Ippomene nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

IPPOMENE NELLA MITOLOGIA GRECA

Ippomene nella mitologia greca

Nella mitologia greca, Ippomene era famoso per essere il marito dell'eroina Atalanta; Ippomene aveva vinto la mano di Atalanta dopo una gara di corsa.

Ippomene figlio di Megareo

Si dice che Ippomene fosse figlio del re Megareo di Oncesto e di una donna di nome Merope. Megareo aveva aiutato Re Nisus di Nisa nella sua lotta contro il re Minosse, e alcuni sostengono che Megareo fosse succeduto a Niso, con la città di Nisa ribattezzata Megara. Quindi, potenzialmente, Ippomene era un principe di Oncesto e Megara.

Le stesse storie di Ippomene sono raccontate anche di Melanione, il che porta a pensare che Ippomene e Melanione fossero la stessa persona, solo con nomi diversi, anche se Melanione è comunemente detto essere il figlio di Anfidamo, piuttosto che di Megareo.

La leggendaria Atalanta

Ippomene sarebbe diventato famoso per il suo tentativo di sposare Atalanta nella mitologia greca. Atalanta era considerata all'altezza di molti eroi maschili dell'epoca e aveva avuto successo durante la Caccia al Cinghiale di Calydonia.

Durante la caccia, Meleagro si era innamorato di Atalanta, e lei di lui, ma Meleagro era morto poco dopo aver ucciso con successo il Cinghiale di Calydonia.

Guarda anche: Il Titano Epimeteo nella mitologia greca

Atalanta era tornata a casa sua e ora rinunciava all'amore, sia a causa della morte di Meleagro, sia a causa di una profezia che era stata fatta sulle conseguenze di un eventuale matrimonio.

Come sposare Atalanta

Alcuni raccontano che il padre di Atalanta desiderava vedere la figlia sposata, oppure che il padre di Atalanta desiderava evitare spargimenti di sangue, per cui fu ideato un concorso con il quale un potenziale pretendente di Atalanta poteva avere successo.

I pretendenti dovevano sfidare Atalanta in una gara di corsa, e chi riusciva a batterla nella corsa l'avrebbe sposata. C'erano però delle conseguenze per chi correva la gara e perdeva, perché veniva ucciso e la sua testa veniva infilzata in una picca. Si diceva che i pretendenti avevano un vantaggio, ma se venivano superati prima del traguardo avevano perso.

Il pensiero della morte dissuase molti potenziali pretendenti dal cercare di superare l'Atalanta, ma molti tentarono ugualmente di batterla, e tutti morirono nel tentativo.

La gara tra Ippomene e Atalanta - Noël Hallé (1711-1781) - PD-art-100

Ippomene fa la sua corsa

Ippomene non si lasciò dissuadere dal pensiero della morte, ma sapeva anche che non avrebbe potuto superare Atalanta. Ippomene pregò quindi la dea Afrodite di aiutarlo.

Afrodite ascoltò le preghiere di Ippomene e, non gradendo che Atalanta rinunciasse all'amore, decise di aiutarlo: avrebbe regalato a Ippomene tre mele d'oro, potenzialmente provenienti dal famoso frutteto della Esperidi o quelli alternativi di Cipro.

Quando Ippomene temeva di essere superato, faceva cadere una delle mele d'oro e Atalanta, distratta, si fermava a raccoglierla prima di riprendere la corsa.

In questo modo, sebbene ci siano volute tutte e tre le mele, Ippomene finì per vincere la gara e la mano di Atalanta.

Ippomene e Atalanta - Bon Boullogne (1649-1717) - PD-art-100

La caduta di Ippomene e Atalanta

Si dice che dal matrimonio di Ippomene e Atalanta sia nato un figlio, Pateo, che sarebbe diventato in seguito uno dei Sette contro Tebe , anche se spesso è stata indicata una parentela alternativa con Partheopaeus.

Guarda anche: I Butes nella mitologia greca

Dopo aver vinto la gara di corsa, Ippomene dimenticava di offrire i sacrifici appropriati ad Afrodite come riconoscimento del suo aiuto.

Infuriata per l'affronto, Afrodite si vendicò: fece sì che Atalanta e Ippomene si appassionassero a tal punto da avere rapporti sessuali tra loro, in un tempio di Cibele o di Zeus.

Questo sacrilegio fece sì che Cibele o Zeus trasformasse Ippomene e Atalanta in un leone e una leonessa; alcuni sostengono che ciò avvenne perché si pensava che i leoni si accoppiassero con i leopardi piuttosto che con altri leoni, anche se si dice anche che gli antichi greci non facessero necessariamente distinzione tra le specie di grandi felini, chiamando tutti i grandi felini leoni.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.