Peleo nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

PELEO NELLA MITOLOGIA GRECA

Peleo è stato un noto eroe della mitologia greca, cacciatore del cinghiale calidonio e argonauta, ma la sua fama è stata oscurata da quella del figlio, Peleo era il padre di Achille.

Peleo figlio di Eaco

Peleo era un principe di Egina, figlio del re Eaco di Egina, nato dalla moglie del re, Endeide. Si dice quindi che Peleo fosse anche fratello di un altro noto eroe, Telamon .

In seguito, Peleo avrebbe ottenuto anche un fratellastro, poiché Eaco avrebbe preso un'amante sotto forma della nereide Psamathe, e da questa relazione sarebbe nato un terzo figlio per Eaco, un figlio chiamato Phocus.

Focide divenne ben presto il figlio prediletto di Eaco e la corte reale era piena di gelosie: Endeide era geloso di Psamathe, Telamone e Peleo erano invidiosi di Focide, soprattutto perché quest'ultimo superava le loro capacità atletiche.

Peleo e la morte di Foco

La morte di Foce, però, fu prematura: durante una gara di atletica, Foce fu colpito alla testa da un lancio di quoit da parte di Peleo o di Telamone. Il colpo alla testa fu sufficiente a uccidere il figlio di Eaco. Alcuni scrittori raccontano che la morte di Foce fu un incidente, mentre altri affermano che si trattò di un atto deliberato da parte di Peleo o di Telamone.

Guarda anche: Eurotas nella mitologia greca

In entrambi i casi, per aver causato la morte di Foce, Eaco avrebbe bandito sia Peleo che Telamone dall'isola di Egina.

Peleo in esilio

Ormai in esilio, Peleo e Telamone prenderanno strade diverse e, mentre Telamone si recherà a Salamina, Peleo si recherà in Tessaglia dove giungerà a Ftia e alla corte di Re Eurytion .

I re dell'Antica Grecia avevano il potere di assolvere gli individui dai loro crimini, e così Eurizione assolse Peleo da ogni colpa nella morte di Foce.

Peleo sarebbe stato un ospite molto gradito a Ftia, ed Eurizione era talmente invaghita del figlio di Eaco che sposò la figlia di quest'ultimo. Antigone a Peleo e poi diede al nuovo genero un terzo del suo regno.

Potenzialmente il matrimonio tra Peleo e Antigone ha generato una figlia, Polidora , che alcuni definiscono la madre di Menesteo, anche se Polidora è nominata anche come seconda moglie di Peleo.

Peleo l'Argonauta

Mentre a Ftia giungeva la notizia del raduno degli eroi a Iolcus, mentre Giasone stava radunando un gruppo di eroi per recarsi in Colchide a prendere il vello d'oro, Peleo e suo suocero si sarebbero recati entrambi a Iolcus, dove Giasone li accolse come nuovi Argonauti .

Durante il viaggio verso e dalla Colchide, Telamone è rappresentato come un critico di Giasone, mentre Peleo è un consigliere che guida Giasone attraverso le prove e le tribolazioni della missione.

Nel corso della storia delle Argonautiche Peleo è spesso l'individuo, piuttosto che Giasone, che raduna gli eroi riuniti, ed è anche Peleo che risolve il problema di ottenere L'Argo attraverso i deserti della Libia.

Peleo e il cinghiale di Calidonia

Nonostante il successo della missione e il ritorno dell'Argo a Iolcus, Peleo non era ancora in grado di tornare dalla moglie e dal regno.

In primo luogo, Peleo subì un ritardo a causa dei giochi funebri di Pelia, re di Iolco, morto per mano delle sue stesse figlie, in seguito all'inganno di Medea.

Durante i giochi, Peleo è noto per aver lottato e perso contro, Atalanta la famosa eroina femminile.

Durante i giochi funebri, giunse la notizia che Eneo, re di Calidone, aveva bisogno di un aiuto eroico, poiché il Cinghiale di Calidone stava devastando la terra. Questa notizia vide Meleagro, Atalanta, Telamone, Eurizione e Peleo partire per Calidone.

