Efesto nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

EFESTO NELLA MITOLOGIA GRECA

Efesto era il dio greco della lavorazione dei metalli e del fuoco ed era quindi una divinità importante, tanto da essere considerato una delle 12 divinità del Monte Olimpo.

Efesto figlio di Era

Il racconto più famoso della nascita di Efesto appare nella Teogonia (Esiodo), perché lo scrittore greco racconta che Efesto è nato dalla dea Hera da solo, senza bisogno di un padre.

La nascita della vita da parte di Era era probabilmente una forma di punizione nei confronti di Zeus; Zeus aveva infatti "partorito" Atena senza che Era fosse coinvolta.

Questa nascita divina, tuttavia, potrebbe aver causato dei problemi, perché mentre gli dei e le dee del pantheon greco erano noti per la loro bellezza, Efesto era nato brutto e forse zoppicante.

Le deformità di Efesto furono sufficienti a far sì che Era rifiutasse immediatamente il bambino; si dice quindi che la dea greca abbia gettato il figlio dal Monte Olimpo e che, dopo una lunga caduta, Efesto sia precipitato in mare vicino all'isola di Lemno.

Vulcano - Pompeo Batoni (1708-1787) - PD-art-100

Efesto fu salvato dall'annegamento dall'Oceanide Eurinome e dalla Nereide Teti e fu portato sull'isola di Lemnos, ma crebbe senza sapere da dove venisse.

Efesto Figlio di Era e Zeus

Nonostante sia la storia più famosa, in realtà nell'antichità era più comune nominare Efesto come figlio di Zeus ed Era, nato dall'unione del dio e della dea.

Efesto gettato dal Monte Olimpo

Se è vero che Efesto era figlio di Zeus e di Era, allora fu quando Efesto era più grande che fu cacciato dal Monte Olimpo; l'espulsione fu intrapresa da Zeus.

Il motivo per cui Efesto viene cacciato dal Monte Olimpo è dovuto al suo tentativo di proteggere Era da Zeus, sia per le avances indesiderate del marito, sia per proteggere la madre dalla rabbia di Zeus.

È possibile che Efesto abbia liberato Era dalle catene d'oro con cui Zeus l'aveva legata, tenendola tra cielo e terra. Una delle ragioni addotte per la reclusione di Era era forse il fatto che aveva avuto un'esperienza di vita in un'altra città. Ipnosi ha fatto cadere Zeus in un sonno profondo per potersi vendicare di Eracle.

Per il suo intervento, Efesto fu gettato da Zeus dal Monte Olimpo e cadde sulla terra, dopo una caduta di un giorno, sull'isola di Lemno. La caduta dal Monte Olimpo non uccise il dio, ma l'atterraggio forse lo paralizzò, causando la zoppia con cui Efesto è stato spesso raffigurato.

Alcune fonti antiche suggeriscono che Efesto sia stato effettivamente cacciato dal Monte Olimpo in più di un'occasione.

Efesto a Lemnos

Sull'isola di Lemno, Efesto fu accudito dalla tribù locale dei Sinti. Efesto imparò a essere un grande artigiano e, dopo aver installato la sua prima fucina sull'isola, presto realizzò splendidi gioielli, tra cui pezzi realizzati per Teti ed Eurinome.

La vendetta di Efesto

Alcuni raccontano che Efesto cercasse informazioni sui suoi genitori, altri che volesse vendicarsi di Era per averlo respinto o per non averlo protetto da Zeus, ma in ogni caso Efesto realizzò un elaborato trono d'oro, che fece trasportare come dono sul Monte Olimpo.

Non appena Era si sedette sul trono, la sedia la inghiottì e la dea non fu in grado di alzarsi dal suo posto. In qualsiasi altro momento, l'intrappolamento di Era non avrebbe provocato grandi reazioni da parte degli altri dei, ma i poteri della dea erano richiesti e così fu chiesto a Efesto di venire sul Monte Olimpo per liberare sua madre.

Efesto, però, si rifiutò di lasciare Lemnos e non volle dire come liberare Era.

Alla fine toccò a Dioniso portare Efesto sul Monte Olimpo, cosa che il dio greco della vite fece non con la forza, ma facendo inebriare Efesto e poi trascinandolo nella dimora degli dei a dorso di mulo.

Venere e Vulcano - Corrado Giaquinto (1703-1766) - PD-art-100

Efesto e Afrodite

Una volta smaltita la sbornia, Efesto accettò di liberare Era, forse perché Zeus lo aveva corrotto con la promessa di un ruolo di primo piano sul Monte Olimpo e anche con la promessa che Afrodite, la dea greca della bellezza e dell'amore, sarebbe stata sua moglie.

La promessa di Afrodite era allettante per Efesto, dopo tutto era probabilmente la dea più bella, e un matrimonio tra i due sarebbe stato gradito a Zeus, perché avrebbe impedito ad altri di inseguire la dea della bellezza. Afrodite, però, non era particolarmente innamorata di essere sposata con il brutto Efesto.

