Icaro nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

ICARO NELLA MITOLOGIA GRECA

La storia del ragazzo che volò troppo vicino al sole è un personaggio famoso, anche se minore, della mitologia greca e viene raccontata e riraccontata ancora oggi. Oggi, la storia di Icaro viene spesso usata come monito per far sì che le persone siano consapevoli dei pericoli dell'eccesso di fiducia e dell'avventatezza.

Icaro figlio di Dedalo

La storia di Icaro nella mitologia greca compare in diverse fonti antiche, anche se la storia di Icaro è stata raccontata da un'altra fonte. Bibliotheca (Pseudo-Apollodoro) fornisce alcuni dettagli che mancano in altre fonti.

La storia di Icaro della mitologia greca ha inizio sull'isola di Creta, dove Icaro è il figlio di Dedalo, il leggendario artigiano e inventore. Dedalo era arrivato a Creta molti anni prima, dopo essere stato esiliato da Atene, e aveva trovato un generoso benefattore nel re Minosse.

Dedalo aveva lavorato duramente per il re Minosse e aveva raggiunto una posizione relativamente alta, per un servo, all'interno della corte reale. Come ricompensa per questo lavoro, a Dedalo era stato permesso di fare coppia con una delle bellissime schiave di Minosse, una donna chiamata Naucrate nel Bibliotheca Da questa relazione nacque un figlio, un ragazzo di nome Icaro.

Dedalo e Icaro imprigionati

La caduta in disgrazia di Dedalo e la caduta del re Minosse sarebbero seguite diversi anni dopo, perché l'eroe ateniese Teseo era destinato ad arrivare a Creta.

Teseo doveva essere uno dei giovani ateniesi da sacrificare al Minotauro come parte del tributo pagato da Atene al re Minosse. Arianna, la figlia del re Minosse, aveva però avvistato Teseo al suo arrivo sull'isola e si era innamorata dell'eroe greco.

Per aiutare Teseo, Arianna aveva chiesto l'aiuto di Dedalo, l'uomo che aveva progettato il Labirinto sotto il palazzo di Cnosso, e così Teseo entrò nel dominio del Minotauro con un gomitolo di spago e una spada. Teseo riuscì così ad uccidere il Minotauro e presto l'eroe greco e Arianna fuggirono da Creta.

Inizialmente, però, il re Minosse era più arrabbiato per l'aiuto fornito da Dedalo che per gli intrighi della figlia Arianna. Minosse, però, non voleva perdere i servigi del maestro artigiano e così, anziché essere giustiziati, Dedalo e Icaro furono rinchiusi in un'alta torre (o, in altre fonti, padre e figlio furono rinchiusi nel Labirinto).

Guarda anche: Il Gigante Aristaeus nella mitologia greca

Dedalo pianifica una fuga

Nessuna prigione avrebbe tenuto rinchiuso un inventore come Dedalo, ma quest'ultimo si rese conto che lui e Icaro non dovevano solo fuggire dalla loro prigione, ma anche lasciare Creta. Salpare da Creta sembrerebbe la soluzione più probabile, ma la marina cretese del re Minosse comprendeva le navi più veloci dell'epoca.

Dedalo decise che lui e Icaro dovevano volare via.

Naturalmente il volo con equipaggio non era mai stato intrapreso prima, e quindi Dedalo dovette inventare un metodo per volare. Il piano era di per sé semplice, perché fece raccogliere a Icaro tutte le piume che si trovavano nella loro prigione; poi, con la cera, Dedalo incollò le piume accumulate su telai di legno, e presto furono fabbricati due set di ali.

Dedalo e Icaro - Domenico Piola (1627-1703) - PD-art-100

Dedalo si rese conto che le ali che aveva fabbricato avevano molti punti deboli e quindi avvertì Icaro del pericolo di volare troppo in alto o troppo in basso: troppo in alto si sarebbe sciolta la cera usata come colla, mentre troppo in basso l'acqua di mare avrebbe impregnato le piume e il legno, rendendo le ali troppo pesanti per volare.

Icaro vola via

Arrivò il giorno in cui Icaro e Dedalo sarebbero fuggiti da Creta, e i due saltarono insieme da un cornicione, sbattendo le ali fabbricate mentre lo facevano; così il primo volo dell'uomo fu intrapreso proprio come fecero gli uccelli.

La fuga ebbe successo e non fu scoperta e ben presto, grazie a un misto di battito d'ali e planata, Dedalo e Icaro si lasciarono Creta alle spalle. Molte miglia furono presto messe tra il re Minosse e la coppia in fuga, ma quando Icaro e suo padre si avvicinarono all'isola di Samo, accadde il disastro.

La caduta di Icaro - Peter Paul Rubens (1577-1640) - PD-art-100

Icaro vola troppo vicino al Sole

Icaro era diventato troppo sicuro di sé e, ignorando gli avvertimenti dati in precedenza da Dedalo, iniziò a volare sempre più in alto. I peggiori timori di Dedalo si realizzarono presto, perché mentre Icaro volava più vicino al sole, la cera iniziò a sciogliersi e le piume si staccarono presto dal telaio di legno. In breve tempo, tutto ciò a cui Icaro rimase aggrappato furono i telai di legno, e così Icarosi tuffò verso il mare, morendo appena toccato dall'acqua.

La zona d'acqua in cui Icaro si è abbattuto sarebbe diventata nota come Mare Icario, mentre l'isola, precedentemente senza nome, in cui il corpo di Icaro si è arenato è stata successivamente chiamata Icaria.

Dedalo, ovviamente, dovette assistere alla morte del figlio senza poter intervenire, e l'addolorato Dedalo dovette volare da solo verso la salvezza. Alcune fonti, tuttavia, sostengono che l'eroe greco Eracle avesse assistito alla morte di Icaro e, riconoscendo il ragazzo come figlio di Dedalo, avrebbe eseguito i necessari riti funebri che il padre di Icaro non era stato in grado di compiere.

A Creta, la fuga di Icaro e Dedalo, passata inosservata, fu infine scoperta e Minosse partì con la sua flotta per recuperare Dedalo, poiché il re di Creta non voleva che l'artigiano lavorasse per altri. La fuga di Dedalo e Icaro, però, non aveva lasciato alcun indizio sulla direzione percorsa e così il re Minosse si trovò ad affrontare una lunga ricerca.

Guarda anche: Clitennestra nella mitologia greca
Lamento per Icaro - Herbert James Draper (1864-1920) - PD-art-100

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.