Meleagro e Atalanta sarebbero in prima linea nella caccia al successo, ma durante l'inseguimento del Cinghiale calidonio Una tragedia si abbatte su Peleo, perché il giavellotto da lui scagliato uccide accidentalmente Eurizione, suo suocero.

Essendo stato coinvolto in una seconda morte familiare, Peleo aveva ancora una volta bisogno di un'assoluzione per il suo crimine e, per trovare questa assoluzione, tornò a Iolcus.

Peleo a Iolcus

Il trono di Iolcus era passato da Pelia a suo figlio Acasto, un uomo che aveva viaggiato con Peleo a bordo dell'Argo. Acasto avrebbe accolto il suo ex compagno, assolvendolo immediatamente dal suo crimine, ma Peleo avrebbe presto trovato il suo soggiorno a Iolcus pieno di pericoli.

Astydamia, moglie del re Acasto, desiderava Peleo, ma Peleo si sottrasse alle sue avances; un rifiuto che suscitò grande rabbia nella regina. Per punizione, Astydamia avrebbe fatto sapere ad Antigone, moglie di Peleo a Ftia, che Peleo avrebbe sposato una delle figlie di Acasto; questa notizia avrebbe portato Antigone a uccidersi per il dolore.

Astydamia raccontò anche al marito Acasto che Peleo aveva tentato di violentarla.

Acasto credette ad Astydamia, ma il nuovo re non era disposto ad agire contro un ospite e l'uomo che aveva da poco assolto dal suo crimine; così Acasto escogitò un piano che avrebbe visto Peleo ucciso per mano di un altro.

Peleo evita la morte

Acasto invitò quindi Peleo ad andare a caccia con lui sul monte Pelio. I due si accamparono sulla montagna, ma mentre Peleo dormiva, Acasto abbandonò l'eroe e nascose anche la spada di Peleo. Acasto credeva che Peleo sarebbe stato ucciso sul monte Pelio, poiché la montagna non ospitava solo animali selvatici, ma anche i selvaggi centauri, che avrebbero senza dubbio ucciso un uomo disarmato.straniero che hanno trovato.

Peleo, però, non si sarebbe fatto male, perché non fu un selvaggio centauro a trovare l'eroe di prima mattina, ma il più civilizzato di tutta la razza, Chirone. Chirone scoprì anche la spada nascosta di Peleo e la restituì all'eroe.

Peleo avrebbe poi seguito Chirone nella sua casa, dove Peleo sarebbe diventato l'ospite gradito del centauro e, quando alla fine Peleo sarebbe partito dalla casa del centauro, Chirone gli avrebbe anche regalato una lancia fatta di cenere.

Peleo non tornò subito a Iolcus, ma la sua ira lo spinse a radunare un esercito e, con l'aiuto di Giasone e di Castore e Pollox Iolcus cadrà sotto i colpi dell'esercito riunito e alcuni raccontano che Acasto fu ucciso da Peleo, ma di certo Astydamia fu uccisa e, per il suo inganno, anche la regina di Iolcus fu smembrata.

Peleo trova una nuova moglie

Ormai vedovo, Peleo si sarebbe presto trovato un'altra moglie, perché Zeus complottò e pianificò, affinché Peleo sposasse la Nereide Teti.

Un tempo la bella Teti era stata inseguita sia da Zeus che da Poseidone, ma entrambi i potenti dèi furono dissuasi dall'inseguimento quando fu fatta una profezia in cui si diceva che il figlio di Teti sarebbe stato più potente del padre. Ora né Zeus né Poseidone desideravano che un figlio fosse più potente di loro, e così Zeus decise che Teti doveva sposare un mortale, perché anche se il figlio nato dal matrimonio fosse stato più potentedi suo padre, non sarebbe comunque una minaccia per gli dei.

Peleo fu scelto come fortunato sposo di Teti, anche se Teti stessa non era innamorata dell'idea di sposare un mortale, e infatti Teti fuggì dalle avances di Peleo.

Il dio del mare Proteo o il centauro Chirone consigliarono a Peleo come catturare Teti e fare della Nereide la sua sposa: Peleo catturò Teti e la legò, in modo che, qualunque fosse la forma in cui la Nereide si trasformava, Teti non potesse sfuggire alle grinfie di Peleo. Alla fine la prigioniera Teti accettò di diventare la moglie di Peleo.