Efesto cattura gli amanti traditori

Afrodite avrebbe presto tradito Efesto e si sarebbe messa con Ares, il dio greco della guerra e della voglia di combattere. Gli incontri regolari tra Ares e la moglie di Efesto furono osservati da Helios, il dio del sole che tutto vede, ed Efesto fu informato dell'infedeltà della moglie.

Efesto avrebbe fabbricato una rete d'oro infrangibile e il dio della lavorazione dei metalli avrebbe intrappolato Ares e Afrodite nudi nel bel mezzo dell'amore.

Guarda anche: La morte di Eracle nella mitologia greca

Efesto trascinò i due sul Monte Olimpo e si aspettò un po' di costernazione da parte degli altri dei del Monte Olimpo, che invece si limitarono a ridere di Ares e Afrodite per essere stati catturati.

Marte e Venere sorpresi da Vulcano - Alexandre Charles Guillemot (1786-1831) - PD-art-100

Ares e Afrodite sarebbero stati liberati dalla rete dopo che Ares aveva accettato di pagare una "multa", ma il rapporto aveva visto Afrodite rimanere incinta della dea. Armonia Alcune fonti suggeriscono che Afrodite ed Efesto abbiano poi divorziato.

Efesto si vendicherà ancora un po' della moglie traditrice, perché realizzerà una collana maledetta, la collana di Armonia, che porterà tragedia a tutti coloro che la possederanno.

Amanti e figli di Efesto

Dal matrimonio di Efesto e Afrodite non nacquero figli, ma si dice che Efesto abbia avuto una serie di amanti mortali e immortali, e anche un certo numero di figli.

Si diceva che, dopo Afrodite, Efesto avrebbe sposato la più giovane delle Cariti , Aglaia (o Charis).

Questo matrimonio diede i suoi frutti, perché Efesto divenne padre di quattro figlie: Eucleia, dea della gloria, Eufemi, dea del parlar bene, Euthenia, dea della prosperità e Philophrosyne, dea dell'accoglienza.

Atena che disprezza le avances di Efesto - Paris Bordone (1500-1571) - PD-art-100

Anche Efesto aveva delle amanti nel luogo in cui si trovavano le sue fucine, così a Lemnos si sarebbe consorziato con Cabeiro, una ninfa marina figlia di Proteo. Cabeiro avrebbe dato alla luce due figli, i Cabeiri, che erano venerati come divinità della lavorazione dei metalli. Da questa relazione nacquero anche le Cabeiridi, ninfe di Samotracia.

In Sicilia, l'amante di Efesto fu Aetna, un'altra ninfa, che diede vita ai Palici, divinità dei geyser della Sicilia, e forse anche a Thalia, una ninfa.

Il figlio più famoso di Efesto fu probabilmente Erichthonius Efesto cercò di avere una relazione con la bella Atena, ma la dea respinse le sue avances. Quando Efesto cercò di imporsi alla dea, eiaculò sulla coscia della dea, che successivamente spazzò via lo sperma, che cadde su Gaia, la terra, che rimase incinta, e così nacque Erichthonius.

Tra gli altri figli mortali di Efesto figurano anche il re Oleno, Ardalos, l'inventore del flauto, Peophetes, il bandito, e Palaemonius, l'argonauta.

Nella fucina di Vulcano - Werner Schuch (1843-1918) - PD-art-100

Le opere e i laboratori di Efesto

Al suo arrivo sul Monte Olimpo, Efesto si costruì una fucina secondaria, come quella di Lemnos, e ben presto altre fucine furono costruite sotto ciascuno dei vulcani del mondo antico; si diceva infatti che il lavoro di Efesto fosse la causa dell'attività vulcanica e delle eruzioni. Inoltre, fucine di Efesto si trovavano in Sicilia, a Voclanos, a Imbros e a Hiera.

Come è noto, Efesto sarebbe stato aiutato nelle sue fucine dalle tre prime generazioni Ciclope Efesto costruì anche automi per aiutare nelle officine e nelle sue officine funzionavano anche soffietti automatici.

Gli automi erano al centro delle prodezze mitologiche di Efesto, in quanto consentivano il movimento nelle creazioni non viventi, e come tali, i automi Tra le opere realizzate da Efesto vi sono i tori di Eete, Talos e le sue ancelle private.

Anche molte delle caratteristiche del Monte Olimpo sono state realizzate da Efesto: i troni, i tavoli d'oro, i palazzi di marmo e d'oro degli dei e le porte d'oro all'ingresso del Monte Olimpo sono stati costruiti dal dio metallurgico.

Efesto realizzò i famosi carri di Helios, Ares e Afrodite, oltre a un carro per i suoi figli, i Cabeiri. Anche molte delle armi per gli dei furono realizzate da Efesto e dai Ciclopi, e furono realizzati archi e frecce per Apollo, Artemide ed Eros, oltre all'elmo e ai sandali di Ermes.

Anche i mortali beneficiarono del lavoro di Efesto, che costruì anche palazzi per vari re, tra cui Eete, Alcinoo ed Enopione.

