Glauco di Licia nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

GLAUCO DI LICIA NELLA MITOLOGIA GRECA

Glauco è un nome comune nella mitologia greca, ma Glauco di Licia compare nei racconti della guerra di Troia, dove Glauco è uno dei difensori troiani.

Glauco Figlio di Ippoloco

Glauco era figlio di Ippoloco e quindi nipote dell'eroe greco, Bellerofonte .

Guarda anche: Autolico nella mitologia greca

Glauco racconta che Ippoloco gli ordinò di andare a Troia, per primeggiare e onorare i suoi antenati.

Glauco arriva a Troia

Glauco è famoso soprattutto per il suo ruolo nella difesa di Troia, dove fu comandante in seconda dei difensori licenziosi, con Sarpedon figlio di Zeus, che era il comandante.

Nel Iliade Glauco è citato nell'Ordine di battaglia di Troia: "Sarpedonte e l'impareggiabile Glauco erano i capitani dei Lici, venuti da lontano, dalla Licia, dallo Xanthus che spira".

L'ordine delle battaglie di Troia non è affatto esaustivo, né direttamente relativo a gran parte di ciò che viene raccontato nell'Iliade, ma il fatto che compaia per ultimo nell'elenco è indicativo del fatto che Glauco e i Lici furono gli alleati che si allontanarono di più per aiutare Re Priamo Infatti, la terra di Sarpedonte e Glauco si trova nella Turchia sud-occidentale, a differenza di Troia, che si trova a nord-ovest.

Apollodoro scrive che l'arrivo di Glauco e Sarpedone avvenne nove anni dopo l'inizio delle ostilità.

Glauco e Diomede

Durante una battaglia, l'eroe acheo Diomede si trovò faccia a faccia con Glauco, il quale dichiarò che avrebbe affrontato chiunque nelle forze achee, poiché aveva il sangue di Bellerofonte nelle vene. Quando Diomede lo sentì, l'eroe acheo depose le armi e dichiarò che i due non dovevano combattere, perché i loro nonni, Oeneo e Bellerofonte erano stati amici e quell'amicizia era ormai ereditaria.

Glauco accettò e allora Atena, che favoriva Diomede, fece sì che Glauco acconsentisse all'avventato scambio di armature. Questo scambio fu avventato, perché l'armatura di bronzo di Diomede valeva nove capi di bestiame, mentre quella d'oro di Glauco ne valeva cento.

Glauco combatte

Omero cita un solo acheo ucciso da Glauco: Ifino, colpito dalla lancia di Glauco alla spalla e poi caduto dal carro. Glauco, tuttavia, si mise in evidenza quando i Troiani attaccarono le mura difensive greche.

Combattendo a fianco di Sarpedone, il coraggio e l'abilità dei Lici permisero di Ettore per sfondare.

Mentre Glauco stesso raggiungeva la rottura del muro, però, il Licio fu colpito da una freccia scoccata da Teucro Come Glauco si è ritirato dalla prima linea, così Sarpedone ha affrontato Patroclo che indossava l'armatura di Achille.

Patroclo avrebbe ucciso Sarpedonte nello scontro che ne seguì e, mentre Sarpedonte moriva, chiamò Glauco per recuperarne il corpo.

Il corpo di Sarpedone si trovava ora al centro di una mischia achea, mentre Glauco era ferito. Glauco, però, invocò l'aiuto del dio Apollo, che guarì la ferita di Glauco, il quale tornò così a combattere.

Gli dei portarono quindi via il corpo di Sarpedonte, anche se la sua armatura andò perduta a causa delle forze achee.

La morte di Glauco

Una lotta simile si sarebbe svolta più tardi per il corpo dell'eroe acheo Achille. Anche qui era presente Glauco, ma questa si sarebbe rivelata la lotta finale dei Lici, poiché fu ucciso da Aiace il Grande .

Il corpo di Glauco sarebbe stato recuperato da Enea. Una pira funeraria per Glauco fu costruita davanti alla Porta Dardana di Troia, ma prima che il fuoco potesse toccare il corpo di Glauco, Apollo lo portò via, riportandolo a Licia dove fu deposto sotto una roccia di granito.

Guarda anche: Elettricità nella mitologia greca

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.