Laodamia Moglie di Protesilao

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

LAODAMIA NELLA MITOLOGIA GRECA

Laodamia era un nome ricorrente nella mitologia greca: una di queste donne, di nome Laodamia, era regina di Filace e moglie di Protesilao.

laodamia Figlia di Acasto

Laodamia era figlia di Re Acasto Acasto era il figlio di Pelia e uno degli Argonauti, mentre Astidamea era una donna infatuata dell'eroe greco Peleo.

Guarda anche: Peleo nella mitologia greca

Laodamia Moglie di Protesilao

Quando era maggiorenne Laodamia si sarebbe sposata Protesilao Protesilao era figlio di Iphiclus, un altro Arognauta; Protesilao era anche nipote di Phylacos, il fondatore di Phylace. Alcuni raccontano che la moglie di Protesilao non fosse Laodamia, ma piuttosto Polydora, figlia di Meleagro.

Protesilao va a Troia

Prima del matrimonio con Laodamia, però, Protesilao era stato uno di quelli che si erano contesi la mano di Elena, ed era quindi vincolato dalla Giuramento di Tyndareus per proteggere Menelao, il marito prescelto di Elena.

Guarda anche: Ippolita nella mitologia greca

Il giuramento di Tindaro significava che Protesilao aveva il dovere di condurre i filistei a Troia e, quando Protesilao fu il primo a mettere piede sulla Troade, si avverò una profezia: Protesilao fu il primo degli eroi achei a morire durante la guerra di Troia.

Il dolore di Laodamia

La notizia della morte di Protesilao giunse a Laodamia, che fu naturalmente sopraffatta dal dolore. Gli dei osservarono la perdita di Laodamia ed Ermes fu incaricato di riportare Protesilao dagli inferi, ma solo per tre ore; così, Laodamia e Protesilao si unirono di nuovo.

Le tre ore, però, finirono presto ed Ermes avrebbe riportato Protesilao nel regno dell'Ade ancora una volta.

Il dolore tornò a Laodamia e fu così opprimente che si dice che Laodamia si sia suicidata, pugnalandosi.

Laodamia - George William Joy (1844-1925) - PD-art-100

La morte di Laodamia

Igino, nelle Fabulae, approfondisce leggermente il mito di Laodamia, in particolare la scomparsa della regina di Filace, affermando che inizialmente Laodamia non si uccise, ma affrontò il dolore facendosi costruire in segreto una statua, di bronzo o di cera, che era l'esatta somiglianza di Protesilao e che Laodamia trattò come se fosse suo marito.

Alla fine, però, il padre Acasto lo scoprì e, credendo che la figlia si stesse torturando inutilmente, fece gettare la statua di Protesilao su un fuoco. Mentre la statua si scioglieva, Laodamia si gettò sul fuoco e morì bruciata; ma Laodamia e Protesilao si riunirono nell'Aldilà.

Il racconto di Igino, tuttavia, presuppone che Acasto fosse vivo durante la guerra di Troia, anche se la maggior parte dei racconti narra della sua morte avvenuta anni prima, quando Giasone, Peleo e i Dioscuri avevano invaso Iolcus.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.