Gli Spartoi nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

GLI SPARTOI NELLA MITOLOGIA GRECA

Gli Spartoi erano guerrieri armati che spuntavano dal terreno quando i denti di un drago venivano seminati nella terra, da cui il nome Spartoi, che significa "uomini seminati". Gli Spartoi sono importanti in due racconti, poiché compaiono nelle avventure sia di Cadmo che di Giasone.

Lo Spartoi nato dal Drago Ismeniano

La storia degli Spartoi inizia nella terra che sarebbe diventata nota come Tebe, poiché Cadmo aveva seguito una mucca in questo luogo e fu deciso che qui sarebbe stata costruita una città.

Cadmo incaricò gli uomini della sua compagnia di andare a prendere dell'acqua, per consentire il sacrificio della vacca. All'insaputa di Cadmo e dei suoi uomini, la sorgente da cui doveva essere raccolta l'acqua era sorvegliata da un drago, che uccise tutti gli uomini di Cadmo. Cadmo sarebbe andato alla ricerca dei suoi uomini e, avendoli trovati uccisi, avrebbe ucciso il drago che li aveva uccisi.

L'atto di uccidere il drago, il drago ismeneo, avrebbe avuto un impatto negativo su Cadmo in seguito, ma per il momento Cadmo non sapeva cosa fare, perché aveva trovato il sito su cui costruire una città, ma ora non aveva uomini per costruirla.

Cadmo e Atena - Jacob Jordaens (1593-1678) - PD-art-100

Cadmo e gli Spartoi

Cadmo era guidato dalla dea Atena e fu proprio la dea a dire Cadmo Atena prese un mucchio di denti di drago, mentre la dea disse a Cadmo di seminare i denti rimanenti.

Cadmo eseguì gli ordini, ma da ogni dente seminato emerse un guerriero completamente armato (non gli scheletri delle rappresentazioni di Harryhausen).

Temendo per la sua vita, Cadmo gettò una pietra tra gli Spartoi, i quali cominciarono a combattere tra loro, poiché ciascuno riteneva che un altro Spartoi li avesse attaccati. Occasionalmente, si diceva che Cadmo avesse ucciso diversi Spartoi prima di gettare la pietra in mezzo a loro.

Guarda anche: Il re Catreo nella mitologia greca

Alla fine rimasero in vita solo cinque Spartoi.

Guarda anche: La regina Niobe nella mitologia greca

Gli Spartoi costruiscono Tebe

I cinque Spartoi rimasti si chiamavano Chthonius, Echion, Hyperenor, Pelorus e Udaeus; Echion era considerato il capo di questi Spartoi.

Gli Spartoi sopravvissuti avrebbero deposto le armi e assistito Cadmo nella costruzione di una nuova città che, una volta costruita, sarebbe diventata nota come Cadmea; solo diverse generazioni più tardi la città sarebbe stata ribattezzata come Tebe.

Cadmo dovrà scontare un periodo di servitù nei confronti di Ares per l'uccisione del drago ismeneo, ma poi sposerà Armonia e diventa padre di un figlio, Polidoro, e di quattro figlie, Agave, Autonoe, Ino e Semele.

Gli Spartoi a Tebe

La linea della famiglia reale di Tebe fu stabilita, ma i cinque Spartoi, Echion, Chthonius, Hyperenor, Pelorus e Udaeus, sarebbero diventati i capostipiti delle cinque case nobiliari di Tebe, e tutti i membri di spicco della società tebana avrebbero fatto risalire la loro discendenza a questi Spartoi originari.

Nella mitologia greca, Echione avrebbe sposato Agave, figlia di Cadmo, e sarebbe stato il loro figlio Penteo a diventare sovrano di Tebe (Cadmea) dopo l'abdicazione di Cadmo, poiché si diceva che Polidoro non fosse maggiorenne. Penteo avrebbe agito come reggente di Tebe fino alla sua morte; a quel punto Polidoro sarebbe diventato sovrano.

I discendenti degli Spartoi avrebbero agito come reggenti di Tebe in vari momenti della storia della città, con Lycus e Nycteus, entrambi ritenuti da alcuni figli di Chthonius, mentre Creonte era un pronipote di Echion.

Si diceva che i discendenti dei cinque Spartoi tebani potessero essere identificati da una voglia (una voglia a forma di lancia o di drago).

Le Spartoi Colchiane

Gli Spartoi tebani nacquero naturalmente da solo metà dei denti del drago ismeneo, mentre Atena si prese l'altra metà. I denti rimanenti passarono in proprietà a Eete , re della Colchide.

Quando Giasone giunse in Colchide, con gli altri Argonauti, per prendere il Vello d'oro, Eete affidò all'eroe greco diversi compiti mortali da svolgere per primi: Giasone fu incaricato di aggiogare i tori automi sputafuoco per arare il campo di Ares, e poi gli fu detto di seminare i denti del drago nel terreno arato.

Medea, oltre a dirgli come aggiogare le bestie in modo sicuro, disse anche a Giasone cosa sarebbe successo quando i denti fossero stati piantati e come affrontare al meglio gli Spartoi che sarebbero emersi.

Così Giasone fece esattamente come Medea Quando gli Spartoi emersero dalla terra, egli, come Cadmo prima di lui, scagliò una pietra in mezzo a loro prima che lo vedessero. Come gli Spartoi tebani, anche quelli colchiani cominciarono a combattere tra loro e, quando il loro numero cominciò a diminuire, Giasone emerse da dove era nascosto per infliggere colpi mortali a quelli rimasti in vita. Così, nessun Spartoi colchiano sopravvisse.il loro incontro con un eroe greco.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.