Antiope nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

ANTIOPE NELLA MITOLOGIA GRECA

Antiope era una bellissima fanciulla della mitologia greca, famosa per essere stata l'amante di Zeus e la madre di due figli del dio supremo.

Antiope di Tebe

Antiope è spesso indicata come principessa di Tebe, anche se all'epoca la città fondata da Cadmo era probabilmente ancora nota come Cadmea. Antiope è normalmente chiamata figlia di Nycteus e Polisso; Nycteus era figlio di Chthonius, uno degli Spartoi, che aveva assistito Cadmo nella costruzione della città.

In alternativa, Antiope potrebbe essere stata una naiade, figlia del Potamoi Asopos, dio del fiume che attraversava la Beozia.

Antiope la Menade

Antiope sarebbe cresciuta fino a diventare la più bella delle fanciulle beote dell'epoca; si diceva anche che, una volta maggiorenne, Antiope fosse diventata Menade, una delle seguaci del dio Dioniso.

Esistono molte versioni diverse del mito di Antiope, spesso con eventi che si svolgono in ordini diversi, ma la storia di Antiope si articola in tre parti principali: la sua seduzione da parte di Zeus, la partenza di Antiope da Tebe e il suo ritorno a Tebe.

La seduzione di Antiope

La bellezza di Antiope era tale che la principessa di Tebe attirò l'occhio errante di Zeus, che giunse in Beozia per fare la sua strada con lei.

Ora, Zeus si travestiva spesso per avere la sua strada con le donne mortali, anche diventando l'immagine di Anfitrione Nel caso di Antiope, Zeus si travestì da satiro, un travestimento che si sarebbe adattato agli altri del seguito di Dioniso.

Zeus e Antiope - Ignoto 18° secolo - PD-art-100

Il travestimento si rivelò efficace e Antiope si ritrovò incinta del dio dell'Olimpo.

Guarda anche: Morfeo nella mitologia greca Zeus e Antiope - Particolare da La Venere del Pardo - Tiziano (1490-1576) - PD-art-100

La partenza di Antiope

In seguito Antiope sarebbe partita da Tebe, in fuga dal padre Nycteus, che era arrabbiato, o rapita dal nuovo re di Sicione, Epopeo. In entrambi i casi, Antiope si trovava ora a Sicione.

A quel tempo Nycteus era il sovrano di Tebe, in quanto reggente per il giovane Labdacus Con il comando dell'esercito tebano, Nycteus cercò di recuperare Antiope.

L'esercito di Tebe e quello di Sicione si fronteggiarono ad armi pari e, nella battaglia, sia Nicteo che Epopeo rimasero feriti, anche se la ferita di Nicteo si rivelò più grave e morì poco dopo il suo ritorno a Tebe.

Prima di morire, Nycteus affidò la punizione di Epopeo e il recupero di Antiope a Lycus, fratello di Nycteus e futuro reggente di Tebe.

Licio ebbe più successo del fratello e, dopo un breve assedio, conquistò Sicione, uccidendo Epopeo e recuperando la nipote Antiope.

Antiope partorisce

Durante il viaggio di ritorno a Tebe, Antiope avrebbe dato alla luce due maschi, figli di Antiope e Zeus, che si sarebbero chiamati Anfione e Zethus .

Guarda anche: Pentesilea nella mitologia greca

Antiope ricevette da Licio l'ordine di abbandonare i figli appena nati, forse perché Licio li riteneva figli di Epopeo; così sul monte Cithairon, vicino a Eleutherae, Anfione e Zeto furono esposti e lasciati morire.

Come spesso accadeva, questi bambini abbandonati non morirono, perché un pastore li salvò e li allevò come fossero suoi. Nemmeno Zeus aveva abbandonato i figli avuti da Antiope, perché Ermes insegnò ai fratellastri, Anfione divenne un musicista molto abile, mentre Zeto era molto abile nell'allevamento del bestiame.

La persecuzione di Antiope

Lasciati i figli e credendoli ormai morti, Antiope tornò a Tebe, ma non fu un ritorno felice, perché fu affidata a Dirce, moglie di Lico, che la tenne come sua schiava personale, incatenandola per impedirle di uscire.

Alcuni ipotizzano che il motivo dell'antipatia di Dirce nei confronti di Antiope sia dovuto al fatto che, prima della sua partenza da Tebe, Antiope era stata in realtà la prima moglie di Licio; una situazione che non sarebbe stata in contrasto con altri racconti mitologici.

Antiope e figli riuniti

Passarono gli anni, ma Zeus non aveva abbandonato la sua ex amante e un giorno le catene che confinavano Antiope si sciolsero miracolosamente, permettendo ad Antiope di fuggire dalla sua prigionia.

Zeus guidò quindi Antiope sul monte Citerone, dove la donna tebana trovò rifugio nella casa di un pastore che, all'insaputa di Antiope, era proprio la casa in cui vivevano anche Anfione e Zeto, ormai cresciuti.

Per caso, poco dopo, la stessa Dirce giunse sul monte Cithairon, anch'essa menade, e si accinse a partecipare ai riti legati a Dioniso. Dirce vide per caso Antiope, e ordinò a due uomini vicini di afferrare Antiope e di legarla a un toro.

Naturalmente questi due giovani erano i figli di Antiope e, sebbene il riconoscimento tra madre e figli non fosse ancora avvenuto, tutto fu presto svelato, perché il pastore che li aveva cresciuti rivelò la verità.

Così, non fu Antiope a essere legata al toro, ma Dirce, e la moglie di Lico fu fatta a pezzi; Anfione e Zeto gettarono poi il corpo di Dirce in una piscina, che in seguito portò il suo nome.

La storia di Antiope volge al termine

Anfione e Zeto si recarono quindi a Tebe, dove uccisero Licio o lo costrinsero ad abdicare alla sua posizione, e così Anfione divenne il re di Tebe, usurpando Laio, che avrebbe dovuto essere il re.

Ma non tutto va bene per Antiope, perché Dioniso vuole vendicarsi dell'uccisione del suo seguace Dirce e, non potendo fare del male ad altri figli di Zeus, Antiope è il bersaglio della sua rabbia. Antiope viene così mandata fuori di testa da Dioniso.

Antiope vagò per la terra fino a raggiungere la Focide, il regno governato da Foco, figlio di Ornytion. Il re Foco riuscì a guarire Antiope dalla sua follia e il re sposò l'ex amante di Zeus. Antiope e Foco vissero insieme per tutta la vita e dopo la morte furono sepolti in un'unica tomba sul monte Parnaso.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.