Il Cetus etiopico nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

DALLA A ALLA Z DELLA MITOLOGIA GRECA

Il Ceto etiopico era una mostruosa creatura marina di cui si parla nella mitologia greca. Associato alla terra di Etiopia, questo Ceto sarebbe stato incontrato dall'eroe greco Perseo.

Il Cetus Aethiopian Figli di Phorcys

Il Cetus etiopico era la progenie delle divinità marine primordiali Forcie Il Ceto etiopico era quindi un fratello stretto del Ceto troiano, mostro marino incontrato da Eracle, e delle tre Graie, le Gorgoni, Echidna e Ladone.

Guarda anche: Dei e dee greche

Le descrizioni dell'aspetto del Cetus etiopico sono scarse e provengono per lo più da ceramiche, dove il Cetus è spesso raffigurato come un serpente marino, anche se occasionalmente sono presenti anche appendici simili a piedi. Nell'antichità, il nome Cetus era dato anche a balene, squali e pesci di grandi dimensioni, anche se queste creature avrebbero avuto problemi a devastare le coste.

Perseo e il Cetus etiopico

Il Cetus etiopico viene alla ribalta durante le avventure dell'eroe greco Perseo. Perseo, dopo aver decapitato Medusa, stava tornando a casa a Serifo, utilizzando i sandali alati di Ermes, quando sorvolò l'Etiopia, la terra a sud del Sahara. Lì Perseo vide la bella Andromeda incatenata a rocce che sporgevano dall'acqua e l'eroe greco osservò anche l'avvicinarsi del Cetus etiopico.Cetus.

Il Cetus arriva in Etiopia

C'è ovviamente un motivo per cui Andromeda è incatenata alle rocce, in attesa del suo destino come pasto per l'etiope Cetus.

Inizia con l'arroganza della madre di Andromeda, la regina Cassiopea, moglie del re Cefalo, che si vantava che la propria bellezza, o quella della figlia Andromeda, superasse quella delle Nereidi, le ninfe figlie di Nereo.

Guarda anche: Tlepolemo nella mitologia greca

Il Nereidi facevano parte del seguito di Poseidone e, quando sentirono il vanto di Cassiopea, invitarono Poseidone a punire la regina di Etiopia per essersi paragonata alle dee, anche se minori.

Poseidone inviò allora un'inondazione per inondare la costa e il Ceto etiope per devastare l'Etolia, uccidendo tutti gli incauti.

Cefalo consultò l'Oracolo di Ammone, che gli disse che doveva sacrificare la figlia e che la popolazione etiope non avrebbe permesso al loro re di fare altrimenti; così Andromeda fu incatenata alle rocce in attesa del suo destino.

Perseo e Andromeda - Frederic Leighton, 1° Barone Leighton (1830-1896) - PD-art-100

La morte del Cetus etiopico

Il racconto più comune della scomparsa del Cetus etiopico narra di Perseo che prende la testa della Gorgone Medusa dalla sua borsa mistica, e poi lo sguardo di Perseo si posa su di essa. Medusa In questo modo, Etiopia fu salvata dal mostro e Andromeda poté essere liberata dalle sue catene.

In alternativa, il Cetus etiopico fu ucciso quando Perseo si abbatté su di lui e gli conficcò nella schiena la spada di adamantio forgiata da Efesto.

Le sembianze del Cetus etiopico sarebbero poi state inserite tra le stelle come costellazione del Cetus, insieme alle altre costellazioni di Perseo, Andromeda, Cefeo e Cassiopea.

Cetus - Sidney Hall (1788-1831) - Lo specchio di Urania - PD-art-100

Dove si trovava il Cetus Etiopico

Il Cetus Aethiopian è stato collegato alla città israeliana di Jaffa, o Joppa, come era conosciuta un tempo, forse attraverso la presunzione che questa fosse l'antica città di Iope; Iope è un derivato di Iopeia o Cassiopea. Questo ha fatto sì che le rocce all'esterno del porto siano state chiamate come quelle su cui fu incatenata Andromeda, e la roccia più grande è il Cetus Aethiopian pietrificato.

Questo però ignora il fatto che nella mitologia greca l'Etiopia era la terra a sud del Sahara e che il Cetus etiopico, associato al Mar Rosso, indica che in Etiopia esisteva un'antica città chiamata Iope.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.