Patroclo nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

PATROCLO NELLA MITOLOGIA GRECA

Patroclo era un famoso eroe delle forze achee che assediavano Troia e, durante la guerra di Troia, Patroclo era un amico intimo di Achille.

La famiglia di Patroclo

Patroclo era figlio di Menezio nella mitologia greca; Menozio era il figlio del re Attore di Opus.

La madre di Patroclo viene chiamata in vari modi nei testi antichi, tra cui Philomela, Sthenele (figlia di Acasto), Periopis (figlia di Pheres) e Polymele (figlia di Peleo). La madre di Patroclo potrebbe anche aver dato alla luce una figlia, sorella di Patroclo, chiamata Myrto.

Patroclo e Achille sono famosi per essere amici, ma c'era anche un legame di sangue tra loro perché condividevano una bisnonna sotto forma di Egina .

Egina avrebbe dato alla luce Eaco da Zeus, che era padre di Peleo e Telamone, e quindi Egina era bisnonna di Achille, così come di Aiace il Grande e di Telamone. Teucro .

In seguito Egina sposerà Attore, diventando madre di Menezio e quindi nonna di Patroclo.

Guarda anche: Gli Spartoi nella mitologia greca

C'era quindi una differenza di età tra Patroclo e Achille, con Patroclo che si diceva fosse leggermente più vecchio.

Patroclo e Achille

Patroclo sarebbe cresciuto a Opus, la città di suo nonno, ma Menozio e Patroclo sarebbero stati costretti a fuggire dalla loro casa, quando Patroclo uccise un bambino di nome Clistene durante una partita a dadi.

Menezio e Patroclo si sarebbero diretti verso Ftia, dove furono accolti da Peleo che un tempo era stato argonauta al fianco di Menezio.

Menezio avrebbe detto a suo figlio Patroclo di essere un saggio consigliere per il più giovane Achille, ma si dice comunemente che sia Patroclo che Achille sarebbero stati seguiti dal saggio centauro Chirone, che in precedenza aveva addestrato personaggi come Giasone e Asclepio.

Allo stesso tempo, si dice che Patroclo avrebbe imparato le arti curative da Achille, che le aveva apprese da Chirone, anche se non è chiaro perché, se Patroclo e Achille sono stati addestrati dal centauro allo stesso tempo, Chirone non abbia insegnato a Patroclo stesso.

Patroclo, pretendente di Elena

Il nome di Patroclo compare comunemente negli elenchi dei pretendenti di Elena, Patroclo appare sia nelle Fabulae che nella Bibliotheca, anche se non nei frammenti del Catalogo delle donne di Esiodo.

Patroclo si sarebbe così diretto verso Sparta, quando Re Tindaro annunciò che la bella Elena, figlia di Leda, stava per sposarsi e che i pretendenti idonei potevano presentarsi per essere presi in considerazione.

Durante il viaggio verso la corte di Tindaro, si dice che Patroclo abbia ucciso un uomo di nome Las, colui che aveva fondato l'insediamento di Las in Laconia. Non vengono però forniti dettagli sulle cause della lite tra i due uomini.

A Sparta si sarebbero potuti verificare altri spargimenti di sangue, perché Tindaro era preoccupato che si sviluppassero discussioni tra i pretendenti al momento della scelta del nuovo marito di Elena, ma l'invenzione del Giuramento di Tindaro da parte di Odisseo alla fine lo evitò.

Patroclo, naturalmente, non fu scelto come marito di Elena, perché fu scelto Menelao come marito e nuovo re di Sparta; ma a quel punto Patroclo aveva preso il posto di Giuramento di Tyndareus , una promessa di proteggere il marito di Helen in futuro.

Questo fu probabilmente un periodo di separazione tra Achille e Patroclo, poiché Achille non era comunemente nominato pretendente di Elena e, nel periodo precedente la guerra di Troia, Teti nascose Achille alla corte di Licomede.

Patroclo ad Aulis

Avendo prestato il giuramento di Tindaro, Patroclo aveva il dovere di radunare le forze quando Agamennone chiese di radunare una flotta a Aulis Ora, Omero non menziona Patroclo in modo specifico, quindi si presume che Patroclo, e le eventuali truppe raccolte, fossero annoverate tra le 50 navi di Achille.

Igino, in Fabuale Il testo di Patroclo, in particolare, parla di 10 navi provenienti da Ftia.

Patroclo a Troia

Il viaggio verso Troia fu difficile e a un certo punto gli Achei sbarcarono in Misia, una terra governata da Telfo; la forza di spedizione degli Achei sarebbe stata sopraffatta dai Misi, se non fosse stato per gli sforzi di Patroclo e Achille, che difesero i loro compagni nella ritirata verso le loro navi.

