La storia di Sarpedonte nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

LA STORIA DI SARPEDONE NELLA MITOLOGIA GRECA

Sarpedonte non è necessariamente il più famoso dei nomi della mitologia greca, ma è un nome che compare alla periferia di molte storie famose dell'Antica Grecia. C'è però da chiedersi quanti Sarpedoni distinti ci siano stati.

Guarda anche: La regina Niobe nella mitologia greca

Nella mitologia greca non è raro trovare più personaggi che condividono lo stesso nome; ad esempio, a Creta, Asterione era il re di Creta che aveva sposato Europa, ma era anche il nome di battesimo del Minotauro .

In questo caso è abbastanza chiaro che si trattava di due figure distinte, mentre nel caso di Minosse non è così netto: alcune fonti chiariscono che c'era un solo re di Creta, ma altre distinguono tra nonno e nipote, un re giusto ed equo e uno malvagio.

Una situazione simile a quella di Minosse potrebbe esistere con il personaggio mitologico di Sarpedonte.

Il primo Sarpedon

Il primo Sarpedonte, nella mitologia greca, è, come Asterione e Minosse, una figura legata all'isola di Creta, poiché era fratello di Minosse, o almeno del primo Minosse.

Zeus avrebbe rapito la bella Europa dalla sua patria, Tiro, e l'avrebbe trasportata a Creta, trasformata in toro. La relazione tra Zeus ed Europa si consumò sotto un cipresso e in seguito nacquero tre figli. Europa Minosse, Rhadamanthus e Sarpedon.

I tre ragazzi furono adottati dal re Asterione quando sposò la loro madre, ma alla morte di Asterione si pose il problema della successione.

La disputa si risolse quando Minosse ricevette un segno del favore di Poseidone; per evitare conflitti futuri, gli altri due fratelli furono banditi da Creta. Rhadamanthus si sarebbe recato in Beozia, mentre Sarpedon si sarebbe recato a Milyas, una terra che in seguito sarebbe stata ribattezzata Licia. Sarpedon, infatti, sarebbe stato nominato re di Licia.

Come re, Sarpedone diventerà padre di due figli avuti da una donna tebana senza nome: Evandro e Antifate.

Sarpedonte fu anche benedetto da suo padre, Zeus, che diede al re di Licia una lunga vita, che si dice fosse l'equivalente di tre vite normali.

Hypnos e Thanatos trasportano Sarpedon - Henry Fuseli (1741-1825) PD-art-100

Il secondo Sarpedon

Il nome di Sarpedonte viene alla ribalta durante la guerra di Troia, perché è un nome scritto da Omero come uno dei difensori di Troia.

Le fonti antiche che sostenevano che Sarpedone fosse stato benedetto dalla lunga vita, affermano poi che il Sarpedone di Troia era figlio di Zeus e di Europa. Gli scrittori, pur ritenendo che questa longevità fosse essa stessa un mito, cercarono di riconciliare l'apparizione di Sarpedone a Troia, affermando che era il nipote del primo Sarpedone.

Guarda anche: Le sirene nella mitologia greca

Questa riconciliazione dei personaggi renderebbe Sarpedonte nominalmente figlio di Evandro e Laodamia (o Deidamia), quindi nipote del primo Sarpedone e anche di Bellerofonte. Per dare continuità al racconto, però, questo Sarpedone non era realmente figlio di Evandro, perché Zeus aveva giaciuto con Laodamia per far nascere il bambino.

Sarpedonte sarebbe salito al trono di Licia, quando gli zii e i cugini avessero ritirato le proprie pretese; in effetti sarebbe dovuto essere il cugino di Sarpedone Glauco che era giustamente erede al trono di Licia.

Tuttavia, fu Sarpedone a guidare i Lici nella difesa di Troia quando gli Achei attaccarono gli alleati troiani dei Lici, anche se Glauco marciò a fianco del cugino.

Durante la guerra di Troia, Sarpedone diventerà uno dei difensori più apprezzati di Troia, accanto a Enea e subito dopo Ettore.

Nelle storie sulla difesa di Troia, Sarpedonte e Glauco combattevano spesso l'uno al fianco dell'altro e, nel racconto più famoso, i due cugini conducevano un attacco su due fronti contro l'accampamento acheo, mettendo in pericolo le navi degli assedianti.

Era stato però profetizzato che Sarpedonte era destinato a morire per mano di Patroclo a Troia; e uno scontro uno contro uno sarebbe avvenuto tra i due quando Patroclo avrebbe indossato l'armatura di Achille per difendere l'accampamento acheo.

Zeus si interrogava sull'idea di salvare il figlio Sarpedonte dal suo destino, ma gli altri dei e dee, tra cui Era, facevano notare che molti dei loro figli stavano combattendo e morendo a Troia, e Zeus cedette e non interferì. Sarpedone fu quindi ucciso da Patroclo.

Glauco combatte tra le file delle forze achee per recuperare il corpo del cugino, anche se l'armatura del re licio era ormai stata tolta dal corpo. A quel punto intervennero gli dei: Apollo avrebbe purificato il corpo di Sarpedonte e poi i figli di Nyx, Ipnosi e Thanatos avrebbe trasportato il corpo in Licia per il completamento dei riti funebri.

Sarpedone trasportato - Henri Leopold Levy (francese; 1840-1904) PD-art-100

Il terzo Sarpedon

Il nome di Sarpedonte compare di nuovo nella mitologia greca, in particolare nel libro Bibiloteca , anche se questo Sarpedon non è legato ai primi due.

Questo Sarpedonte sarebbe un uomo incontrato dall'eroe greco Eracle, che stava tornando a Tirinto, dopo aver ottenuto con successo la cintura di Ippolito per il suo nono Lavoro quando sbarcò sulle coste della Tracia, nei pressi della città di Aenus.

A quell'epoca Enus era governato da Poltys, un figlio di Poseidone. Enus aveva un fratello di nome Sarpedon che fu estremamente scortese con Eracle durante il suo breve soggiorno in Tracia. Per punizione, Eracle, mentre lasciava le coste della Tracia, prese arco e frecce e uccise Sarpedon.

Il terzo Sarpedone non è che una figura minore, e oggi il nome di Sarpedone è più strettamente associato al difensore di Troia, perché questo Sarpedone era eroico e leale.

Apollo e Sarpedone - Jean-Simon Berthélemy (1743-1811) - PD-art-100

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.