Asclepio nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

IL GUARITORE ASCLEPIO NELLA MITOLOGIA GRECA

Asclepio era il dio greco della medicina, un eroe e un semidio, nonché un antenato di tutti gli altri medici e medici.

La nascita di Asclepio

Asclepio era generalmente considerato il figlio di Apollo da Coronide, la bella figlia di Flegia, re dei Lapiti.

Si dice che Apollo avesse osservato Coronide e, preso dalla bellezza della mortale, l'avesse messa incinta. Coronide, però, era innamorata di un altro Lapita, Ischys, e contro il parere del padre lo aveva sposato.

Apollo, però, riteneva che Coronide avrebbe dovuto essergli fedele e quando la notizia delle nozze gli giunse tramite un corvo, lo sguardo del dio adirato bruciò le precedenti piume bianche del corvo, in modo che diventassero nere per sempre.

Apollo si lamentò allora con la sorella Artemide, che uccise Coronide e Ischide, anche se alcuni dicono che fu Apollo a uccidere.

Quando Coronide fu deposta sulla pira funeraria, Apollo decise di salvare il figlio non ancora nato, tagliandolo fuori dal grembo di Coronide, dando ad Asclepio il suo nome, che significa "tagliare".

L'ubicazione di questi eventi è spesso discussa, poiché molti luoghi dell'antichità sostengono che la nascita di Asclepio sia avvenuta nelle loro regioni, perché si tratterebbe di un'acclamazione degna di nota.

Guarda anche: La principessa Andromeda nella mitologia greca

Asclepio e Chirone

Apollo portò quindi Asclepio da Chirone, il più saggio dei centauri, affinché il figlio fosse allevato e gli fossero insegnate le abilità del centauro.

Chirone avrebbe insegnato ad Asclepio le abilità eroiche, proprio come aveva fatto con molti altri; Asclepio, però, avrebbe eccelso nella guarigione e nell'uso delle erbe medicinali.

Ben presto Chirone insegnò ad Asclepio tutto ciò che sapeva, ma Asclepio continuò a lottare per ottenere ulteriori conoscenze. Il figlio di Apollo sarebbe stato aiutato in questo, perché dopo essere stato gentile con un serpente, il serpente leccò le orecchie di Asclepio, permettendogli di apprendere conoscenze e abilità che erano state precedentemente nascoste all'uomo. Il leccamento delle orecchie da parte dei serpenti era un tema comune nella mitologia greca, e veniva spessoIn seguito, un serpente avvolto intorno a una verga sarebbe diventato il simbolo di Asclepio.

Asclepio avrebbe usato le nuove conoscenze per creare nuovi farmaci e nuovi metodi di chirurgia.

Asclepio sarebbe stato aiutato nel suo lavoro quando la dea Atena gli presentò un po' del sangue della Gorgone Medusa: il sangue del lato sinistro di Medusa poteva uccidere, ma quello che scorreva sul lato destro aveva il potere di salvare.

La moglie e i figli di Asclepio

Asclepio avrebbe infine lasciato Chirone e avrebbe trovato una compagna in Epione, la dea greca del lenimento del dolore; anche se Epione era una dea di cui non si conosceva la discendenza.

Due famosi figli di Asclepio e di Epione furono Machaone e Podalirio, che vennero nominati eroi della guerra di Troia e che avevano ereditato parte dell'abilità del padre, in quanto furono in grado di guarire il ferito Filottete quando si riunì alle forze achee. Altri figli di Asclepio occasionalmente citati sono Telesforo e Arato.

Asclepio ed Epione ebbero insieme anche cinque figlie, ognuna delle quali era considerata una dea greca minore: Aceso, dea del processo di guarigione, Aglaea, dea della bellezza, Igea, dea della pulizia, Iaso, dea della guarigione e Panacea, dea del rimedio universale. Queste figlie erano in sostanza la personificazione delle capacità possedute dal padre.

Sogno di Asclepio - Sebastiano Ricci (1659-1734) - PD-art-100

Asclepio il guaritore

Asclepio era spesso indicato come un eroe, ed è stato nominato come contemporaneo di Meleagro e Giasone, con Iginio ( Fabulae ) che nomina Asclepio come un Argonauta e uno dei cacciatori della Cinghiale calidonio .

Tuttavia, Asclepio non era conosciuto per la sua abilità nel combattimento, ma per la sua abilità nella medicina, nella guarigione e nella chirurgia.

Guarda anche: Dei

L'abilità di Asclepio, tuttavia, non si limitava a ritardare la morte degli individui: si dice che Asclepio, con il sangue della Medusa, abbia sviluppato una pozione in grado di riportare in vita i defunti.

Si dice che Asclepio abbia resuscitato personaggi del calibro di Capaneo, Glauco figlio di Minosse, Licurgo figlio di Prona, re Tyndareus e soprattutto, per volere di Atena, Ippolito, figlio di Teseo.

Tempio di Asclepio - Sir Augustus Wall Callcott R.A. (1779-1884) - PD-art-100

Asclepio, però, stava interferendo con i regni degli dei, anche perché Capaneus era stato ucciso da Zeus. Anche Ade era arrabbiato, con la possibilità che non arrivassero più anime defunte nel suo regno.

Così, per evitare che Asclepio resuscitasse qualcun altro, né che insegnasse a nessun altro mortale le sue abilità, Zeus mandò giù un fulmine che uccise Asclepio.

L'uccisione del proprio figlio fece arrabbiare molto Apollo, e per punizione si disse che Apollo colpì i tre figli di Apollo. Ciclopi , gli artigiani metallurgici che avevano realizzato le armi degli dei.

Zeus avrebbe mandato suo figlio nel Tartaro per un simile atto di sfida, ma su richiesta di Leto, Zeus esiliò Apollo per un periodo di tempo affinché vivesse tra i mortali. Durante questo periodo di esilio, si dice che Apollo sia entrato al servizio del re Admetus.

Per quanto riguarda il fatto che i Ciclopi siano stati resuscitati da Zeus o meno, dipende dalla fonte antica che si legge.

L'apoteosi di Asclepio

Asclepio era ampiamente indicato come un dio, ma come può un dio essere ucciso da un fulmine?

Così, invece di morire, alcune fonti antiche sostengono che si verificò l'apoteosi di Asclepio, quando il semidio fu trasformato in un dio con un posto sul Monte Olimpo. Zeus, tuttavia, proibì ad Asclepio di resuscitare i mortali, se non su sua istruzione.

Nel suo ruolo di dio del Monte Olimpo, Asclepio è stato equiparato al dio Paeon di cui parlano Esiodo e Omero: Paeon era il medico degli altri dei, che curava le ferite ricevute in battaglia.

Si dice che la storia di Asclepio abbia ispirato Ippocrate, il padre della medicina moderna, a intraprendere la professione. La versione tradizionale del Giuramento di Ippocrate includeva persino la menzione di Asclepio -.

"Giuro per Apollo il medico e Asclepio il chirurgo, così come per Igea e Panacea, e chiamo a testimoniare tutti gli dei e le dee, che osserverò e manterrò questo giuramento sottoscritto, al massimo delle mie forze e del mio giudizio".

E il bastone di Asclepio rimane un simbolo della professione medica.

Un bambino malato portato nel tempio di Asclepio - John William Waterhouse (1849-1917) - PD-art-100

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.