Cadmo e la fondazione di Tebe

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

L'EROE CADMO NELLA MITOLOGIA GRECA

Oggi la maggior parte delle persone associa il nome di Tebe al sito egiziano dell'UNESCO, ma nell'antichità Tebe era anche il nome dato a una delle città più importanti dell'Antica Grecia.

La città di Tebe

Nell'antichità Tebe era una rivale di Atene e Sparta e normalmente era l'antagonista di una delle due città-stato in quel momento in ascesa. Tebe stessa non riuscì mai a diventare la città dominante della Grecia e quando si oppose ad Alessandro Magno nel 335 a.C., la città fu distrutta. Tebe non si sarebbe mai più ripresa e oggi è solo un piccolo mercato.città.

I fatti storici si mescolano alla mitologia e, come per la maggior parte degli insediamenti dell'Antica Grecia, c'è un mito nella fondazione di Tebe; un mito che inizia con Cadmo.

La storia di Cadmo ha inizio

Cadmo era figlio di Re Agenor e la regina Telefassa di Tiro, ed era quindi fratello di Cilix, Fenice e Europa Europa sarebbe stata rapita da Zeus, così il re Agenore inviò i suoi figli, Cadmo, Cilio e Fenice, e suo nipote, Taso, a recuperare la figlia.

Naturalmente si trattava di un compito impossibile e nessuno dei fratelli sarebbe mai tornato a Tiro.

Fenice fermerà le sue ricerche in Nord Africa e troverà parte della Fenicia, Cilix fonderà la Cilicia in Asia Minore e Thasus fonderà Taso.

Cadmo avrebbe avuto il suo viaggio.

Cadmo consulta l'oracolo - Hendrik Goltzius - PD-life-100

La ricerca di Cadmo e un cambio di destinazione

Cadmo avrebbe attraversato il Mediterraneo, fermandosi sull'isola di Calliste (Thera/Santorini) e poi a Samotracia, prima di raggiungere la terraferma greca.

Sbarcato in Grecia, Cadmo chiese il parere dei Oracolo di Delfi Il consiglio dato non era quello che Cadmo si sarebbe aspettato.

L'Oracolo disse a Cadmo di lasciar perdere la ricerca del padre e di fondare invece una propria città, la cui posizione sarebbe stata determinata seguendo una mucca con una mezza luna sul fianco e costruendo poi dove la mucca si era posata per riposare.

Partendo dall'oracolo, Cadmo individuò presto la mucca che era destinato a seguire e, con il suo piccolo seguito, si mise all'inseguimento. Il viaggio si rivelò lungo, ma alla fine la mucca giunse nella zona della Beozia e sulle rive del fiume Cefiso si riposò.

Decidendo di sacrificare la vacca alla dea Atena, Cadmo inviò il suo seguito a raccogliere l'acqua da una sorgente vicina. All'insaputa di Cadmo, la sorgente era quella sacra di Ismeno, una sorgente di Ares, custodita da un serpente mortale, il Drago ismailita .

Quando i suoi uomini non tornarono dalla raccolta dell'acqua, Cadmo si recò alla sorgente e, trovando i suoi uomini morti, cercò di vendicarsi del serpente. Ne seguì un'epica lotta tra l'uomo e il serpente, ma alla fine Cadmo ebbe la meglio, uccidendo il serpente. L'uccisione del serpente, però, avrebbe causato ulteriori problemi a Cadmo che, per penitenza nei confronti di Ares, fu costretto a trascorrere otto anni al servizio del dio.

Guarda anche: La dea Persefone nella mitologia greca

In alcune versioni del racconto il periodo di servitù inizia subito, in altre avviene in un momento successivo.

Cadmo semina i denti del serpente - Bottega di Peter Paul Rubens (1577-1640) - PD-art-100

La fondazione di Tebe

Guarda anche: Sinis nella mitologia greca

Cadmo aveva scoperto il sito perfetto per costruire una città, ma ora, con il suo seguito morto, non aveva nessuno per costruirla. La dea Atena, però, sarebbe venuta in soccorso di Cadmo; la dea si era compiaciuta del sacrificio della vacca errante.

Atena disse a Cadmo di seminare la metà dei denti del serpente. Cadmo fece come la dea gli aveva ordinato e dai denti uscirono un gran numero di uomini armati e completamente cresciuti.

Temendo per la sua vita, Cadmo lanciò una pietra tra gli uomini, che iniziarono a combattere tra loro e alla fine rimasero solo in cinque.

Questi cinque uomini saranno conosciuti come Spartoi e saranno loro ad assistere Cadmo nella costruzione della nuova città; in seguito gli Spartoi diventeranno i capostipiti delle famiglie più importanti di Tebe.

I denti rimanenti del serpente furono consegnati ad Atena e alla fine si sarebbero diretti verso la Colchide, diventando un pericolo da affrontare per Giasone.

Cadmo e gli Spartoi avrebbero costruito la città attorno a una cittadella, che sarebbe stata chiamata Cadmeia. Per onorare la creazione della città, Zeus e Atena organizzarono il matrimonio tra Cadmo e Armonia Anche se in alcune storie il matrimonio è avvenuto a Samotracia.

Cadmo uccide il serpente - Hendrik Goltzius (1558-1617) - PD-art-100

Cadmo e Armonia

Tuttavia, Armonia non era una principessa mortale: era una dea minore del pantheon greco, essendo la dea greca dell'Armonia; e come tale un grande onore veniva conferito a Cadmo.

Alle nozze di Cadmo e Armonia parteciparono molti dèi e dee, e la Muse I parallelismi tra il matrimonio di Cadmo e Armonia e quello di Peleo e Teti sono evidenti.

Dal matrimonio di Cadmo e Armonia nacquero numerosi figli: le figlie Autonoe, che divenne madre di Atteone, Ino, trasformata in dea del mare, Semele, madre di Dioniso, e Agave, madre di Penteo, futuro re di Tebe. Cadmo e Armonia ebbero anche due figli, Polidoro , che fu il successore di Cadmo come re di Cadmeia, e Illirio, un figlio che diede il nome all'Illiria.

Cadmo lascia la sua città

L'Illiria non nacque in Cadmeia, perché Cadmo e Armonia lasciarono la città e si recarono nelle terre di confine della Grecia, dove in futuro si diceva vivessero gli Illiri. Cadmo avrebbe assistito a una disputa tribale, risolvendo la questione in battaglia, e in seguito sarebbe diventato re delle tribù di quest'area.

Alcuni sostengono che fu a questo punto che Cadmo e Armonia furono trasformati in serpenti, anche se se la trasformazione di Cadmo fosse avvenuta in un momento precedente, si diceva invece che Cadmo e Armonia avrebbero poi trascorso l'eternità insieme nell'Eliseo, il paradiso dell'aldilà greco.

Per quanto riguarda la città che Cadmo fondò, un paio di generazioni dopo, durante il regno di Anfione e Zethus Il nome della città sarebbe stato cambiato da Cadmeia a Tebe, in onore della moglie di Zeto, Tebe, ma il nome Cadmeia sarebbe rimasto in uso, essendo passato alla cittadella della città.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.