I Cariti nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

I CARITI NELLA MITOLOGIA GRECA

Molte delle divinità minori della mitologia greca sono state raggruppate per dare origine a collettivi famosi come le Muse o i Esperidi Questi raggruppamenti rimangono famosi ancora oggi, ma le singole divinità sono dimenticate, come nel caso di un altro famoso gruppo della mitologia greca, i Cariti.

Le Cariti erano dee minori nella mitologia greca, mentre l'equivalente romano è rappresentato dalle Tre Grazie.

Le tre carità

Le Cariti erano generalmente considerate le figlie immortali di Zeus e di Eurinome. Secondo Esiodo, l'oceanide Eurinome era la terza moglie o consorte di Zeus, prima che il dio si sposasse con Era. Occasionalmente Era veniva indicata come madre delle Cariti e Dioniso come padre.

Le Charites erano legate ai festeggiamenti ed erano fondamentali per divertirsi in questi eventi.

Nominalmente si parlava di tre Cariti, essendo tre il numero comune per tali gruppi, ma le fonti antiche nominavano come Cariti ben più di tre dee, il che avrebbe fatto pensare a due gruppi di Cariti, le Cariti Anziane e le Cariti Giovani, più o meno come le Muse erano divise in gruppi diversi.

I tre cariti - Antonio Canova - CC-BY-SA-2.5

I Cariti Anziani

Esiodo, nella Teogonia , ha nominato tre Cariti, Aglaea, Thalia ed Eufrosine.

Di queste tre Cariti, Aglaea, detta anche Charis, era la più giovane e il suo nome può essere tradotto come bellezza, splendore o gloria. La Carite sarebbe stata chiamata come moglie di Efesto, il dio della lavorazione dei metalli.

Il nome di Thalia significa ricco banchetto o festa, ma è un nome comune nella mitologia greca, e una diversa Thalia è anche nominata come uno dei Muse più giovani .

La terza di queste Cariti Anziane è Eufrosine, un nome che significa buonumore o allegria.

Le tre Grazie dalla Primavera di Sandro Botticelli (1445-1510) - PD-art-100

I giovani caritatevoli

Altri Cariti sono nominati da scrittori come Omero e Pausania, e questi Cariti diventeranno collettivamente noti come Cariti giovani.

Queste Cariti aggiuntive includono Anthea (Fiore), Auxo (Crescita primaverile), Cleta (Fama), Eudaemonia (Felicità/Prosperità), Euthymia (Contentezza), Hegemone (Regina), Paedia (Divertimento), Pandaesia (Banchetto), Pannychis (Feste notturne), Pasithea (Relax) e Phaenna (Radiosità).

I Cariti nella mitologia greca

Il ruolo generale di entrambi i gruppi di Cariti era quello di diffondere la benevolenza, il piacere e l'allegria in tutto il mondo antico. Queste dee erano anche dee del canto e della danza, un ruolo che si sovrapponeva a quello delle Muse.

Nella mitologia greca, i Cariti sono più comunemente menzionati come assistenti e compagni di altri dèi e dee greci; di conseguenza, i Cariti si trovano comunemente in compagnia di Afrodite, Era, Apollo e delle Muse.

Guarda anche: Ixion nella mitologia greca

Il mito greco più famoso che riguarda i Cariti, o almeno uno dei Cariti, è la storia di Era, Ipnosi e la Charite Pasithea.

Era, arrabbiata con Zeus, come spesso accadeva, si recò da Ipno per convincere il dio greco del Sonno a far dormire profondamente il marito. Ipno non volle farlo di buon grado, ma quando Era offrì Pasitea come tangente, con la Carite che sarebbe diventata moglie di Ipno, il dio del Sonno accettò di aiutare Era.

Guarda anche: Il ciclope Polifemo Le tre grazie - Francesco Furini (1603-1646) - PD-art-100

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.