Gli automi nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

GLI AUTOMI NELLA MITOLOGIA GRECA

Sebbene i robot e gli automi abbiano fatto molto parlare di sé negli ultimi anni, non sono affatto un'invenzione recente: gli automi erano presenti nei templi dell'Antica Grecia e venivano spesso citati nei racconti della mitologia greca.

Gli automi nell'antichità

Uno dei più famosi inventori dell'antichità fu Erone di Alessandro, a cui si attribuisce la creazione di automi da utilizzare nei templi e nei teatri.

L'eroe di Alessandro avrebbe inventato molte meraviglie del tempio, tra cui l'eolipila, e avrebbe anche realizzato un distributore automatico che dispensava acqua santa quando vi si depositava una moneta.

Hero avrebbe anche creato un carrello a ruote che, grazie all'uso di pesi cadenti, avrebbe animato gli automi mentre il carrello veniva tirato.

Altri testi antichi raccontano di statue in movimento all'interno di templi e santuari, di porte che si aprivano e chiudevano automaticamente e persino di carri che volavano sul tetto dei templi.

Guarda anche: Mirmidone nella mitologia greca

Tutte queste invenzioni potrebbero essere creazioni meravigliose, ma le storie della mitologia greca raccontano di marchingegni ancora più ingegnosi.

Dedalo e gli automi

Tra i mortali di cui si parla nella mitologia greca c'era il maestro artigiano Dedalo Si dice che l'ateniese Dedalo, che produsse molte cose grandiose per il re Minosse di Creta, fosse in grado di creare statue animate, statue che potevano camminare e forse anche danzare.

Dedalo, però, non era che un mortale e per realizzare il più imponente degli automi era necessario un artigiano tra gli dei; e un dio c'era, Efesto.

Il dio Efesto

Efesto era responsabile della costruzione dei palazzi e dei troni del Monte Olimpo e il dio della lavorazione dei metalli aveva anche un'officina sul Monte Olimpo. Efesto costruì degli automi per aiutarlo in questa officina, automi che potevano usare i soffietti della forgia e lavorare il metallo nel fuoco.

I tripodi d'oro del Monte Olimpo

Efesto, con questi automi, avrebbe realizzato altri robot, tra cui i Tripodi d'Oro di Monte Olimpo . Omero racconta di 20 tripodi d'oro su ruote che venivano utilizzati durante i banchetti degli dèi, perché questi tripodi assistevano Ebe e Ganimede nella distribuzione di cibo e bevande, prendendo e trasportando con il loro stesso motore.

Talos

I tripodi d'oro potevano essere efficaci ed efficienti, ma erano minuscoli rispetto al più grande automa realizzato da Efesto, che si diceva avesse costruito il gigantesco uomo di bronzo, Talos .

Talos fu creato per volere di Zeus, il quale, dopo aver rapito Europa e averla portata a Creta, desiderava ora fornirle dei doni che le garantissero sicurezza e prosperità sulla strana isola. Così, oltre a Laelaps, un cane da caccia che catturava sempre la preda, e a un giavellotto, che colpiva sempre il bersaglio, Zeus avrebbe regalato a Europa Talos.

L'automa di bronzo sarebbe diventato il protettore fisico dell'isola di Creta, perché Talos avrebbe girato intorno alla costa di Creta tre volte al giorno, assicurandosi che l'isola non potesse essere invasa.

Qualsiasi nave indesiderata che si fosse avvicinata sarebbe stata accolta da una raffica di sassi lanciati da Talos, e chiunque fosse atterrato sarebbe stato schiacciato tra le braccia surriscaldate dell'automa di bronzo.

Talos sarebbe stato infine "ucciso" quando gli Argonauti giunsero a Creta, sia attraverso la magia di Medea, sia attraverso una freccia di Poeas che ha liberato la linfa vitale dell'automa.

Guarda anche: Il re Euristeo nella mitologia greca

I tori di Eete

Ora, alcuni nominano Talos come un toro gigantesco, piuttosto che come un uomo, ma certamente Efesto realizzò tori di bronzo che apparvero anche nelle avventure degli Argonauti.

Si dice che Efesto abbia realizzato una serie di tori di bronzo che si trovavano nel regno colcheno di Eete Efesto ha creato questi automi dopo che Elio, il padre di Eete, aveva salvato il dio metallurgico dal campo di battaglia durante la Gigantomachia.

Eete pretendeva che Giasone aggiogasse due di questi automi di bronzo e arasse un campo prima che il re prendesse in considerazione l'idea di rinunciare al vello d'oro. Eete credeva che Giasone sarebbe morto nel tentativo, perché gli automi toroidi avevano zoccoli affilati fatti di bronzo e il fuoco veniva espulso dalle loro narici.

Giasone riuscirà naturalmente a superare la prova, perché gli incantesimi donati da Medea proteggono l'eroe greco dagli automi mortali.

I Cavalli Cabeiriani

Per i suoi figli, i Cabeiri, Efesto creava anche degli automi, sotto forma di quattro cavalli sputafuoco, figli gemelli di Efesto e Cabeiro, che presiedevano alle danze rituali che si tenevano a Samotracia in onore di Demetra, Persefone e Ecate.

Efesto, però, donò gli automi ai Cabeiri non per il loro ruolo rituale, ma perché i gemelli lavoravano per Efesto anche nella fucina di Lemno. I quattro cavalli cabeiri trainavano un carro fatto di adamantio, sul quale i Cabeiri viaggiavano.

I cani da guardia di Alcinoo

Il re Alcinoo era un sovrano della mitologia greca incontrato sia da Giasone che da Odisseo, e nel racconto dell'ultimo eroe, narrato da Omero nella Odissea Alcinoo era anche proprietario di due automi sotto forma di cani da guardia.

Questi due cani, uno d'oro e l'altro d'argento, si trovavano davanti alla porta del palazzo del re Alcinoo e si diceva che fossero in grado di impedire l'ingresso di ospiti indesiderati. All'interno del palazzo si trovavano anche statue di bronzo che portavano torce infuocate, anche se non è chiaro se anche questi fossero automi.

I Celedones

Con Talos, Efesto aveva dimostrato di essere abile nella creazione di automi umanoidi e animaleschi e, in alcune versioni del mito, Efesto aveva anche creato Pandora Si dice anche che Efesto abbia prodotto diversi altri automi femminili, tra cui i Celedoni.

I Celedoni furono prodotti da Efesto per diventare assistenti nel secondo tempio di Apollo a Delfi. I Celedoni erano bellissimi nell'aspetto e potevano cantare con voci superiori a qualsiasi mortale, e forse alla pari delle Muse.

Le fanciulle d'oro di Efesto

Le Celedones non erano le uniche belle fanciulle prodotte da Efesto, poiché il dio della lavorazione dei metalli creava anche bellissime fanciulle d'oro che fungevano da sue assistenti.

Più che belli nell'aspetto, però, questi automi avevano una loro forma di intelligenza, che permetteva loro di parlare e di sviluppare nuove abilità.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.