Alla fine, però, gli Achei, Patroclo compreso, arriveranno a Troia. Patroclo, però, si mette in luce, secondo l'Iliade, solo quando la guerra è ormai in corso da diversi anni.

A questo punto, tra Agamennone e Achille era sorto un disaccordo per il premio di guerra a Briseide, e di conseguenza Achille e i Mirmidoni si rifiutavano di combattere, mentre Patroclo, allo stesso modo, rimaneva nella sua tenda.

Patroclo e l'armatura di Achille

L'assenza di Achille e dei suoi uomini diede ai Troiani un grande cuore e anche un grande vantaggio sul campo di battaglia, tanto che le navi achee spiaggiate erano minacciate. Il rispettato Nestore si recò da Patroclo per implorare aiuto; Patroclo ascoltò le parole di Nestore e riferì le notizie della guerra ad Achille. Anche Patroclo vide con i suoi occhi i danni che venivano inflitti, poichéPatroclo si sarebbe preso cura della ferita di Euriplo, inferta in un recente combattimento.

Achille si rifiutò di combattere, ma Patroclo convinse l'amico a permettergli di indossare l'armatura di Achille e di guidare il gruppo. Mirmidoni Achille si rese conto che la distruzione della flotta sarebbe stata disastrosa, e così Achille acconsentì che Patroclo potesse difendere le navi, ma che quando la difesa fosse riuscita dovesse tornare alla sua tenda.

I Mirmidoni entrarono così nuovamente in battaglia, con Patroclo, rivestito dell'armatura di Achille, in sella a un carro, guidato da Automedonte in primo piano.

La morte di Patroclo

I combattimenti intorno alle navi furono accaniti, ma la determinazione dei Troiani attaccanti venne meno quando si accorsero che Achille era tornato a combattere, senza ovviamente rendersi conto che si trattava di Patrolcus.

Quando fu evidente che le navi achee non avrebbero bruciato quel giorno, l'esercito troiano si ritirò nuovamente a Troia.

A questo punto Patroclo dimenticò le parole di Achille e partì all'inseguimento dei Troiani.

Patrolcus si sarebbe battuto fino alle porte di Troia e in breve tempo avrebbe sconfitto 25 difensori troiani, tra cui personaggi del calibro di Sarpedon Melanippo ed Elaso; questi difensori caddero sotto la lancia di Patroclo, oppure attraverso le rocce usate da Patroclo come armi.

A questo punto, però, Apollo intervenne in aiuto dei Troiani, consentendo a Euforbo di ferire Patrolco con una lancia alla schiena e poi a Ettore di infliggere una ferita mortale con una lancia allo stomaco.

La caduta di Patroclo fu osservata dagli altri eroi achei sul campo di battaglia, e Menelao e Aiace il Grande si diressero verso il corpo del compagno. Quando vi giunsero, l'armatura di Achille era già stata spogliata da Ettore Ma Menelao e Aiace lottarono strenuamente affinché il corpo di Patroclo non venisse violato.

Arrivarono poi altri eroi achei e Menelao e Merione trasportarono il corpo di Patrolco nell'accampamento acheo, mentre Aiace il Grande e Aiace il Piccolo difendevano la ritirata.

Il corpo fu riportato ad Achille e lì Achille pianse l'amico morto.

Greci e Troiani in lotta per il corpo di Patroclo - Antoine Wiertz (1806-1865) - PD-art-100

Il funerale di Patroclo

Achille si rifiutò di dare sepoltura al corpo di Patroclo e Teti, la madre di Achille, lo unse con l'ambrosia per evitare che si decomponesse. Alla fine il fantasma di Patroclo si presentò ad Achille per chiedere un rito funebre adeguato, affinché potesse continuare il suo viaggio negli Inferi.

La pira costruita per Patrolcus era di 100 piedi per 100 piedi, ma si rifiutò di accendersi fino a che Borea e Zefiro furono chiamati ad aiutare l'illuminazione.

Patroclo sarebbe stato cremato e Achille organizzò dei giochi funebri in suo onore, in cui Diomede si impose su personaggi del calibro di Merioni e Antiloco nella corsa dei carri, mentre Teucro si aggiudicò la gara di tiro con l'arco.

Guarda anche: I Laestrigoni nella mitologia greca I funerali di Patroclo - Jacques-Louis David (1748-1825) - PD-art-100

Achille torna a combattere

La morte di Patroclo vide Achille rientrare in guerra, ma dopo la morte di Ettore e di Memnon Achille stesso fu ucciso e le sue ceneri furono mescolate a quelle di Patroclo nella stessa urna d'oro.

Achille e Patroclo si sarebbero riuniti nell'aldilà, perché entrambi avrebbero risieduto per l'eternità sull'Isola Bianca, paradiso degli antichi greci, dove si sarebbero ritrovati molti degli eroi della guerra di Troia.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.