Castore e Polluce nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

CASTORE E POLLUCE NELLA MITOLOGIA GRECA

Le storie della mitologia greca sono composte da centinaia di personaggi, siano essi uomini o dèi. Oggi, relativamente pochi di questi personaggi sono noti alla maggior parte delle persone, ma anche quando i nomi non sono riconosciuti esiste ancora un legame con i giorni nostri; l'esempio di Castore e Polluce ne è un esempio.

I nomi di Castore e Polluce potrebbero non essere così famosi oggi, ma la loro storia è legata a quella della loro sorella, Elena di Troia, e, cosa ancora più famosa, i due fratelli gemelli danno uno dei loro nomi combinati alla costellazione di stelle dei Gemelli.

La nascita di Castore e Polluce

Castore e Polluce, o Kastor e Polydeukes in greco antico, erano figli gemelli della regina Leda Leda era la moglie del re Tindaro. La storia della nascita dei fratelli, tuttavia, non è semplice.

La regina Leda era una delle più belle mortali dell'epoca e tale bellezza non sarebbe passata inosservata a Zeus che sedeva sul suo trono sul Monte Olimpo.

Guarda anche: La storia di Sarpedonte nella mitologia greca

Desideroso di Leda, Zeus si trasformò in un bellissimo cigno e scese a Sparta, dove giacque con la regina spartana e riuscì a mettere incinta Leda.

La sera stessa, Leda ha dormito anche con Tyndareus e l'azione combinata di Zeus e Tindaro avrebbe generato quattro figli.

Leda e il cigno - Bertalan Székely (1835-1910) - PD-art-100

I quattro figli nati da Leda erano i due fratelli Castore e Polluce e due sorelle, Elena e Clitennestra; Castore e Clitennestra erano considerati figli del re Tindaro, mentre Polluce ed Elena erano figli di Zeus.

Poiché la coppia di fratelli gemelli era inseparabile, fu dato loro un nome comune: nella mitologia greca furono chiamati Dioscuri (Dioskouroi) e a Roma Gemelli.

Elena diventerà famosa quando verrà rapita da Paride e le verrà dato il titolo di Elena di Troia, mentre Clitennestra sposerà il re Agamennone. Anche i fratelli avranno le loro storie, anche se la cronologia di queste storie è piuttosto elastica.

Leda e i suoi figli - Giampietrino - PD-art-100

L'eroismo dei Dioscuri

Crescendo, Castore e Polluce svilupparono tutti gli attributi associati agli eroi greci e, in particolare, Castore divenne noto per la sua abilità con i cavalli, mentre Polluce fu molto apprezzato per le sue capacità di combattimento e, in particolare, di boxe.

Guarda anche: L'Argonauta Polifemo

Il rapimento di Helen - Gli attributi eroici furono presto messi alla prova quando la sorella Elena fu rapita, ma non si trattava del rapimento intrapreso da Paride di Troia, bensì di uno precedente commesso da Teseo.

Teseo e il suo compagno Pirito Il re di Sparta aveva deciso che entrambi erano degni di sposare le figlie di Zeus, così Elena fu prelevata da Teseo e riportata ad Atene, mentre Castore e Polluce avrebbero guidato l'esercito spartano verso l'Attica.

I Dioscuri avrebbero facilmente conquistato Atene, dato che Teseo era assente in quel momento, e dopo aver salvato Elena, Castore e Polluce avrebbero preso anche la madre di Teseo. Aethra per punizione.

Come già accennato in precedenza, la linea temporale dei Dioscuri è piuttosto fluida; spesso si dice che Elena avesse solo tra i sette e i dieci anni al momento del primo rapimento, quindi Castore e Polluce avrebbero la stessa età. Esistono anche altri enigmi: nelle avventure successive Castore e Polluce sono compagni di uomini i cui figli avrebbero combattuto a Troia, il che rende Elena molto più vecchia di tutti gli uomini presenti sulla nave.Parte achea.

Castore e Polluce e l'Argo - Konstantinos Volanakis (1837-1907) - PD-art-100 Il vello d'oro - Castore e Polluce sono universalmente nominati tra i Argonauti Durante la ricerca del vello d'oro, Polluce è noto per aver sconfitto il re di Bebryces durante un incontro di pugilato.

Per aver guidato l'Argo attraverso una tempesta particolarmente violenta, Castore e Polluce vennero unti con delle stelle sul capo; in seguito sarebbero diventati angeli custodi per altri marinai, con la presenza del fuoco di Sant'Elmo come segno della loro presenza e del loro aiuto.

Castore e Polluce avrebbero aiutato Giasone anche al ritorno dell'Argo a Iolcus, aiutando l'eroe ad affrontare il tradimento di Pelia.

La caccia al calidonio - I Dioscuri sono nominati anche tra gli eroi che si riunirono per cacciare il mostruoso cinghiale che stava devastando Calydon. L'uccisione del Cinghiale calidonio è dovuto al lavoro di Meleagro, con l'assistenza di Atalanta, ma comunque i gemelli erano tra i cacciatori.

La scomparsa di Castore e Polluce

I Dioscuri erano ben noti per la loro protezione nei confronti di Elena e, quando giunse il momento di sposare Elena, svolsero un ruolo attivo nel mantenere la I pretendenti di Elena ma quando si trattò di salvarla da Troia, i due si distinsero per la loro assenza, dovuta al fatto che non erano più tra i vivi.

La storia di Castore e Polluce si era evoluta in modo tale che Polluce, come si addiceva al figlio di Zeus, era considerato immortale, mentre Castore, in quanto figlio di Tindaro, era considerato mortale; e così fu quest'ultimo a morire.

La morte di Castore avvenne a causa di una serie di litigi con Idas e Lynceus, due cugini dei Dioscuri.

I quattro cugini vivevano insieme delle avventure, ma un giorno Castore e Polluce decisero che avrebbero preso come proprie Ilaria e Febe, due donne promesse in sposa a Idas e Linceo. Si dice che Ilaria avrebbe dato alla luce un figlio a Castore, Anogone (Anaxis), mentre Febe avrebbe dato alla luce Mnasino (Mnesileos) per Polluce.

Un'ulteriore discordia si creò quando Castore e Polluce si ritennero defraudati di una parte del bestiame rubato dai quattro cugini. Per ottenere la loro parte, i Dioscuri decisero di prendere la mandria di Idas e Lunceo. Castore e Polluce, però, vennero colti sul fatto e scoppiò una rissa. Idas uccise Castore durante la lotta e Polluce uccise Linceo; Zeus allora intervenne, colpendo a morte Idas.

Con il cuore spezzato dalla morte del fratello, Polluce implorò Zeus di rendere immortale Castore; alla fine Zeus acconsentì alla richiesta e così Castore e Polluce furono trasformati nella costellazione dei Gemelli. Per bilanciare il cosmo, però, i Dioscuri sarebbero stati in cielo solo per metà dell'anno, mentre gli altri sei mesi li avrebbero trascorsi negli Inferi.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.