La cernia nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

LA CERNIA NELLA MITOLOGIA GRECA

Nei racconti della mitologia greca, l'uomo e la divinità non erano soli, perché si diceva che il mondo fosse abitato anche da molti animali e mostri mitici.

Molte bestie e mostri, tra cui la Sfinge e la Chimera, sono famosi, soprattutto perché incontrati da eroi famosi, rispettivamente Edipo e Bellerofonte, ma alcuni sono meno noti, come la cerva di Ceryne, curiosa perché la cerva di Ceryne fu incontrata dal più famoso degli eroi greci, Eracle.

La cerva di Ceryneia

Il cervo di Ceryneia era un cervo che si diceva risiedesse nella regione di Ceryneia, nel Peloponneso, una delle più antiche città della penisola. Il cervo di Ceryneia non era però un cervo comune, perché innanzitutto era enorme per dimensioni e statura, e spesso veniva paragonato a un grosso toro.

Si dice che le corna della cerva di Ceryne fossero d'oro, mentre gli zoccoli dell'animale erano di bronzo.

Nonostante le sue dimensioni, il cervo di Ceryne era anche estremamente veloce, tanto da essere in grado di superare una freccia.

Guarda anche: Aeson nella mitologia greca

La cerva di Ceryne e Artemide

A differenza di molte creature mitiche della mitologia greca, non viene fornita alcuna parentela per il cervo di Ceryneia, ma viene raccontata la storia del suo arrivo nella regione di Ceryneia.

Questo racconto inizia con la Pleiade La ninfa Taygete, come le sue sei sorelle, aveva difficoltà a mantenere intatta la sua virtù. Un giorno, inseguita da Zeus, Taygete invocò la dea Artemide affinché la proteggesse. Artemide trasformò Taygete in un animale, secondo alcuni un cervo, secondo altri una mucca, per confondere Zeus.

Lo stratagemma funzionò e, per riconoscenza, Taygete regalò ad Artemide cinque cerve, che in seguito si trovarono nelle stalle del Monte Olimpo, insieme a molti cavalli del dio.

In alternativa, Artemide ha semplicemente catturato le cinque cerve mentre era a caccia.

Artemide usava quattro delle cerve per trainare il suo carro, da cui le cerve erano conosciute come Elaphoi Khrysokeroi. La quinta cerva, però, riuscì a fuggire dalle stalle e corse a Ceryneia; Artemide, però, non cercò di ricatturare l'animale e la mitica bestia rimase sacra alla dea greca.

Il terzo lavoro di Eracle

La cerva di Ceryne viene alla ribalta grazie alle fatiche di Eracle, poiché la cattura della cerva era fissata come il terzo dei suoi compiti.

Guarda anche: Il re Teucro nella mitologia greca

Eracle era già sopravvissuto ai presunti incontri mortali con il Leone di Nemea e con l'Idra di Lerna, con grande disappunto di Re Euristeo Così, Euristeo impose a Eracle una terza fatica impossibile, la cattura della cernia.

Ora c'era la possibilità che la cerva di Ceryne infliggesse danni con le sue corna d'oro, ma se Eracle avesse catturato la cerva, avrebbe scatenato l'ira di Artemide.

La cattura della cernia di Cernia

Imperterrito per la caccia che lo attendeva, Eracle partì dalla corte del re Euristeo. In effetti, la cerva di Ceryne si dimostrò facile da individuare, ma catturarla non fu facile: non appena la cerva di Ceryne fu vista da Eracle, scappò via. Eracle, naturalmente, partì all'inseguimento.

Alcuni scrittori dell'antichità raccontano che Eracle inseguì la cerva di Cernia per un anno intero, perché se Eracle non aveva la stessa velocità della cerva, l'eroe greco aveva la resistenza.

Infine, mentre la resistenza della cernia si affievoliva, Eracle si avvicinò alle pendici del monte Artemisium, una montagna al confine tra l'Arcadia e l'Argolide. La cernia iniziò a guadare il fiume Ladon e, mentre rallentava, Eracle si avvicinò con le frecce.

Il lavoro, però, consisteva nel catturare la cerva, non nel farle del male, e così Eracle puntò la sua freccia tra le zampe dell'animale, facendolo inciampare. Prima che la cerva potesse rimettersi in piedi, Eracle riuscì ad afferrarla. Eracle riuscì quindi a legare insieme le zampe del cervo, immobilizzandolo, prima di sollevare la cerva sulle sue spalle.

Eracle si mise quindi in viaggio per tornare a Tirinto.

La rabbia di Artemide

Eracle, però, non era ancora andato lontano quando si trovò la strada sbarrata da un'arrabbiata Artemide, che era in compagnia del fratello Apollo.

Eracle non era noto per la sua umiltà, soprattutto quando aveva a che fare con i mortali, ma i potenti dei dell'Olimpo erano forse una prospettiva diversa, perché Eracle chiese immediatamente ad Artemide di perdonarlo per le sue azioni.

Eracle spiegò perché aveva dovuto catturare l'animale sacro ad Artemide.

La supplica di Eracle fu abbastanza eloquente da indurre Artemide a perdonarlo per aver legato la cerva di Ceryne, anche se Artemide fece promettere a Eracle di liberare l'animale non appena il suo lavoro fosse stato completato.

Apollo e Artemide - Gavin Hamilton (1723-1798) - PD-art-100

La liberazione della cernia di Ceryne

Al ritorno di Eracle a Tirinto, Euristeo si mostrò infastidito nel vedere che Eracle era riuscito a catturare la cerva di Ceryne e non era stato danneggiato da Artemide nel corso del processo.

Eracle si trovò ora di fronte a un dilemma, poiché non poteva infrangere la promessa fatta ad Artemide, e così Eracle escogitò un piano per mantenere la promessa, ma senza che la colpa ricadesse su di lui.

Eracle convinse quindi il re Euristeo che avrebbe dovuto prendere personalmente possesso della cerva di Ceryneia. Mentre il re di Tirinto si avvicinava per afferrare la corda che teneva la cerva, Eracle stesso sciolse la propria presa. Rapidamente la cerva balzò via, correndo libera verso Ceryneia. Il fatto che Euristeo fosse così vicino alla cerva al momento della fuga permise a Eracle di evitare di essere incolpato dila sua fuga.

Tornata a Ceryneain, la cerva evitò tutti i futuri tentativi di cattura e il fatto che le cerve che trainavano il carro di Artemide fossero immortali fece sorgere la prospettiva che la cerva di Ceryneain scorresse ancora libera per la Grecia.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.