Hylas nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

HYLAS NELLA MITOLOGIA GRECA

La storia di Hylas è uno dei racconti mitologici greci più duraturi, poiché l'amicizia tra Hylas ed Eracle e la scomparsa di Hylas durante la spedizione degli Argonauti sono state protagoniste di opere artistiche per centinaia di anni.

Principe Hylas

Hylas nacque alla corte reale dei Dryopes (il popolo della terra che sarebbe stata conosciuta come Doris), poiché Hylas era figlio del re Theiodamas; e normalmente si diceva che Hylas fosse nato dalla moglie di Theiodamas, Menodice, una figlia di Orione .

Guarda anche: Astydamia nella mitologia greca

Tuttavia, Hylas sarebbe presto rimasto orfano di padre, poiché Theiodamas sarebbe morto per mano dell'eroe greco Eracle: comunemente si dice che Eracle abbia ucciso uno dei pregiati tori da aratura di Theiodamas quando l'eroe era affamato, e che Theiodamas sia morto quando ha cercato di vendicarsi di Eracle.

Alcuni sostengono però che Teiodamas morì in battaglia quando Eracle e il suo amico Ceyx guidò un esercito contro i Dryopi.

Non sarebbe stato insolito per Eracle uccidere Hylas, figlio di Teiodama, al momento dell'uccisione del re, per evitare futuri atti di vendetta, ma invece Eracle decise di portarlo con sé, forse preso dalla bellezza del giovane.

Forse, però, Hylas non era affatto figlio di Theiodamas, perché a volte si diceva che Hylas era figlio di Ceyx e Alcyone, o di Eracle e Menodice, o di Eracle e Melite.

Hylas ed Eracle

Eracle avrebbe fatto di Hylas il suo portatore d'armi e Hylas sarebbe stato istruito nelle vie dell'eroe dal più grande di tutti gli eroi greci, e presto Hylas sarebbe stato più che competente con l'arco e la lancia.

Poco dopo ci fu un grande raduno di eroi a Iolcus, perché Giasone era stato incaricato di riportare indietro il Vello d'oro Era naturale che Eracle venisse accettato come argonauta, ma era tale la bravura di Hylas che anche lui sarebbe stato presto annoverato nell'equipaggio dell'Argo.

Hylas ed Eracle, anche se erano destinati a non raggiungere la Colchide. Hylas con una ninfa - John William Waterhouse (1849-1917) - PD-art-100

Hylas rapito

L'Argo avrebbe raggiunto l'Asia Minore e la nave e l'equipaggio si sarebbero fermati a Mysia per rifornirsi di acqua e cibo.

Eracle andava a caccia mentre Hylas cercava di riempire le brocche d'acqua. Hylas individuava una fonte d'acqua dolce alla sorgente di Pegae e si metteva a riempire d'acqua i suoi recipienti. La sorgente di Pegae ospitava anche Ninfe naiadi , proprio come tutte le altre sorgenti, fontane e laghi.

Dalle profondità della sorgente, le Naiadi scorsero il bellissimo Hylas mentre si sporgeva sulla superficie della sorgente. Le Naiadi decisero che questo giovane mortale doveva essere loro, e così una Naiade, forse di nome Dryope, raggiunse l'acqua e, afferrando Hylas, lo tirò sotto la superficie della sorgente, facendo gridare Hylas di sorpresa. Hylas e le ninfe dell'acqua - Henrietta Rae (1859-1928) - PD-art-100

La ricerca di Hylas

Un altro Argonauta Polifemo, figlio di Elato, sentì gridare Hylas e si mise alla ricerca di Hylas, temendo che il giovane fosse stato attaccato dai briganti. Polifemo incontrò Eracle di ritorno dalla sua battuta di caccia e i due si unirono per continuare la ricerca.

Per quanto si potesse cercare, però, Hylas non si trovava, e alcuni raccontano che le Naiadi trasformarono la voce di Hylas in un'eco, così che quando Eracle e Polifemo chiamavano il loro compagno, Hylas non poteva che ripetere il proprio nome.

Forse però Hylas non desiderava essere trovato, perché alcuni dicono che, essendo stato reso immortale e senza età, Hylas fosse più che soddisfatto di trascorrere l'eternità tra le bellissime Naiadi.

Guarda anche: Arpocrate nella mitologia greca Hylas e le ninfe - John William Waterhouse (1849-1917) - PD-art-100

I cercatori abbandonati

L'assenza di tre dei loro compagni non era passata inosservata agli altri Argonauti, ma ora soffiavano alcuni dei venti più favorevoli di tutto il loro viaggio. Giasone avrebbe preso la difficile decisione di lasciare indietro Hylas, Eracle e Polifemo, una decisione che avrebbe suscitato grande astio da parte degli Argonauti. Telamon Alla fine, però, il dio del mare Glauco informerà gli Argonauti che è volontà degli dei che Eracle non continui a far parte degli Argonauti.

Nonostante l'abbandono in Mysia, Eracle e Polifemo continuarono a cercare Hylas, ma mentre di tanto in tanto credevano di sentire i loro nomi chiamati, i richiami erano così deboli che non fu mai possibile individuarne la fonte.

Alla fine Eracle abbandonò la ricerca di Hylas, ma Polifemo rimase. Polifemo sarebbe diventato re di Cius, ma avrebbe continuato a cercare il compagno scomparso fino alla morte. Anche dopo la morte di Polifemo, la gente di Cius avrebbe cercato Hylas una volta all'anno, perché si diceva che Eracle avesse minacciato di tornare e distruggere la Mysia se Hylas non fosse stato trovato.

Hylas, però, non fu mai ritrovato e forse oggi vive come immortale tra le Naiadi.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.