L'ariete d'oro nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

L'ARIETE D'ORO NELLA MITOLOGIA GRECA

L'ariete e il vello d'oro

La storia di Giasone e degli Argonauti è una delle più famose della mitologia greca, e naturalmente gli eroi avevano il compito di catturare il vello d'oro della Colchide.

Il vello d'oro, ovviamente, proveniva da un ariete d'oro, il Crius Chrysomallus, e naturalmente esiste un mito greco sull'ariete d'oro e sul vello d'oro.

Inizia la storia dell'ariete d'oro

La storia dell'ariete d'oro non inizia in Colchide, ma nel regno di Bisaltia, sulla costa settentrionale del Mar Egeo. Il re di Bisaltia era Bisalto, figlio di Gaia (dea della Terra) e di un'altra dea. Elio (il dio del Sole), e così il regno e il suo popolo, i Bisaltae, presero il nome dal re.

Nella mitologia greca, l'aspetto più importante del re Bisalte era il fatto di essere padre di una bellissima figlia, Teofane; i pretendenti di tutto il mondo antico accorrevano a Bisaltia nel tentativo di sposare Teofane.

Teofane e Poseidone - Palazzo Sondershausen

Nella mitologia greca, una bella donna non attirava semplicemente i mortali e, nel caso di Teofane, fu il dio Poseidone a desiderare la principessa. Poseidone decise che, per avere la meglio su di lei, l'avrebbe rapita e così Poseidone e Teofane si trovarono presto sull'isola di Crumissa.

Nasce l'ariete d'oro

La scomparsa di Teofane suscitò scalpore in Bisaltia e ben presto i pretendenti rimasti si misero sulle tracce della figlia di Bisalto. Per confondere gli inseguitori Poseidone si trasformò in ariete e Teofane in pecora, mentre gli abitanti di Crumissa si trasformarono in bovini e pecore.

Quando i pretendenti sbarcarono su Crumissa non trovarono né Teofane né alcuno. I pretendenti, però, non lasciarono subito l'isola, si accamparono e, per sostenersi, cominciarono a mangiare gli animali che trovavano sull'isola. Poseidone decise allora di trasformare i pretendenti di Teofane in lupi.

Poseidone poté quindi fare i suoi comodi con Teofane; la breve relazione tra Poseidone e Teofane avrebbe prodotto un figlio, un ariete d'oro, il Crius Chrysomallus.

L'ariete d'oro alla riscossa

In seguito, l'ariete d'oro scoprirà di avere un ruolo importante nella mitologia greca e la storia si sposterà in Beozia. In Beozia c'era un re di nome Athamas, figlio di Eolo, che aveva sposato la ninfa delle nuvole Nefele. Nefele avrebbe dato alla luce due figli, un maschio di nome Phrixus e una femmina di nome Helle.

La relazione tra Athamas e Nefele, però, era destinata a non durare e Athamas avrebbe abbandonato Nefele in favore di Ino, una figlia di Cadmo .

Nefele se ne sarebbe andata dalla Beozia, lasciando i suoi due figli alle cure del padre; Nefele avrebbe anche lasciato una corrente d'aria, anche se se questa sia stata causata dalla partenza della ninfa dell'acqua o dagli intrighi di Ino dipende dalla versione del mito che viene raccontata. Certamente Ino era gelosa dei suoi due figliastri, e arrivò persino a cercare di uccidere Phrixus.

L'omicidio di Phrixus Ino convinse Athamas, attraverso la corruzione di vari messaggeri, che l'Oracolo aveva proclamato che solo il sacrificio di Phrixus avrebbe potuto eliminare la corrente d'aria.

Nefele aveva forse lasciato i suoi figli, ma non li aveva abbandonati, e prima che Athamas potesse anche solo pensare di sacrificare suo figlio, Nefele aveva inviato l'ariete d'oro a salvare Phrixus e Helle.

Phrixus e Helle volano via sull'ariete d'oro

L'ariete d'oro era nato con molte caratteristiche speciali, e non solo per il colore del suo vello; una caratteristica speciale dell'ariete d'oro era la sua capacità di volare, e presto l'ariete d'oro volò dalla Beozia con Phrixus ed Helle aggrappati al suo vello.

Il piano prevedeva di volare verso la Colchide, il regno sulla costa più lontana del Mar Nero e ai confini del mondo conosciuto, mettendo la massima distanza possibile tra i bambini e Ino.

Il volo è stato ovviamente lungo e, non essendo forte come il fratello, Helle ha faticato a stare sul dorso dell'ariete d'oro. In definitiva, Helle avrebbe perso la presa sull'ariete d'oro e la figlia di Nefele sarebbe morta all'ingresso del Mar Nero.

Phrixus e Helle

Il punto in cui Helle cadde sarebbe stato in seguito conosciuto come Ellesponto, nome con cui a volte vengono ancora indicati i Dardanelli.

La morte dell'ariete d'oro

Tuttavia, Phrixus riuscirà a trattenere il vello dell'ariete d'oro e, dopo un lungo viaggio, il figlio di Nefele approderà in Colchide.

Un'altra delle caratteristiche speciali dell'ariete d'oro era la sua capacità di parlare, e fu quindi l'ariete d'oro a dire a Phrixus cosa doveva fare dopo.

