Ecabeo nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

HECABE NELLA MITOLOGIA GRECA

La regina Ecbe nella mitologia greca

Nella mitologia greca, Ecabè era la regina della città di Troia e moglie del re Priamo. Famosa soprattutto per i suoi figli, Ecabè diventerà più importante negli eventi che seguiranno il saccheggio di Troia.

Hecabe

Nei testi antichi c'è poco accordo sulla discendenza di Ecabeo.

Vengono indicati tre potenziali padri di Ecabeo: Dymas, re della Frigia, Cisseo, re della Tracia, e Sangario, re della Tracia. Potamoi .

Se Dymas è il padre di Hecabe, allora Hecabe aveva due fratelli Asius e Meges, mentre se il padre è Cisseus, allora Hecabe aveva una sorella sotto forma di Theano, che divenne moglie di Antenore.

Ecabè moglie e madre

Hecabe diventerà la seconda moglie di Re Priamo Il numero di figli partoriti da Ecabè varia da una fonte all'altra: alcuni autori parlano di 19 figli, ma il numero più comune è 14.

In genere vengono nominati dieci figli di Ecabé, che sono Ettore , Paride, Deifobo, Elena, Polite, Antifonte, Pammon, Ippone, Polidoro Potenzialmente, Troilo non è figlio di Priamo ed Ecabeo, ma è stato generato dal dio Apollo.

Sono indicate anche quattro figlie di Ecabé; Cassandra Laodice, Polissena e Creusa.

Lo stesso re Priamo potrebbe aver generato ben 68 figli e altre 18 figlie.

Ecabea Madre di Parigi

Hecabe viene alla ribalta per quanto riguarda gli eventi della guerra di Troia, anche se è solo una figura periferica nell'Iliade di Omero, dove Hecabe viene mostrata come una moglie e una madre doverosa, che offre consigli a Priamo e a Ettore.

Nella cronologia della guerra di Troia, Ecabeo è naturalmente fondamentale nella storia di Parigi ' nascita.

Mentre era incinta, Ecabe avrebbe avuto un sogno in cui la regina di Troia partoriva una torcia ardente, che poi vagava per la città di Troia, causandone l'incendio.

Esaco, figliastro di Ecabeo, nato dalla prima moglie di Priamo, Arisbe, fu chiamato a interpretare il sogno, poiché era un veggente molto abile. Esaco affermerebbe che il figlio che Ecabeo stava per partorire sarebbe stato la causa della distruzione di Troia, e quindi questo figlio doveva essere esposto alla nascita.

Paride era naturalmente il figlio nato da Ecabeo e, pur essendo stato abbandonato sul monte Ida, non morì e fu allevato come mandriano. Paride tornò infine a Troia e prese posto nella corte reale come figlio di Priamo e di Ecabeo.

Il destino dei figli di Ecabeo

Dopo l'arrivo delle forze achee a Troia, Ecabè avrebbe assistito alla morte della maggior parte dei suoi figli, dei suoi nipoti e di suo marito durante i dieci anni di combattimenti e il saccheggio di Troia.

Antifa - ucciso da Agamennone durante la guerra

Ettore - ucciso da Achille durante la guerra

Troilo - ucciso da Achille durante la guerra

Ipponico - ucciso da Achille durante la guerra (ultimo troiano ucciso da Achille)

Parigi - ucciso da Filottete durante la guerra

Deifobo - ucciso da Menelao durante il Sacco di Troia

Politi - ucciso da Neottolemo durante il Sacco di Troia

Pammon - ucciso da Neottolemo durante il Sacco di Troia

Polidoro - ucciso da Polimestore in Tracia durante la caduta di Troia

Eleno - sopravvive alla guerra, diventa re greco dell'Epiro e sposa Andromaca

Ecabeo e Polissena - Merry-Joseph Blondel (1781-1853) - PD-art-100

Laodice - potenzialmente sopravvive alla guerra e viene liberato, oppure scompare in un abisso creato divinamente.

