Teti nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

TETI NELLA MITOLOGIA GRECA

Teti è una Nereide, una dea marina minore, nella mitologia greca, ma Teti è stata resa famosa per il suo ruolo di madre, poiché Teti era la madre dell'eroe greco Achille.

La nereide Teti

Teti era una Nereide , una delle 50 figlie di Nereo, dio greco del mare legato al Mar Egeo, e di Doride, figlia oceanica di Oceano e Teti.

Nereo fu una divinità precoce, essendo figlio di Gaia e Ponto, ma il suo ruolo di dio del mare fu in qualche modo emarginato dall'ascesa degli dei dell'Olimpo, con Poseidone che divenne il principale dio del mare del Mediterraneo. Di conseguenza, il ruolo delle Nereidi sarebbe diventato principalmente quello di membri del seguito di Poseidone, e in effetti di una sola Nereide, Anfitrite sarebbe diventata moglie di Poseidone.

I racconti di Teti nella mitologia greca

Insieme ad Anfitrite, Teti era la più importante delle Nereidi, ed è oggi ricordata soprattutto come una figura ricorrente nelle opere di Omero. Iliade ma Teti appare in molti racconti lontani dagli eventi legati alla guerra di Troia.

Teti ed Efesto

Si dice che Teti, insieme all'oceanide Eurinome, sia venuta in soccorso del neonato Efesto Quando il figlio di Era fu gettato dalla madre dal monte Olimpo, a causa della sua bruttezza.

Cadendo in mare, Teti avrebbe trasportato il dio metallurgico nella vicina isola di Lemno, dove in seguito il dio avrebbe fondato una fucina per sé.

A Lemnos Efesto realizzava molte cose utili e belle e Teti era la destinataria di alcuni degli oggetti più belli realizzati da Efesto.

Teti che porge le braccia ad Achille - Giulio Romano (1499-1546) - PD-art-100

Teti e Dioniso

Teti sarebbe venuta anche in aiuto di Dioniso, poiché il dio greco della vite era stato cacciato dalla Tracia da Re Licurgo Dioniso fugge perché teme che Zeus si sia schierato con Licurgo.

Dioniso troverà rifugio nella grotta sottomarina di Teti e lì Teti consolerà il dio, rassicurandolo sul fatto che non era stato suo padre a schierarsi con Licurgo, ma Era aveva aiutato il re contro il figlio illegittimo del marito.

Teti e Zeus

Teti si dimostrò utile anche a Zeus: la Nereide scoprì un complotto contro il dio supremo, un complotto che riguardava Era, Poseidone e Atena. Prima che il complotto potesse realizzarsi, però, Teti richiese l'aiuto delle Ecatonchire Briareus che salì dal suo palazzo sotto il Mar Egeo per salire sul trono di Zeus. La presenza del gigantesco Ecatonchire fu sufficiente a far sì che gli dei dell'Olimpo dimenticassero qualsiasi idea di rivolta.

Teti e gli Argonauti

Teti si rivelò una delle ninfe più utili, perché la Nereide aiutò anche la dea Era. Durante le avventure di Giasone e degli Argonauti, Era stava assicurando il successo al figlio di Esone, così quando il figlio di Giasone fu ucciso da un'altra persona. Argo non poteva andare avanti a causa delle Rocce che si scontrano, Hera invocò Teti per guidarli attraverso.

Si dice che Teti abbia spiegato a Peleo come attraversare le Rocce che si scontrano, alcuni sostengono che Peleo sia stato scelto tra gli Argonauti perché Peleo era sposato con Teti (per saperne di più), anche se il matrimonio tra Teti e Peleo, secondo i più, sarebbe avvenuto dopo la ricerca del Vello d'Oro.

La bella Teti

Teti era considerata una delle ninfe più belle delle Nereidi, e si diceva che tutte le Nereidi fossero bellissime. Questa bellezza attirò l'attenzione di molti dei, e sia Poseidone che Zeus cercarono di sedurre la Nereide.

La dea greca della giustizia, Themis Questa profezia ha rapidamente frenato l'inseguimento di Teti da parte di Poseidone e Zeus, poiché nessuno dei due potenti dèi voleva un figlio più potente di loro.

Zeus decise che c'era solo una possibilità: Teti avrebbe dovuto sposare un mortale, perché anche se il figlio si fosse dimostrato più potente del padre, non sarebbe stato una minaccia per Zeus.

Peleo e Teti

Peleo, nipote di Zeus da parte di Eaco, fu scelto come mortale da sposare; Peleo era un noto eroe dell'epoca, essendo un Argonauta e un membro della Caccia Calidonia. Peleo era più che felice della proposta di matrimonio, ma Teti non era stata consultata da Zeus e la Nereide non voleva sposare un mortale, indipendentemente dalla sua reputazione eroica.

Così, Peleo le sue avances furono respinte dalla Nereide.

Peleo avrebbe avuto bisogno di assistenza per fare di Teti sua moglie, e si diceva che questa assistenza fosse arrivata dal centauro Chirone, un centauro che aveva già assistito Peleo quando l'eroe era stato abbandonato sul monte Pelio.

Grazie al consiglio di Chirone, Peleo rimase in agguato all'ingresso del Golfo Termaico e, al passaggio di Teti, la afferrò e la legò. Le corde che tenevano Teti erano così strette che anche quando Teti cambiava forma, come era in grado di fare la Nereide, non poteva sfuggire ai suoi legami.

Scoprendo che non ci sarebbe stato scampo, Teti acconsentì, accettando di sposare Peleo.

Le nozze di Peleo e Teti

Il matrimonio di Teti e Peleo fu uno dei grandi eventi dell'epoca e sul monte Pelio fu organizzato un magnifico banchetto nuziale.