A Phrixus fu detto di sacrificare il suo salvatore, l'ariete d'oro, per onorare il dio Poseidone. Così, la vita dell'ariete d'oro ebbe fine, ma nell'intraprendere il sacrificio Phrixus entrò in possesso del vello d'oro. Poseidone avrebbe fatto in modo che l'ariete d'oro fosse ricordato per sempre, perché il Crius Chrysomallus si sarebbe trasformato nella costellazione dell'Ariete.

Il vello d'oro in Colchide

La storia del vello d'oro dell'ariete, naturalmente, continuò, e Phrixus avrebbe portato il vello alla corte di Eete Il re della Colchide ricevette in dono il vello d'oro dal figlio di Nefle.

Eete fu così colpito dal meraviglioso dono che a Crisso fu prontamente concessa la mano di una figlia di Eete, Chalciope, e al sicuro da ogni male, Crisso avrebbe prosperato in Colchide.

Il re Eete avrebbe in seguito collocato il Vello d'oro in una posizione d'onore, poiché fu posto su una quercia nel boschetto sacro di Ares.

Pur essendo molto innamorato del dono, il Vello d'oro si sarebbe poi rivelato una maledizione per Eete: prima dell'arrivo di Crisso e dell'ariete d'oro, Eete aveva la reputazione di essere un re ospitale, ma ora fu fatta una profezia secondo cui Eete sarebbe rimasto re della Colchide solo se il Vello d'oro fosse rimasto nel boschetto sacro di Ares.

Ormai timoroso della propria posizione, Eete ordinò che tutti gli stranieri trovati in Colchide fossero messi a morte, perché temeva che uno straniero potesse rubare il vello d'oro.

La ricerca del vello d'oro

Lontano, a Iolcus, era arrivato Giasone e stava cercando di ottenere il trono dallo zio, Re Pelias Pelias non aveva intenzione di rinunciare al trono per il quale aveva lavorato così duramente, e promise invece di rinunciare al trono se Giasone fosse tornato con il vello d'oro dalla Colchide.

La missione affidata a Giasone era apparentemente impossibile e Pelias sperava di uccidere Giasone nel tentativo di portarla a termine.

Giasone fu aiutato da Atena ed Era, e presto l'Argo fu costruita e i più grandi eroi dell'epoca erano ai suoi remi. Ci furono molte avventure e pericoli da affrontare durante il viaggio verso la Colchide, ma alla fine la maggior parte degli Argonauti raggiunse in sicurezza il regno di Eete.

La forza del Argonauti Eete non poteva semplicemente ucciderli, ma nemmeno il re della Colchide aveva intenzione di consegnare il suo bene più prezioso, soprattutto se ciò significava perdere il suo regno. Eete decise quindi di affidare a Giasone altri compiti impossibili, sempre con l'intenzione di uccidere l'eroe greco.

Giasone fu incaricato di aggiogare i tori sputafuoco del re, e poi dovette affrontare i guerrieri Spartoi, seminati dai denti di un drago. Anche in questo caso Giasone era favorito dagli dei, ed Era aveva fatto in modo che la figlia maga di Eete, Medea, si innamorasse di Giasone.

Guarda anche: Erifilo nella mitologia greca

Eete, però, tramava ancora contro Giasone e gli Argonauti e il re stava addirittura progettando di uccidere gli eroi mentre dormivano. Medea, però, avvertì Giasone e, prima che il re potesse mettere in atto il suo piano, Giasone agì. Medea e Giasone si recarono nel boschetto di Ares e la maga riuscì ad addormentare il drago della Colchide, il serpente che sorvegliava il boschetto. Giasone fu così libero di rimuovere il serpente d'oro.Vello dal suo trespolo, e fuggire indietro verso il Argo .

Guarda anche: Campe nella mitologia greca

Giasone, gli Argonauti e Medea avrebbero quindi lasciato la Colchide con il Vello d'oro al sicuro a bordo dell'Argo.

Il vello d'oro - Hebert James Draper (1864-1920) -PD-art-100

Il Vello d'Oro a Iolcus

Il viaggio di ritorno a Iolcus non fu privo di pericoli, ma alla fine l'Argo fu nuovamente ancorata presso la città di Pelia e Giasone consegnò il Vello d'oro allo zio. Pelia, anche con il Vello d'oro ormai in suo possesso, non voleva mantenere la promessa, ma per il suo tradimento il re fu infine ucciso dalle sue stesse figlie.

Giasone però non riuscì mai a diventare re di Iolcus, perché il figlio di Pelia Acasto succedette al padre ed esiliò Giasone e Medea.

Giasone e il vello d'oro - Erasmo Quellino II (1607-1678) - PD-art-100

La sorte del Vello d'oro non è mai stata chiarita nelle fonti antiche, anche se altri manufatti simili, come le zanne del cinghiale calidonio, finivano normalmente in un tempio dedicato a uno dei principali dei o dee greci.

La storia del Vello d'Oro si è però evoluta nel corso dei secoli e le storie successive legate al manufatto lo hanno dotato di poteri curativi, anche se nell'antichità il Vello d'Oro era semplicemente un grande tesoro piuttosto che un oggetto magico.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.