Acasto nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

L'ACASTO NELLA MITOLOGIA GRECA

Acasto è un re della mitologia greca, perché era il re di Iolcus, ma Acasto era anche un noto eroe perché era un argonauta e un cacciatore di cinghiali calidoni.

Acasto figlio di Pelia

Acasto era figlio di Pelias re di Iolcus e di Anaxibia (Filomache), anche se Pelia aveva usurpato il trono, sottraendolo ad Esone, padre di Giasone.

Acasto avrebbe avuto diversi fratelli, tra cui diverse sorelle, una delle quali era Alcestis Acasto sarebbe cresciuto come principe di Iolcus e sarebbe diventato più che competente nella caccia.

Acasto l'Argonauta

Alla fine Giasone sarebbe arrivato a Iolcus e Pelias temeva di perdere il suo regno. Vello d'oro dalla Colchide.

Guarda anche: Il re Priamo nella mitologia greca

Giasone avrebbe riunito un gruppo di eroi per salpare a bordo dell'Argo verso la Colchide, e tra i nomi degli Argonauti c'era Acasto.

Alcuni raccontano che Acasto fu costretto a unirsi all'equipaggio dell'Argo contro la sua volontà, perché la presenza di Acasto a bordo avrebbe impedito a Pelia di sabotare il viaggio.

Altri raccontano invece di come Acasto si sia unito di buon grado al complemento dei Argo Di certo Giasone non si fece scrupolo della sua presenza sull'Argo, perché Acasto fu nominato guardia notturna a un certo punto del viaggio e, durante la lotta con i Dolioni, avrebbe ucciso Sphodris.

Acasto, tuttavia, era solo una figura minore nelle varie versioni della Argonautica Ma Acasto viene alla ribalta al ritorno dell'Argo a Iolcus.

Il ritorno degli Argonauti - Constantinos Volonakis (1837-1907) - PD-art-100

Acasto diventa re

Giasone e Medea, la maga della Colonia, ora complottano contro Pelia e, dato che il padre di Giasone, Esone, si è probabilmente suicidato durante l'assenza di Giasone, questo complotto porterà alla morte del padre di Acasto.

Medea mostrò alle figlie di Pelia, tra cui Asteropia e Antinoe, come si potesse ringiovanire un vecchio agnello facendolo a pezzi e facendolo bollire in un intruglio di erbe. Le sorelle di Acasto erano convinte che lo stesso ringiovanimento potesse avvenire con Pelia e così le figlie di Pelia uccisero il padre, ma Medea non riportò in vita il re di Iolco.

Alla morte di Pelia, Acasto sarebbe diventato re di Iolcus, nonostante Giasone fosse forse il legittimo re della città.

Per l'uccisione del padre, Acasto bandirà le sue stesse sorelle da Iolcus; Acasto cercherà poi di punire Giasone e Medea e, sebbene i due non abbiano commesso un omicidio, per aver istigato la morte del re, anche Giasone e Medea saranno banditi da Iolcus e i due viaggeranno insieme verso Corinto.

I giochi funebri di Pelia

Acasto avrebbe seppellito il padre e il nuovo re di Iolcus avrebbe organizzato giochi funebri per il padre defunto.

È durante questi giochi funebri che Atalanta lottava con Peleo, e lo vinceva, ed è sempre durante questi giochi che a Iolcus giunse la notizia del cinghiale che stava devastando Calidone.

Molti degli Argonauti rimasti a Iolcus si diressero ora a Calydon, e alcuni raccontano che anche Acasto divenne una delle città più importanti del mondo. Cacciatore calidoniano , anche se altri raccontano che il nuovo re rimase nel suo nuovo regno.

Acasto e Astydamia

Ad un certo punto, però, Acasto sposerà una donna di nome Astydamia Acasto diventerà così padre di tre figlie, Laodamia (futura moglie di Protesilao), Sterope e Stenele (madre di Patroclo).

Guarda anche: Pentesilea nella mitologia greca

Astydamia, però, era probabilmente una moglie infedele per Acasto, come si è visto quando Peleo è arrivato a Iolcus.

Acasto e Peleo

Peleo era stato naturalmente un argonauta al fianco di Acasto e anche un cacciatore di Calidonia, ma durante la caccia al cinghiale di Calidonia, Peleo aveva accidentalmente ucciso il suocero, Eurytion .

Peleo richiese l'assoluzione per questo "crimine", essendo la concessione dell'assoluzione uno dei poteri dei re nell'Antica Grecia; e così Acasto "perdonò" volentieri il suo ex compagno.

La presenza di Peleo a Iolcus suscitò l'interesse di Astydamia, che ora si era innamorata dell'eroe greco, e la regina cercò di sedurre Peleo Peleo era già sposato con Antigone, figlia di Eurizione, e rifiutò le avances di Astydamia. Astydamia, disprezzata, si recò ad Acasto e accusò Peleo di aver cercato di violentarla, inviando anche una lettera ad Antigone, moglie di Peleo, in cui le comunicava che il marito stava per lasciarla.

L'onore di Acasto non gli permetteva di uccidere semplicemente l'uomo che aveva da poco assolto dall'accusa di regicidio, e così Acasto complottò affinché Peleo morisse in altro modo.

La caduta di Acasto

Così, Acasto e Peleo andarono a caccia sul monte Pelio, accampandosi per tutta la notte sulla montagna. Durante la notte Acasto avrebbe abbandonato Peleo, portando con sé la spada di Peleo; Acasto credeva che i selvaggi Centauri sul monte Pelio avrebbero ucciso Peleo.

In effetti, al mattino Peleo era circondato dai Centauri e la vita dell'eroe greco era decisamente in pericolo, ma l'arrivo del saggio centauro Chirone salvò Peleo dal male.

Peleo aveva ora un reclamo contro Acasto per essere stato lasciato morire, ma un reclamo ancora più grande Peleo aveva ora contro Astydamia, perché la lettera della moglie di Acasto ad Antigone, ha visto la moglie di Peleo suicidarsi.

Ora Peleo tornò a Iolcus in cerca di vendetta e si dice che a Peleo si siano uniti Castore e Polluce, oltre a Giasone.

Peleo guidò quindi un esercito contro il regno di Acasto e presto Iolcus fu conquistata. Peleo uccise Astydamia e squartò il suo corpo, prima di far marciare il suo esercito attraverso le membra smembrate.

Spesso si presume che Acasto sia morto durante questa battaglia tra Iolco e l'esercito di Peleo, anche se non tutte le fonti antiche lo affermano, e forse Acasto continuò a governare Iolco dopo la morte di Astydamia, anche se a un certo punto ad Acasto successe sul trono di Iolco Tessalo, figlio di Giasone e Medea.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.