Creusa - muore durante il Sacco di Troia perché incapace di tenere il passo di Enea

Polissena - sacrificato sulla tomba di Achille

Cassandra - diventa concubina di Agamennone e viene uccisa al suo arrivo a Micene.

Lo stesso Priamo fu ucciso da Neottolemo, dopo aver indossato la sua vecchia armatura per un'ultima battaglia, nonostante le suppliche di Ecabeo di cercare rifugio in uno dei templi di Troia.

Il destino di Ecabeo

La stessa Ecabea sarebbe sopravvissuta al saccheggio di Troia, quando ormai erano ancora vivi solo Elena, che era precedentemente partita da Troia, Polissena, Cassandra e potenzialmente Laodice.

Hecabe, come Cassandra, Andromaca e le altre donne di Troia sarebbero diventate prigioniere delle forze achee, ed Ecabea fu data a Odisseo come sua parte del bottino di guerra.

Ma il dolore di Ecabeo era ancora più grande: avrebbe assistito al sacrificio della figlia minore Polissena, sulla tomba di Achille, perché si diceva che il suo sacrificio fosse stato invocato dal fantasma di Achille e che la sua morte avrebbe potuto portare venti favorevoli alla flotta achea, così come si diceva che il sacrificio della figlia di Agamennone, Ifigenia, avesse portato venti favorevoli a Troia.

Ecabeo e Polimestore

Si dice che lo stesso giorno del sacrificio di Polissena, il corpo di Polidoro, figlio minore di Ecabeo, si sia arenato sulla spiaggia vicino all'accampamento acheo.

Ecabeo e Priamo avevano inviato il figlio minore in Tracia per garantirgli la sopravvivenza, affidando la cura di Polidoro a Re Polimestore .

Si diceva però che Polimestore avesse ucciso Polidoro quando aveva saputo della caduta di Troia, forse per ottenere l'amicizia degli Achei e forse per ottenere il tesoro troiano che aveva accompagnato Polidoro in Tracia.

Ecabeo uccide Polimestore - Giuseppe Crespi (1665-1747) - PD-art-100

Ecabeo inviò un messaggio a Polimestore chiedendo al re di venire a Troia, con la promessa di rivelare dove fosse nascosto il resto del tesoro troiano; Ecabeo, ovviamente, non rivelò di sapere che Polimestore aveva ucciso suo figlio.

Agamennone sapeva bene cosa stava facendo Ecabeo e aveva predisposto un percorso chiaro per il suo messaggero, Agamennone in uno stato d'animo conviviale, perché la figlia di Ecabeo, Cassandra, era ora la concubina del re miceneo.

Guarda anche: Bellerofonte nella mitologia greca

Così Polimestore giunse a Troia e, percepito come alleato degli Achei, entrò nella tenda di Ecabeo; lì Polimestore e i suoi due figli si trovavano in mezzo a un certo numero di donne troiane e, non sospettando alcuna trappola, Polimestore abbassò la guardia. Allora le donne estrassero i pugnali e uccisero i due figli di Polimestore e, mentre il re di Tracia era tenuto fermo, Ecabeo gli cavò gli occhi.

Guarda anche: Eco e Narciso nella mitologia greca

Agamennone, tuttavia, si rifiutò di punire Ecabeo per le sue azioni e per quelle delle altre donne troiane, ritenendole una giusta punizione per l'omicidio di Polidoro, che era stato preso in custodia.

La fine di Ecabea

Si raccontano varie storie sulla fine di Ecabeo, ma comunemente si narra che mentre Ecabeo, schiavo di Odisseo, salpava da Troia, l'ex regina di Troia si gettò dalla nave in mare, ritenendo che la morte fosse meglio della schiavitù.

In alternativa, Hecabe fu forse trasformata in cane dagli dèi, poiché quando fu attaccata dai Traci, in cerca di vendetta per la mutilazione di Polimestore, ringhiò contro di loro come se fosse un cane; oppure la trasformazione di Hecabe avvenne quando ringhiò e maledisse Odisseo e gli altri Achei.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.