Il re Ameto nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

RE AMETO NELLA MITOLOGIA GRECA

Nella maggior parte dei casi, queste città-stato avevano un re che le governava e, nel corso del tempo, sono stati creati racconti mitologici per spiegare la fondazione delle città e il diritto del re di governare quella città.

Se si guarda alle fonti storiche, si possono individuare centinaia di nomi di re greci, anche se non si può dire se siano mai stati re reali o semplicemente immaginari. Alcuni di questi re, però, sono famosi oggi, come il Re Eete di Colchide, o il re Minosse di Creta, altri come il re Admetus di Pherae sono meno conosciuti.

Re Admetus l'Argonauta

Admetus era un re della Tessaglia, in particolare di Pherae, città fondata dal padre Pheres; ciò significa che Ametus era il nipote di Aeson, e quindi aveva come prozio il re Pelias di Iolcus.

In molte fonti antiche, Admetus viene nominato tra gli Argonauti, quando Pelias mandò Giasone a recuperare il vello d'oro, ed è anche comune trovare il re di Tessaglia nominato come uno dei cacciatori del cinghiale di Calidonia.

Il fatto che il suo nome sia citato tra quelli dell'equipaggio dell'Argo e di coloro che si recarono a Calidone dovrebbe rendere Admetus un eroe famoso, ma il re è più noto per la sua ospitalità e il suo romanticismo, che per le sue gesta eroiche.

I pastori di Admetus - Constance Phillott (1842-1931) - PD-art-100

Admetus, Apollo e Alcestis

Un famoso atto di ospitalità avrebbe visto Admetus ospitare un dio del Monte Olimpo, Apollo.

Apollo giunse in Tessaglia dopo essere stato esiliato da Zeus dal Monte Olimpo; Apollo aveva ucciso i Ciclopi dopo che Zeus aveva ucciso il figlio di Apollo, Asclepio. Durante l'esilio, che poteva durare da uno a nove anni, Apollo avrebbe dovuto lavorare al servizio di un mortale; così Apollo divenne mandriano di Admeto.

Admetus avrebbe beneficiato del fatto che Apollo fosse il guardiano delle mandrie: sebbene il dio non dovesse usare alcuno dei suoi poteri, la sua sola presenza faceva sì che ogni mucca della mandria desse alla luce due vitelli gemelli.

Paesaggio con Apollo che sorveglia gli armenti di Ameto - Claude Lorrain (1604/1605-1682) -PD-art-100

Apollo decise di aiutare Admetus, in segno di gratitudine per il trattamento riservatogli durante il periodo di servitù, quando il re cercò di sposare Alcestis.

Alcestis era la figlia del re Pelia e il re aveva deciso che la figlia avrebbe sposato solo l'uomo in grado di aggiogare un leone e un cinghiale a un carro. Un compito del genere sarebbe stato impossibile per la maggior parte dei mortali, ma per un dio come Apollo fu questione di un attimo prima che le due bestie venissero imbrigliate. Admetus fu quindi in grado di guidare il carro davanti a Pelia.

Pelias mantenne la parola data e Admetus e Alcestis si sposarono, anche se la prima notte di nozze Apollo dovette intervenire nuovamente in soccorso di Admetus. Nella concitazione del matrimonio, Admetus aveva dimenticato di fare il tradizionale sacrificio ad Artemide e la dea, infuriata, inviò un nido di serpenti nella camera da letto. Apollo, però, intercedette a favore del re e così il pericolo mortale fu scongiurato.scongiurato.

Guarda anche: Il re Licaone nella mitologia greca

Si dice che Admetus e Alcestis abbiano avuto due figli, Eumelus, che combatté a Troia, e una figlia di nome Perimele. Eumelus è spesso nominato come uno dei pretendenti di Elena, nonché uno di quelli che si nascondevano nel Cavallo di Legno a Troia.

Apollo intercedette anche a favore di Ameto presso le Moere (le Parche) e, dopo aver fatto ubriacare le tre sorelle, stipulò un patto secondo il quale Ameto sarebbe stato liberato dalla morte se un'altra persona avesse deciso volontariamente di morire al suo posto.

Guarda anche: Dove si trovava Atlantide?

Admetis, Eracle e la morte

Alla fine giunse il momento di morire per Admetus e il re di Tessaglia pensò che uno dei suoi anziani genitori sarebbe morto volentieri al suo posto. Nessuno dei due era disposto a compiere il sacrificio, né Admetus riusciva a trovare qualcun altro che prendesse il suo posto, ma allora Alcestis si offrì di morire al posto del marito.

Admetus era vivo, ma ora il re lo rimpiangeva, perché aveva perso l'amore della sua vita.

A questo punto, l'eroe Eracle giunse in Tessaglia e venne a conoscenza della situazione di Ameto, che era stato ospite ospitale di Eracle quando l'eroe aveva intrapreso il suo lavoro per affrontare le cavalle di Diomede.

In riconoscimento della gentilezza ricevuta, Eracle decise di entrare nella tomba di Alcestis, dove incontrò Thanatos (la Morte). Eracle lottò con Thanatos fino a quando il dio cedette alla forza dell'eroe; a quel punto, Thanatos accettò di liberare Alcestis, permettendole di tornare al fianco del marito.

La storia di Admetus si conclude di fatto a questo punto, poiché è qui che Alcestis (c438 a.C.), l'opera di Euripide termina e non si parla più del re tessalonicese.

Eracle torna da Ameto con Alcestis - Johann Heinrich Tischbein il Vecchio (1722-1789) - PD-art-100

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.