova la sua forza contro Geryon, Eracle prese il suo arco e scoccò una freccia attraverso una delle teste di Geryon. Il veleno dell'idra si fece strada attraverso tutte le parti costitutive del gigante, e così Geryon cadde a terra morto.

Alcuni dicono anche che la dea Era fosse giunta a Erytheia per aiutare il gigante nella sua lotta, ma che anche lei fosse stata colpita da una freccia e avesse dovuto ritirarsi sul Monte Olimpo.

Alcuni scrittori raccontano che Eracle lottò effettivamente contro Geryon; naturalmente la forza di Eracle superò quella di Geryon ed Eracle uccise il gigante dividendolo in tre.

Con Geryon morto, si trattava ora di radunare il bestiame di Geryon sulla barca d'oro.

Raccontare il mito del bestiame di Geryon

Gli scrittori dell'antichità pensarono che i miti precedenti fossero troppo fantasiosi per essere veri e quindi, per spiegare il mito del bestiame di Geryon, raccontarono che Geryon era in realtà il nome collettivo di tre figli di Chrysaor.

Ognuno di questi figli era un guerriero forte, che guidava un esercito potente, e i tre figli avrebbero lavorato insieme.

Quando Eracle sbarcò con il suo esercito, sfidò a singolar tenzone tutti i figli di Crisaore e li uccise a turno; in questo modo, senza comandanti non ci fu guerra e Eracle poté scacciare il bestiame di Geryon.

Il ritorno con il bestiame di Geryon

L'Italia si chiama così

Gli scrittori successivi assicurano che il viaggio di ritorno di Eracle con il bestiame di Geryon fu tutt'altro che facile.

Guarda anche: La dea Themis nella mitologia greca

Si racconta che in Liguria due figli del dio Poseidone tentarono di rubare alcuni capi di bestiame dal manto rosso, ma Eracle li uccise prima che lo privassero delle bestie.

Nel luogo oggi noto come Reggio di Calabria, uno dei capi di bestiame riuscì a sfuggire alle cure di Eracle e, attraversando il paese, prese il nome di quella terra, perché quella terra era l'Italia, e il suo nome deriva probabilmente da Víteliú , la "terra dei tori".

Una storia più comune sul nome dell'Italia deriva dal fatto che Italo sarebbe stato il padre di Romolo e Remo.

Si dice che questo toro perduto sia stato trovato da Eryx, il re della Sicilia, che lo mise tra le sue mandrie. Quando finalmente Eracle lo trovò, Eryx non volle cederlo e sfidò Eracle a un incontro di lotta. Eracle superò facilmente il re, uccidendo anche Eryx, e così ancora una volta il bestiame di Geryon fu riunito.

Il bestiame di Geryon sulla collina di Avantine

Il bestiame di Geryon, tuttavia, era molto richiesto perché, quando Eracle si accampò per la notte sull'Aventino, il gigante sputafuoco Caco, figlio di Efesto, uscì dalla sua tana e rubò alcuni capi di bestiame, forse quattro tori e quattro mucche, mentre Eracle dormiva.

Per coprire le sue tracce, si dice che Caco abbia trascinato il bestiame all'indietro o lo abbia costretto a camminare all'indietro, proprio come aveva fatto Ermes quando il dio aveva rubato il bestiame in gioventù.

Eracle non sapeva cosa fosse successo al bestiame, ma alcuni dicono che la sorella di Caco, Caca, gli disse dove si trovava, oppure che mentre Eracle guidava il bestiame rimanente oltre la tana di Caco, i due gruppi di bestiame si chiamarono a vicenda. In ogni caso, Eracle sapeva dove si trovava il bestiame rubato e così uccise Caco.

Per celebrare l'uccisione di Caco, Eracle avrebbe costruito un altare e in quel punto, generazioni più tardi, si tenne il mercato romano del bestiame, Forum Boarium.

Eracle che uccide Caco - Francois Lemoyne (1688-1737) - PD-art-100

Il bestiame di Geryon disperso

Eracle continuò a viaggiare, ma le sue prove e tribolazioni con il bestiame di Geryon non erano ancora finite, perché mentre attraversava la Tracia, Era mandò un tafano che punse il bestiame, facendolo fuggire in tutte le direzioni.

Mentre Eracle inseguiva il bestiame in libertà, Era indusse allora il Potamoi Eracle, però, ammucchiò una roccia dopo l'altra nel fiume, permettendogli di attraversarlo e rendendolo innavigabile in futuro.

Euristeo sacrifica il bestiame di Geryon

Alla fine, Eracle tornò alla corte del re Euristeo guidando il bestiame di Geryon davanti a lui. Ancora una volta Euristeo rimase deluso dal fatto che Eracle non fosse morto nel tentare l'impresa e, preso il bestiame dall'eroe, sacrificò tutta la mandria alla sua benefattrice, Era.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.