Polimestore nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

POLIMESTORE NELLA MITOLOGIA GRECA

Nelle storie mitologiche greche, Polimestore era un re della Tracia che sarebbe salito alla ribalta durante e dopo la guerra di Troia.

Polimestore, re del Chersoneso tracio

Nella mitologia greca prima della guerra di Troia si parla poco di Polimestore, a parte il fatto che era il re del Chersoneso tracio, la terra più nota come penisola di Gallipoli, dove avrebbe governato su una popolazione nota come i Bistoni.

Il Chersonesus tracio e Polymestor avevano stretti legami con la Dardania e con la città predominante della Troade, Troia.

Polimestore e Iliona

Per cementare i legami tra il regno di Polimestore e Troia, il re Priamo di Troia consentirà a Polimestore di sposare Iliona, figlia di Priamo e di Hecabe , con Polymestor considerato non solo un genero, ma anche un amico.

Iliona partorirà a Polimestore un figlio, Deipilo.

Polimestore Guardiano di Polidoro

In seguito al rapimento di Elena da parte di Paride, l'esercito acheo arrivò a Troia e iniziò così la decennale guerra di Troia.

Nominalmente, il Chersoneso tracio era un alleato di Priamo Anche se Priamo non cercò l'appoggio armato di Polimestore, ma chiese un aiuto di tipo diverso al genero.

A Polimestore fu affidato Polidoro, il figlio minore di Priamo e di Ecabeo, troppo giovane per pensare di prendere parte attiva alla difesa di Troia. Inoltre, Priamo inviò a Polidoro anche una grande quantità di tesori troiani, poiché il re, con lungimiranza, riteneva che questo tesoro avrebbe potuto essere usato per riscattare lui e i suoi familiari se la guerra fosse andata male per Troia.

Polimestore uccide Polidoro

La guerra, naturalmente, andò male per Troia e alla fine la città cadde sotto i colpi dell'esercito acheo; dopo il saccheggio di Troia, il re Priamo e tutti i membri maschi della sua famiglia, a parte Polidoro, morirono.

Guarda anche: I Nesoi nella mitologia greca

Ora Polymestor fece l'impensabile: uccise il ragazzo, l'ospite, che era stato affidato alle sue cure.

Si dice comunemente che Polimestore abbia commesso questo crimine per impadronirsi dell'oro troiano che aveva accompagnato Polidoro, ma Polimestore avrebbe poi detto ad Agamennone e agli altri capi achei di aver ucciso Polidoro per aiutare la loro causa, uccidendo un discendente di Priamo che avrebbe potuto in seguito vendicarsi.

Polimestore ed Ecabeo

Polimestore si era sbarazzato del corpo di Polidoro gettandolo in mare, ma il destino volle che il corpo di Polidoro finisse vicino all'accampamento degli Achei, dove erano rinchiuse le donne prigioniere di Troia: una di queste donne troiane era Ecabè, vedova di Priamo e madre di Polidoro.

Ecabeo trama la sua vendetta e, con l'accordo di Agamennone, invia una lettera a Polimestore chiedendogli di recarsi nel campo acheo. Ecabeo, naturalmente, non fa alcun riferimento alla morte del figlio e, con l'accordo di Agamennone, invia una lettera a Polimestore.

Ecabeo che acceca Polimestore - Giuseppe Crespi (1665-1747) - PD-art-100

Considerato ormai un alleato degli Achei, senza temere pericoli da parte di questi ultimi, il re tracio si adeguò alla richiesta, attirato dalla promessa di trovare altri tesori troiani nascosti.

Ora Agamennone si era innamorato della sua nuova concubina Cassandra, un'altra figlia di Ecabeo, e sebbene Polimestore fosse ora un alleato degli Achei, Agamennone giustificò il suo aiuto a Ecabeo con la necessità di punire chi uccide il proprio ospite, anche se a Ecabeo sarebbe toccato fare giustizia.

Quando Polimestore arrivò nell'accampamento acheo, insieme a due dei suoi figli, il re tracio fu portato nella grande tenda che ospitava le donne troiane. L'ambiente e le conversazioni che si tenevano in quella tenda cullarono Polimestore in un falso senso di sicurezza, perché il re sognava le ricchezze che presto sarebbero state in suo possesso.

Guarda anche: Soluzioni per la ricerca di parole (facile)

Così, Polimestore e i suoi figli non erano in grado di difendersi, quando le donne troiane estrassero i pugnali dai loro abiti, e i figli di Polimestore giacevano presto morti. Polimestore stesso fu immobilizzato a terra da una ventina di queste donne e, mentre era incapace di difendersi, Ecabeo e altri usarono le loro spille per accecare il re.

Polimestore cercherà di far punire Ecabeo e le altre donne per le loro azioni, ma Agamennone riterrà giustificate le azioni di Ecabeo e farà notare che Polimestore non era diventato un alleato degli Achei fino a quando la guerra non era finita.

Gli Achei depositarono allora Polimestore su un'isola desolata, dove l'ex re visse una vita miserabile.

Una fine alternativa per Polymestor

Alcuni raccontano di una fine diversa per Polimestore, che lo vede morire per mano di Polidoro.

In questo racconto, Iliona avrebbe allevato sia Deipilo, figlio di Polimestore, sia Polidoro, figlio di Priamo, ma amando i propri genitori più di Polimestore, decise di fare in modo che, se fosse accaduto qualcosa a Deipilo o a Polidoro, Priamo ed Ecabeo avrebbero avuto comunque un figlio. A tal fine, Deipilo fu allevato come se fosse Polidoro e Polidoro come se fosse Deipilo.

Durante la guerra di Troia, emissari di Agamennone si recarono da Polimestore e promisero al re ricchezze e la mano di Elettra, figlia di Agamennone e Clitemnestra, se avesse ucciso il figlio di Priamo. Polimestore lo fece volentieri, ma uccise il suo stesso figlio Deipilo a causa degli intrighi di Iliona.

In seguito, Polidoro, ormai giovane, si recò all'Oracolo di Delfi e, mentre era lì, ricevette una strana dichiarazione che raccontava della morte dei suoi genitori e che la sua città natale era ormai in rovina.

Polidoro tornò rapidamente a casa sua, nel Chersoneso tracio, credendo ancora di essere Deipilo, figlio di Polimestore e Iliona, ma quando tornò a casa scoprì che i suoi genitori erano ancora vivi e la sua città ancora integra.

Polidoro avrebbe raccontato a Iliona ciò che gli era stato detto dall'Oracolo di Delfi, e Iliona gli disse la verità. Polidoro allora prese la spada, accecò l'uomo che aveva falsamente creduto essere suo padre e poi uccise Polimestore.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.