Eracle ricevette anche una faretra realizzata da Efesto, così come i batacchiotti di bronzo usati dagli eroi per spaventare i Uccelli stimmatici .

Pelope avrebbe anche beneficiato di doni fatti da Efesto, poiché fu il dio a realizzare l'osso della spalla, in sostituzione di quello accidentalmente mangiato da Demetra. Pelope ricevette anche uno scettro reale realizzato dal dio, scettro che alla fine fu posseduto da Agamennone.

Efesto e Prometeo

Efesto è strettamente legato alla storia del Titano Prometeo, perché quando il Titano rubò il segreto del fuoco per donarlo all'uomo, lo prese dalla fucina di Efesto sul Monte Olimpo.

In seguito Efesto fu strettamente legato alla punizione dell'uomo e alla Prometeo Si dice infatti che Efesto abbia creato Pandora, la prima donna che ha portato sofferenza all'uomo, e che sia stato Efesto a incatenare Prometeo alle montagne del Caucaso come parte della punizione del Titano.

Efesto e la guerra di Troia

Durante la guerra di Troia, Efesto era considerato amichevole nei confronti delle forze achee, e sua madre Era lo era certamente.

È noto che Efesto realizzò un'armatura e uno scudo per Achille, su richiesta di Teti, madre di Achille ed ex soccorritrice del dio, ma allo stesso tempo realizzò anche un'armatura per il difensore troiano Memnone, su richiesta di Eos, dea dell'aurora.

Dopo la guerra, Efesto realizzerà un'armatura anche per Enea, un altro troiano, su richiesta di Afrodite.

Durante la guerra di Troia, anche gli dèi scesero occasionalmente sul campo di battaglia e in uno dei più famosi combattimenti tra dèi, Efesto affrontò il Potamoi Scamandro, dopo che quest'ultimo aveva sfiorato l'uccisione di Achille. Efesto accese un grande fuoco che fece prosciugare le acque dello Scamandro, costringendo i Potamoi alla ritirata.

Venere chiede a Vulcano le armi per Enea - François Boucher (1703-1770) - PD-art-100

Anche in questo caso, però, Efesto ebbe motivo di aiutare i Troiani: il dio salvò Idaios, figlio del sacerdote di Efesto Osa, quando sembrava che Diomede avrebbe colpito Idaios, proprio come aveva fatto con suo fratello, Figeo.

Efesto in battaglia

Una storia simile a quella di Efesto e Scamandro viene raccontata anche durante la guerra tra Dioniso e gli Indiani, perché Efesto si scontrò con Idaspes, un altro dio del fiume.

Durante la Guerra delle Indie, Efesto sarebbe venuto in soccorso dei suoi figli, i Cebeiri, per ben due volte.

Efesto fu anche un combattente di spicco durante la Gigantomachia, la guerra dei giganti, e si dice che lui, così come Dioniso, sia salito per la prima volta sul campo di battaglia a dorso d'asino, e che il raglio degli asini abbia inizialmente messo in fuga il popolo. Giganti Durante la guerra si diceva anche che Efesto avesse ucciso il gigante Mimas versandogli addosso del ferro fuso.

Quando Tifone attaccò il Monte Olimpo, però, Efesto non rimase a combattere e, come la maggior parte degli altri dei dell'Olimpo, si rivoltò e fuggì in Egitto. In Egitto Efesto sarebbe diventato noto come Ptah.

Guarda anche: La nereide Galatea nella mitologia greca

Quando alla fine Tifone fu sconfitto da Zeus, si dice che Tifone fu sepolto sotto l'Etna ed Efesto fece da guardia, assicurandosi che il pericoloso gigante non potesse fuggire.

Il favore di Efesto

Pubblicità su Amazon

Gli dèi dell'Olimpo erano noti per la loro rapidità d'ira, ma la rabbia di Efesto era normalmente rivolta agli altri dèi e dee, mentre egli era più comprensivo nei confronti dei mortali.

Pelopi Il figlio di Tantalo, con un osso nella spalla fabbricato da Efesto, si rivolge al dio per ottenere l'assoluzione, dopo aver ucciso l'auriga Myrtilos, per ottenere la mano di Ippodamia e il trono di Pisa.

Efesto era anche comprensivo nei confronti della condizione del cacciatore Orione Per questo motivo, Efesto prestò a Orione uno degli aiutanti del dio, Cedalion, affinché lo guidasse da Helios, in modo che Orione cieco potesse tornare a vedere.

Statua di Efesto di design veronese

Efesto e la nascita di Atena

Nel famoso racconto della nascita di Efesto si diceva che il dio della lavorazione dei metalli fosse nato come punizione per la nascita di Atena da parte di Zeus.

Tuttavia, si diceva anche che Efesto fosse stato presente alla nascita di Atena, con Efesto che brandiva l'ascia d'oro che liberò la dea completamente cresciuta dalla testa di Zeus. Ciò significa che Efesto è precedente ad Atena.

Ulteriori approfondimenti

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.