Le stalle di Augea nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

RE AUGEA E LE STALLE DI AUGEA NELLA MITOLOGIA GRECA

L'impresa di ripulire le Stalle di Augea era una delle Dodici fatiche di Eracle nella mitologia greca, affidata all'eroe dal re Euristeo dopo la cattura del Cinghiale di Erimanto. Le Stalle di Augea erano così chiamate perché appartenevano ad Augea, il re di Elis.

Re Augea

Si dice comunemente che Augea fosse il figlio del dio del sole Helios, nato da Iphiboe o da Nausidame, ma in alternativa Augea potrebbe essere stato figlio di Eleois, discendente di Endimione o Heleios, figlio di Perseo.

Ognuno di questi futuri padri di Augea erano possibili contendenti per aver dato il proprio nome a Elis, ma in ogni caso Augea avrebbe ereditato il trono di Elis e sarebbe diventato un re ricco e relativamente potente.

Augea diventerà padre di almeno quattro figli: i maschi, Agastene e Fileo, e le femmine, Agamede ed Epicaste.

Le scuderie di Augean

La ricchezza e il prestigio del re Augea erano rappresentati dal numero di capi di bestiame che possedeva; si dice infatti che Augea possedesse più di 3000 capi di bestiame, forse divini, se gli erano stati donati da Helios.

Ogni notte, per 30 anni, questi 3000 capi di bestiame sono stati ospitati in un enorme capannone, chiamato "stalle", ma per 30 anni queste stalle non sono state ripulite dal letame che vi era stato depositato. Poiché il lavoro di pulizia delle stalle era stato rimandato 30 anni fa, ora si riteneva che fosse impossibile pulirle.

Guarda anche: Andromaca nella mitologia greca

La pulizia delle stalle di Augean

Fu così che la pulizia delle Stalle di Augea in un solo giorno fu affidata a Eracle da Re Euristeo Questa fatica non aveva lo scopo di uccidere Eracle, a differenza delle fatiche precedenti, ma piuttosto di umiliare l'eroe, sia nell'azione di pulire lo sterco, sia nell'umiliazione di quando Eracle avrebbe fallito nel compito.

Così Eracle giunse a Elis e alla corte reale di Augea, ma non volendo umiliarsi, disse ad Augea che avrebbe pulito le stalle di Augea in un giorno se il re di Elis gli avesse dato un decimo del bestiame. Ignorando che Eracle era stato incaricato da Euristeo di portare a termine il compito, il che avrebbe annullato la necessità di pagare l'eroe, e anche incredulo che il compito potesse essere portato a termine,Augea accettò le condizioni di Eracle.

Guarda anche: Croto nella mitologia greca

Eracle partì quindi per le Stalle di Augea in compagnia di Fileo, figlio di Augea.

Anche in questo caso, Eracle non voleva umiliarsi trasportando lo sterco fuori dalle stalle, così fece un buco nel fianco delle stalle e si mise a deviare due fiumi locali, l'Alpheus e il Peneus, in modo che passassero attraverso questo buco. Una volta completato, l'acqua di questi due fiumi passò attraverso le Stalle di Augea, portando con sé tutto lo sterco accumulato.

Augeas si rifiuta di pagare

Ora, Augea non aveva alcun desiderio di cedere un decimo del suo bestiame a Eracle e, quando scoprì che Eracle stava svolgendo un compito per un altro re, Augea si rifiutò di pagare Eracle, sostenendo addirittura di non aver fatto alcuna promessa di pagamento.

Augea arrivò persino a dire che si sarebbe rivolto all'arbitrato su questa questione, fiducioso che non ci fossero prove contro di lui, ma poi Filèo parlò contro il padre, confermando le affermazioni di Eracle. Prima che gli arbitri potessero decidere contro di lui, però, Augea bandì Eracle e Filèo da Elis.

Phyleus si sarebbe recato a Dulichium per governare, mentre Eracle sarebbe tornato a Tirinto, con il compito portato a termine, anche se il pagamento non era stato effettuato.

Il re Euristeo, però, scoprì che Eracle aveva chiesto un compenso per aver portato a termine il compito e decise quindi che la Quinta fatica era nulla e che Eracle non avrebbe ricevuto alcun merito per averla portata a termine. Così Eracle fu inviato di nuovo, questa volta contro gli Uccelli di Stinfalo.

Augeas l'Argonauta

Il prestigio di Augea, e di fatto l'abilità del re, fu sufficiente a far sì che Augea venisse accettato da Giasone come un Argonauta nella ricerca del vello d'oro; forse una situazione imbarazzante, visto che anche Eracle era nominato come argonauta.

Sebbene non sia del tutto chiaro quando le fatiche di Eracle si siano verificate in relazione al viaggio degli Argonauti, di solito si afferma che le fatiche abbiano preceduto la ricerca di Giasone.

Giasone sperava di poter utilizzare Augea durante le trattative con Eete per la sottrazione del Vello d'Oro, poiché sia Eete che Augea sarebbero stati figli di Helios, ma alla fine Eete non riconobbe la parentela condivisa. Mentre Augea riuscì ad andare e tornare dalla Colchide, Eracle sarebbe rimasto indietro durante il viaggio di andata, mentre Eracle cercava il suo compagno Hylas .

Il ritorno di Eracle

Augea tornò a Elis, ma alla fine lo fece anche Eracle, che ora cercava una punizione per il fatto che Augea aveva rinnegato il loro precedente accordo. Così Eracle marciò su Elis alla testa di un esercito arcadico.

All'inizio le cose non andarono bene per Eracle: l'eroe fu colpito da una malattia e lo stesso Augea aveva radunato un potente esercito guidato dai due gemelli Moliones, Eurytus e Cteatus, definiti i più forti della loro generazione.

Per guadagnare tempo, Eracle concluse una tregua con i Molioni, ma la tregua ebbe vita breve: alcuni raccontano che i Molioni attaccarono quando seppero della malattia di Eracle, mentre altri dicono che Eracle tese un'imboscata ai Molioni quando si era ripreso dalla malattia.

In entrambi i casi, i principali difensori di Elis furono uccisi da Eracle e la città di Elis cadde facilmente in mano all'eroe greco, con Augea messo a ferro e fuoco da Eracle.

Eracle avrebbe poi posto sul trono di Elide Fileo, figlio di Augea, e avrebbe inaugurato i Giochi Olimpici per celebrare la sua vittoria in guerra.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.