I prigionieri del Tartaro nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

I PRIGIONIERI DEL TARTARO NELLA MITOLOGIA GRECA

Nei primi miti greci, il Tartaro era considerato un dio Protogeno, un dio che era equiparato a una regione del cosmo, proprio come Etere Gaia e Ouranos lo erano.

In origine Tartaro In seguito, il Tartaro fu associato più strettamente a una regione degli Inferi, dove venivano puniti coloro che avevano irritato gli dèi e coloro che erano stati giudicati "peccatori".

Guarda anche: Il gorofono nella mitologia greca

I primi prigionieri del Tartaro

I primi prigionieri del Tartaro furono i Ciclopi e gli Ecatonchiri, i due gruppi di giganteschi figli di Ouranos e Gaia. I tre ciclopi e i tre Ecatonchiri furono imprigionati dal padre, poiché Ouranos riteneva che la loro forza fosse una minaccia alla sua posizione di divinità suprema.

Alla fine Ouranos sarebbe stato rovesciato, non dai Ciclopi e dagli Ecatonchiri ma dagli altri suoi figli, i Titani, e Crono avrebbe assunto il ruolo di dio supremo, ma anche lui temeva i Ciclopi e gli Ecatonchiri, e così i giganti rimasero imprigionati nel Tartaro. Crono aggiunse persino una guardia carceraria per il Tartaro sotto forma del drago Campe.

I Titani nel Tartaro

I primi prigionieri del Tartaro furono i Ciclopi e gli Ecatonchiri, i due gruppi di giganteschi figli di Ouranos e Gaia.

I tre Ciclopi e i tre Ecatonchiri furono imprigionati dal padre, poiché Ouranos riteneva che la loro forza fosse una minaccia alla sua posizione di divinità suprema.

Ouranos sarebbe stato infine rovesciato, non dai Ciclopi e da Ecatonchires, ma dagli altri suoi figli, i Titani Crono avrebbe assunto il ruolo di dio supremo, ma anche lui temeva i Ciclopi e gli Ecatonchiri, per cui i giganti rimasero imprigionati nel Tartaro. Crono aggiunse persino una guardia carceraria per il Tartaro, sotto forma del drago Campe.

I Titani - Le illustrazioni di Gustave Doré per l'Inferno di Dante - Gustave Doré (1832 - 1883) - PD-life-70

Altri giganti nel Tartaro

I Titani erano una minaccia per il dominio di Zeus e furono così imprigionati e, per lo stesso motivo, anche i due giganteschi figli di Aloeus, Otus ed Efialtes, divennero prigionieri di Taratrus, per il fatto che i due figli di Aloeus e Efialtes erano stati imprigionati da Taratrus. Aloadae I giganti gemelli tentarono di assaltare il Monte Olimpo per prendere in moglie Era e Artemide e riuscirono a fare prigioniero anche Ares.

Otus ed Efialte furono poi legati alle colonne del Tartaro da serpenti, per ordine di Zeus, e furono forse i primi prigionieri del Tartaro ad affrontare un qualche tipo di tortura.

Tityos - Jusepe de Ribera (1591-1652) - PD-art-100

Nuovi prigionieri nel Tartaro

L'idea che la tortura, come punizione, fosse una caratteristica del Tartaro sarebbe arrivata in seguito, quando il Tartaro fu reimmaginato come "inferno", l'antipatia del paradiso che era l'Eliseo.

I nuovi prigionieri del Tartaro dovevano affrontare la tortura per mano delle Erinni, le Furie, e fu allora che vennero nominati i prigionieri più famosi del Tartaro.

Salmoneus - Salmoneus era il re di Elis che aveva ritenuto opportuno elevarsi al rango di dio e quindi richiedere il culto, Zeus avrebbe colpito il re empio. La punizione di Salmoneus non è del tutto chiaro, ma alcuni suggeriscono che fosse posizionato sotto una roccia sospesa in modo precario, sempre preoccupato di essere schiacciato.

Tantalo - Il re Tantalo sacrificava il proprio figlio Pelope e poi lo serviva in pasto agli dèi che pranzavano con lui. L'uccisione di un parente era un crimine atroce per gli antichi greci e di conseguenza Tantalo veniva stuzzicato nel Tartaro, senza poter raggiungere il cibo per saziare la sua fame, né l'acqua per placare la sua sete.

Sisifo - Sisifo è tra i più famosi prigionieri del Tartaro: il re di Corinto, infatti, dopo aver rivelato i segreti di Zeus e aver tentato di evitare la morte, avrebbe trascorso l'eternità spingendo un masso su per una collina, per poi vederlo rotolare di nuovo in fondo prima che Sisifo potesse completare il suo compito.

Ixion - Ixion era il re dei Lapiti che uccise il suocero; il suo più grande crimine fu il tentativo di andare a letto con Era, la moglie di Zeus, e per tale indiscrezione Ixion sarebbe stato legato per sempre a una ruota infuocata.

Tityos - Tityos era il gigantesco figlio di Zeus che tentò di violentare Leto mentre si recava a Delfi. Tityos sarebbe stato ucciso da Apollo e Artemide prima di essere mandato nel Tartaro per punizione, dove il gigante avrebbe subito il pasto di due avvoltoi sul suo fegato ringiovanito.

Guarda anche: La casa di Dardano nella mitologia greca

Le Danaidi - Le Danaidi erano le 50 figlie di Danaus Le Danaidi avrebbero dovuto affrontare l'eterna punizione di riempire un recipiente che perdeva, un compito che non avrebbe mai potuto essere portato a termine.

La presenza delle Danaidi nel Tartaro, tuttavia, non è mai stata spiegata del tutto, poiché si diceva comunemente che le figlie di Danao fossero state assolte dai loro crimini poco dopo l'uccisione dei loro mariti.

Tutti questi, tranne forse le Danaidi, evitarono i tre Giudici dei Morti, ma quando Enea entrò nell'Oltretomba con la Sibilla Cumana, si ipotizzò che ci fossero molte altre centinaia di individui puniti nel Tartaro dopo esservi stati mandati dai Giudici. I crimini di questi prigionieri del Tartaro erano molteplici, ma i crimini contro la famiglia, i crimini del popolo contro i suoi governanti e i crimini contro la famiglia e il popolo.I crimini dei governanti contro il loro popolo erano tutti sufficienti a provocare una punizione.

Enea e una sibilla negli inferi - Jan Brueghel il Vecchio (1568-1625) - PD-art-100

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.