Il Cariti Il banchetto si svolse mentre Apollo suonava la lira e le Muse minori cantavano e danzavano; furono invitati tutti gli dei e le dee, tutto ciò che era, tranne Eris, la dea greca della lotta.

Vennero fatti dei doni e Peleo ricevette una lancia di cenerino da Chirone e dei cavalli immortali da Poseidone, ma mentre i festeggiamenti proseguivano, il disprezzato Eris e tra gli invitati gettò una mela d'oro, sulla quale erano incise le parole "per la più bella", parole che avrebbero causato discordia tra le dee, ma che non ebbero un impatto immediato su Teti e Peleo.

Festa degli dei - Hans Rottenhammer (1564-1625) - PD-art-100

Achille figlio di Teti

La profezia diceva che il figlio di Teti sarebbe diventato più potente del padre e Teti partorì un figlio di Peleo, un figlio che si sarebbe chiamato Achille.

Il figlio di Teti era però un mortale, come il padre, e Teti cercò il modo di renderlo immortale.

Le storie originali di Teti nella mitologia greca raccontano che la nereide unse Achille con l'ambrosia, prima di mettere il figlio nel fuoco per bruciare gli elementi mortali del suo corpo. L'idea poteva essere valida, ma Teti aveva trascurato di dire al marito cosa stava cercando di ottenere. Così, Peleo interruppe Teti e, vedendo la moglie che apparentemente cercava di uccidere il figlio, Peleo urlòTeti abbandonò Achille e fuggì dalla loro casa, tornando nel Mar Egeo.

Teti immerge il piccolo Achille nel fiume Stige - Peter Paul Rubens (1577-1640) - PD-art-100

Oggi è più famoso il racconto del tentativo di Teti di rendere Achille immortale: invece del fuoco, Teti avrebbe immerso Achille nel fiume Stige, ma Teti trattenne il figlio per il tallone, lasciando una parte del corpo ancora vulnerabile. Questa storia emerse solo in epoca romana, secoli dopo i miti greci originali.

Teti nasconde Achille

In seguito, Peleo affiderà il giovane Achille alle cure del centauro Chirone, che lo istruirà; ma Teti non aveva abbandonato del tutto il figlio.

Quando, alcuni anni dopo, divenne inevitabile l'inizio della guerra di Troia, Teti tornò dal figlio. Era stata pronunciata una profezia su Achille, perché si diceva che il figlio di Teti era destinato a vivere o una vita lunga e noiosa, o una vita breve e gloriosa.

Teti desiderava che il figlio fosse il primo e, per impedirgli di andare in guerra, nascose Achille tra le figlie di Re Licomede I piani di Teti furono però vanificati quando Odisseo giunse alla corte di Licomede, perché Achille scelse le armi e le armature al posto dei ninnoli femminili, rivelandosi per quello che era.

Teti e la guerra di Troia

Con Achille a Troia, Teti cercò di fare tutto il possibile per proteggere il figlio, assicurandosi che Achille avesse la migliore armatura per proteggerlo; questa armatura era stata realizzata da Efesto, il dio della lavorazione dei metalli che Teti aveva aiutato all'inizio della sua vita.

Guarda anche: Le sirene nella mitologia greca

Teti fa anche in modo che Zeus punisca Agamennone e gli Achei, quando Achille e Agamennone litigano per Briseide, e in questo periodo i Troiani hanno la meglio nella guerra.

Teti fa del suo meglio per guidare Achille, avvertendolo che è destinato a morire presto, dopo la morte dei difensori troiani Ettore e Memnon Così, Teti assiste alla morte del figlio alle porte di Troia, abbattuto da una freccia di Paride guidata da Apollo.

Guarda anche: Capaneus nella mitologia greca
Teti e Zeus - Anton Losenko (1737-1773) - PD-art-100

Così, proprio come avevano detto le profezie, il figlio di Teti era stato più grande del padre e aveva avuto una vita breve e gloriosa.

Teti, insieme alle altre Nereidi e alle Muse, piange la scomparsa del figlio; alcuni raccontano che le ceneri di Achille siano state mescolate con quelle di Patroclo, ma altri raccontano che Teti abbia preso il corpo di Achille e lo abbia trasportato sull'Isola Bianca, dove avrebbe trascorso l'eternità.

Neoptolemo, nipote di Teti

Teti assisterà poi all'arrivo a Troia di suo nipote, figlio di Achille, Neottolemo, che prenderà il posto del padre uccidendo molti difensori troiani. Neottolemo è destinato a sopravvivere alla guerra, ma mentre i capi achei partono da Troia, Teti si presenta a Neottolemo e dice a suo nipote di ritardare la partenza di due giorni e di fare un'ulterioresacrifici agli dei.

Neottolemo seguì il consiglio di Teti e così gli furono risparmiate le prove e le tribolazioni subite da molti capi achei nei loro viaggi di ritorno.

Teti torna dal marito

Peleo, il marito che Teti aveva lasciato, sarebbe sopravvissuto sia ad Achille che a Neottolemo, e nei suoi ultimi giorni di vita Peleo salvò Andromaca La concubina di Neottolemo è stata sottratta alle intenzioni funeste di Menelao, ma nel frattempo Neottolemo è stato ucciso da Oreste a Delfi.

A questo punto Teti tornò dal marito e lo informò che avrebbe dovuto seppellire il nipote e poi tornare al punto in cui aveva intrappolato Teti per la prima volta. Era stato decretato che Peleo sarebbe stato reso immortale e quindi Teti e Peleo sarebbero stati eternamente insieme.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.