Le nozze di Peleo e Teti - Hans Rottenhammer (1564-1626) - PD-art-100

Le nozze di Peleo e Teti

Le nozze di Peleo e Teti furono uno dei grandi raduni della mitologia greca, e al banchetto nuziale furono invitati tutti gli dei e le dee, cioè tutte le dee bar Eris , la dea della lotta.

I felici festeggiamenti per le nozze di Peleo e Teti furono così interrotti quando Eris portò tra gli invitati una mela d'oro, indirizzata alla "più bella". Le nozze di Peleo e Teti sarebbero così diventate uno dei punti di partenza della guerra di Troia, poiché il pomo della discordia provocò liti tra le dee e portò al Giudizio di Paride.

Le nozze di Peleo e Teti - Cornelis van Haarlem (1562-1638) - PD-art-100

Le nozze di Peleo e Teti

Dal matrimonio di Peleo e Teti sarebbe nato un figlio, che, proprio come previsto dalla profezia, sarebbe diventato più grande del padre, poiché il figlio di Peleo era Achille.

Si dice che Teti abbia cercato di rendere immortale suo figlio, prima ricoprendolo di ambrosia e poi bruciando la parte mortale di Achille.

Teti aveva trascurato di rivelare a Peleo i suoi piani per Achille e così, quando Peleo scoprì Teti che teneva Achille sul fuoco, reagì con rabbia. Teti lasciò il palazzo di Peleo con il suo piano incompiuto, tornando nel regno sottomarino di suo padre, mentre Peleo fu lasciato a prendersi cura di Achille.

Peleo avrebbe passato la cura del giovane Achille a Chirone, perché il centauro era stato precettore di molti noti eroi, e così Achille fu istruito sulle vie dell'eroe.

Peleo perde il suo regno

Per un po' di tempo la storia di Peleo passa in secondo piano, perché la breve ma trionfale vita di suo figlio Achille la mette in ombra. In effetti, sarà Achille a guidare le forze di Ftia durante la guerra di Troia, non Peleo, anche se sarà il figlio di Achille, e nipote di Peleo, Neottolemo a concludere la guerra al comando di quelle forze.

Peleo avrebbe perso il figlio Achille durante la guerra di Troia e si dice che abbia perso anche il regno di Ftia, perché Acasto, o i figli di Acasto, si sollevarono contro di lui.

Peleo, tuttavia, potrebbe aver riconquistato il suo regno dopo la fine della guerra di Troia, poiché Neottolemo si affrettò a tornare a casa dopo la guerra e forse contribuì alla riconquista di Ftia.

L'ultimo atto eroico di Peleo

Ormai anziano, Peleo intraprenderà un altro atto eroico.

Dopo la guerra di Troia, Neottolemo si era stabilito in Epiro con la moglie Ermione; il nipote di Peleo, però, aveva portato con sé anche una concubina, Andromaca Mentre Ermione non aveva generato figli per Neottolemo, Andromaca ne aveva avuti, cosa che aveva irritato molto Ermione.

Durante un'assenza di Neottolemo dall'Epiro, Hermione complottò con suo padre Menelao per far fuori Andromaca, e così Andromaca e i suoi figli furono minacciati di morte.

Peleo, però, sarebbe arrivato in Epiro e avrebbe agito come protettore di Andromaca e dei suoi pronipoti, mentre Menelao e Hermione furono così ostacolati nei loro piani.

Peleo, però, sarebbe morto poco dopo: l'eroe avrebbe saputo che suo nipote Neottolemo era stato ucciso da Oreste e si dice che Peleo sia morto di dolore.

Peleo e Teti riuniti

Ci si aspetterebbe che le conquiste di Peleo fossero sufficienti per trovare l'eroe nell'Eliseo, l'elemento paradisiaco dell'aldilà greco.

Guarda anche: Protesilao nella mitologia greca

Alcuni raccontano però che Peleo fu in realtà trasformato in immortale da Teti prima della sua morte e che marito e moglie si ricongiunsero, vivendo insieme nel palazzo di Nereo sotto il mare.

Ulteriori letture

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.