Il mondo sotterraneo nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

IL MONDO SOTTERRANEO NELLA MITOLOGIA GRECA

Nella mitologia greca l'Oltretomba era il dominio del dio greco Ade e il regno, così come il concetto di Aldilà, compariva spesso nelle storie, fungendo da guida a come le persone avrebbero dovuto vivere le loro vite.

Il dio greco Ade

Ade è la divinità greca più strettamente associata all'Oltretomba, anche se l'Oltretomba greco esisteva già prima dell'ascesa degli dei dell'Olimpo.

Ade si sarebbe legato agli Inferi dopo la Titanomachia, quando i figli di Crono si sollevarono contro il padre e gli altri Titani.

Zeus, Poseidone e Ade avrebbero poi tirato a sorte per dividersi il cosmo e, mentre a Zeus furono assegnati il cielo e la terra e a Poseidone le acque del mondo, ad Ade fu dato il dominio sugli Inferi e sull'Aldilà.

L'importanza e il potere di Ade erano riconosciuti dal fatto che gli Inferi venivano spesso chiamati Ade.

Il ruolo degli Inferi nella mitologia greca

È comune pensare agli Inferi greci come a una semplice versione dell'Inferno cristiano, e in effetti il termine Ade è stato storicamente usato come sinonimo gentile di inferno.

L'Oltretomba greco comprendeva l'intero Aldilà e conteneva sia cielo e inferno dove i giusti potessero essere elargiti e gli indegni puniti.

Ixion punito nel Tartaro - Jules-Élie Delaunay (1828-1891) - PD-art-100

La geografia del mondo sotterraneo greco

Nella mitologia greca, la credenza comune era che nessuno di coloro che entravano negli Inferi ne sarebbe mai uscito e quindi, in teoria, non c'era modo per gli scrittori antichi di descrivere accuratamente il regno dell'Ade. Detto questo, alcune caratteristiche erano menzionate nelle fonti antiche.

Il consenso generale era che l'Oltretomba, come è ovvio, si trovasse sotto la superficie della terra; anche se una visione alternativa lo vedeva all'estremità della terra.

Ingressi al mondo sotterraneo

Se il dominio dell'Ade si trovava nel sottosuolo, nelle fonti antiche venivano nominati molti ingressi agli Inferi.

Una fenditura del terreno in Sicilia fu usata da Ade, Orfeo ed Eracle usarono entrambi una grotta a Taenarum, Enea usò una grotta sul lago d'Averno, Odisseo vi entrò attraverso il lago d'Acheronte, e il Idra di Lorena sorvegliava un altro ingresso acquatico.

Il pericoloso viaggio di Teseo verso Atene intorno al Golfo Saronico vide l'eroe greco superare anche altri 6 ingressi conosciuti degli Inferi.

Le regioni del mondo sotterraneo

In generale, si può pensare che l'Oltretomba greco sia composto da tre regioni diverse: il Tartaro, i Prati degli Asfodeli e l'Elisio.

Si pensava che il Tartaro fosse la regione più profonda dell'Oltretomba, un luogo in cui un'incudine avrebbe impiegato nove giorni per raggiungerlo se fosse stata lasciata cadere dal resto degli Inferi. Tartaro è la regione del mondo sotterraneo normalmente associata a inferno Era l'area in cui si eseguivano punizioni e imprigionamenti; come tale, era il luogo in cui venivano normalmente imprigionati i Titani, Tantalo, Ixione e Sisifo.

I Prati dell'Asfodelo erano la regione dell'Oltretomba in cui finiva la maggior parte dei defunti, perché era la regione dell'indifferenza, in cui finivano coloro che non avevano vissuto né una vita troppo buona né una vita troppo cattiva. Avendo bevuto dal fiume Lethe, i defunti che si trovavano qui dimenticavano le loro vite precedenti, ma trascorrevano l'eternità in un grigiore senza pensieri.

L'Eliseo, o Campi Elisi, era la regione dell'Oltretomba a cui i mortali dovevano aspirare. L'Eliseo era la dimora degli eroi e la regione dell'Oltretomba più strettamente associata a paradiso Gli abitanti dell'Eliseo avrebbero trascorso un'eternità di piacere, liberi dal lavoro e dalle lotte.

Guarda anche: Agamennone nella mitologia greca
I fiumi del mondo sotterraneo

Gli antichi geografi parlavano anche di cinque fiumi che attraversavano gli Inferi: lo Stige, il fiume dell'odio, la Lethe, il fiume dell'oblio, il Flegetonte, il fiume del fuoco, il Cocito, il fiume del lamento, e l'Acheronte, il fiume del dolore.

L'Acheronte era il primo fiume che i defunti incontravano quando entravano nell'Oltretomba e il fiume attraverso il quale Caronte traghettava coloro che potevano permettersi di pagare. Caronte trasporta le anime attraverso il fiume Stige - Alexander Litovchenko (1835-1890) - PD-art-100

Abitanti del mondo sotterraneo

L'Oltretomba greco, naturalmente, non ospitava solo Ade e i defunti, ma era un luogo abitato da una serie di divinità, spiriti, semidei e creature.

Ade sarebbe stato raggiunto nell'Oltretomba per metà dell'anno dalla sua sposa, Persefone, la figlia di Zeus che aveva rapito. Anche tre re, Minosse, Eaco e Rhadamanthys, avrebbero risieduto nell'Oltretomba, perché erano i giudici dei morti.

Nell'Oltretomba risiedeva anche una serie di divinità greche, tra cui Ecate, dea della magia, Erebus dio delle tenebre, Nyx, dea della notte, Thanatos, dio della morte, e Hypnos, dio del sonno.

Nell'Oltretomba si trovavano anche le Erinni (le Erinni), Caronte, il traghettatore, e Cerbero, il cane da guardia a tre teste di Ade.

Guarda anche: La dea Iris nella mitologia greca

Visitatori del mondo sotterraneo

Come già accennato, nell'Antica Grecia si credeva che nessuno che fosse entrato negli Inferi ne sarebbe mai uscito, ma ci sono state molte storie di persone che hanno fatto proprio questo.

Eracle entrava nel regno dell'Ade e rimuoveva brevemente Cerbero per una delle sue fatiche; Orfeo entrava per cercare di riportare indietro la moglie defunta, Euridice; Odisseo entrava per ottenere indicazioni per tornare a casa; Enea visitava il padre defunto; Psiche cercava Eros.

Anche Teseo e Pirito entreranno insieme nell'Oltretomba, ma la loro è una ricerca indegna, perché Pirito desidera prendere Persefone Di conseguenza, Teseo e Pirito furono imprigionati da Ade, anche se alla fine Teseo sarebbe stato liberato da Eracle.

Enea e una sibilla negli inferi - Jan Brueghel il Vecchio (1568-1625) - PD-art-100

Ulteriori letture

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.