Il re Priamo nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

IL RE PRIAMO NELLA MITOLOGIA GRECA

Priamo di Troia

Oggi i nomi più famosi della mitologia greca sono, senza dubbio, quelli degli dei e delle dee, ma naturalmente le storie dell'antica Grecia riguardavano anche le attività dei mortali: eroi come Perseo ed Eracle erano venerati, e anche le azioni di re come Agamennone erano registrate in grande dettaglio.

Guarda anche: Cercyon nella mitologia greca

Agamennone è naturalmente una figura centrale della guerra di Troia, poiché fu il re miceneo a guidare le forze achee. La guerra era ovviamente combattuta da due parti e la città di Troia, all'epoca, era governata dal re Priamo.

Priamo figlio di Laomedonte

Priamo era figlio di Re Laomedonte di Troia, probabilmente nato dalla moglie di Laomedonte, Strymo. Si sa che Laomedonte ebbe diversi figli, tra cui Lampo e Clito, e diverse figlie, tra cui Esione.

Priamo, però, non si chiamava Priamo a quell'epoca, ma Podarces, e il suo cambio di nome ha a che fare con le azioni dell'eroe greco Eracle e del padre di Priamo, Laomedonte.

Priamo diventa re di Troia

Eracle giunse a Troia quando la città era attaccata da malattie e da un mostro marino, per punizione di Poseidone e Apollo, dopo che Laomedonte si era rifiutato di pagarli per il lavoro svolto. Eracle promise a Laomedonte di liberare Troia dagli attacchi, se il re avesse promesso di dargli in pagamento i veloci cavalli di Troia.

Laomedonte accettò l'accordo e, sulla spiaggia fuori Troia, Eracle uccise il mostro marino dopo tre giorni di combattimenti. Con la morte del mostro, anche la pestilenza lasciò Troia, ma quando Eracle si recò da Laomedonte per riscuotere il pagamento, il re rifiutò e chiuse le porte della città contro l'eroe.

Eracle sarebbe poi tornato a Troia con diverse navi di uomini, tra cui Telamon Eracle entrò in città e l'eroe greco uccise Laomedonte. Anche i figli del re furono uccisi da Eracle, finché rimase in vita solo il più giovane, Podarces. Anche lui sarebbe morto per mano di Eracle, ma Esione, la sorella di Podarces, fermò la mano di Eracle, offrendo un riscatto per il fratello; il riscatto prese la forma diPodarces avrebbe poi preso il nome di Priamo, che significa "riscattato".

Avendo avuto salva la vita, Priamo si trovò allora elevato al rango di re, perché Eracle mise il principe troiano sul trono, facendolo diventare sovrano di Troia.

Priamo di Troia, di Alessandro Cesati. 1540-1564 - Classical Numismatic Group, Inc. //www.cngcoins.com - CC-BY-SA-3.0

Troia prospera sotto Priamo

Sotto la guida di Priamo, Troia avrebbe prosperato, le mura della città sarebbero state ricostruite e la forza militare di Troia sarebbe cresciuta. Si dice addirittura che Priamo abbia guidato le forze di Troia quando si alleò con i Frigi in una guerra contro le Amazzoni.

Poiché il denaro affluiva a Troia attraverso il commercio, Priamo si costruì un magnifico palazzo; un palazzo costruito in marmo bianco brillante, che comprendeva centinaia di stanze diverse.

I figli di re Priamo

Le fonti antiche sostenevano che il re Priamo di Troia avesse generato 50 figli e 50 figlie e, sebbene la madre di questi figli non sia sempre nominata, si diceva che Priamo si fosse sposato due volte, prima con la figlia del veggente Merope, Arisbe, e poi, più notoriamente, con Hecabe .

Molti dei figli del re Priamo sono famosi, e tra i figli c'erano personaggi del calibro di Ettore, Parigi Esaco ed Elena, mentre alcune delle figlie erano Cassandra e Polissena.

Re Priamo e Parigi

Il rapporto tra il re Priamo e suo figlio Paride è probabilmente il più importante della mitologia greca, perché sarà proprio Paride a provocare la caduta di Troia.

Guarda anche: Dalla A alla Z della mitologia greca U

Quando Hecabe stava per dare alla luce Paride, Esaco Il re Priamo decise che il pericolo per Troia era abbastanza grande e chiese al suo servo Agelao di esporre il neonato sul monte Ida. Il figlio, che sarebbe diventato noto come Paride, non morì, poiché fu allattato da un'orsa prima di essere salvato da Agelao cinque giorni dopo.

Paride causerà naturalmente la caduta di Troia, poiché il suo rapimento di Elena di Sparta porterà un'armata di mille navi piene di combattenti alle porte di Troia.

Priamo, però, non fa nulla per scongiurare il pericolo per la sua città quando i rappresentanti della forza achea si recano a Troia per chiedere la restituzione di Elena e del tesoro rubato, schierandosi con il desiderio di Paride che Elena rimanga in città.

Paride presenta Elena alla corte di re Priamo - Gerard Hoet il Vecchio (1648-1733) - PD-art-100

Achille e il re Priamo

Gli altri figli del re Priamo sarebbero diventati famosi per le loro attività durante la guerra di Troia, quando le forze achee assediarono Troia per dieci anni. Priamo, però, era già avanti con l'età, per cui il re di Troia non prese parte attiva alla difesa della città e il ruolo di difensore di Troia fu affidato al figlio di Priamo, Ettore.

Durante la guerra di Troia, tuttavia, Priamo è famoso per un'azione: sfidò l'accampamento del nemico quando suo figlio Ettore fu ucciso da Achille.

La rabbia di Achille era stata tale che il corpo di Ettore era stato profanato e gli araldi di Troia non erano stati in grado di riscattarlo. Zeus, però, guardò Priamo con una certa pietà e fece scortare il re nell'accampamento acheo da Ermes. Priamo implora concretamente Achille di restituire il corpo di suo figlio affinché sia sepolto con onore. Le parole di Priamo commuovono Achille al punto che egli acconsente, efa in modo che segua una tregua temporanea per consentire i giochi funebri di Ettore.

Priamo chiede ad Achille di restituire il corpo di Ettore - Alexander Ivanov (1806-1858) - PD-art-100

La morte di re Priamo

Omero Iliade termina prima della caduta di Troia, ma altri scrittori dell'antichità hanno ripreso il racconto, che include la morte di Troia.

Quando Priamo viene a sapere che gli Achei si trovano all'interno delle mura di Troia, si dice che l'anziano re si sia adornato con la sua vecchia armatura per affrontare la minaccia. Le sue figlie, però, lo convincono a cercare rifugio nel tempio di Zeus, invece di combattere.

Il tempio, tuttavia, non si rivelò un rifugio sicuro: Neottolemo inseguì il ferito Polites, figlio di Priamo, all'interno del tempio e, mentre Priamo cercava di difendere il figlio, Neottolemo deviò la lancia scagliata contro di lui, trascinò Priamo giù dall'altare del tempio e lo trafisse.

Con la città di Troia in rovina, la stragrande maggioranza dei difensori maschi di Troia morti e le donne tenute come premio di guerra, non è rimasto nessuno a seppellire il re Priamo, che si dice sia rimasto dove è morto, finché la città non si è sgretolata intorno a lui.

La morte del re Priamo - Jules Joseph Lefebvre (1834-1912) - PD-art-100

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.