Penteo nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

PENTEO NELLA MITOLOGIA GRECA

Penteo era un re di Tebe nella mitologia greca, nipote di Cadmo, considerato un re arrogante, che alla fine pagò il prezzo per aver negato la divinità del dio Dioniso.

Penteo e la casa di Cadmo

Penteo era figlio di Echione, capo degli Spartoi, e di Agave, figlia di Cadmo e di Armonia; quindi Penteo era nipote di Cadmo Penteo aveva anche una sorella, Epiro.

Con la storia di Penteo è importante capire la linea familiare di Cadmo.

Cadmo e Armonia ebbero quattro figlie, Agave, Autonoe, Ino e Semele, e due figli, Polidoro e Illirio (anche se Illirio nacque dopo la storia di Penteo).

Agave sarebbe diventata madre di Penteo, Autonoe sarebbe diventata madre di Atteone Ino divenne moglie di Athamas e Semele, soprattutto, divenne amante di Zeus e madre di Dioniso.

Penteo diventa re

Quando Cadmo fu in età avanzata, abdicò al trono di Cadmea, come era conosciuta allora Tebe, e Penteo fu scelto per succedergli.

Ora, per quanto riguarda il motivo per cui Penteo, nipote di Cadmo, fu scelto a preferenza di Polidoro Non è del tutto chiaro se sia stato lui il figlio di Cadmo, forse Polidoro non era ancora maggiorenne, o forse semplicemente Penteo godeva di maggior favore presso Cadmo.

Penteo mette in discussione la divinità di Dioniso

Quando Penteo era re, Dioniso tornò dai suoi viaggi in Asia e, poiché Tebe era la città di sua madre, Dioniso decise di benedire Tebe, introducendo la viticoltura, e di far iniziare la popolazione di Tebe ai suoi riti sacri.

Guarda anche: Il re Teucro nella mitologia greca

Prima che Dioniso arrivasse a Tebe, però, le zie avevano diffuso la storia che Dioniso fosse semplicemente un figlio nato da Semele da una popolana, e per di più nato fuori dal matrimonio.

Così, al suo arrivo a Tebe, decise di punire le zie e le altre donne di Tebe e le fece trasformare in uno stato di frenesia, al che le donne lasciarono le loro case e si stabilirono sul monte Citerone. Dioniso decise che la trasformazione non sarebbe stata revocata finché non avessero riconosciuto la sua divinità.

Penteo sembra credere nelle parole di sua madre e delle sue zie prima della loro trasformazione in Menadi, e crede che suo cugino, Dioniso, sia un uomo mortale, e un uomo mortale che sta avendo un'influenza corruttrice su tutte le donne di Tebe.

A Tebe c'era chi cercava di persuadere Penteo che si stava sbagliando, tra cui Cadmo, e il veggente Tiresia Ma Penteo si rifiuta di ascoltare la loro saggezza.

Penteo e i seguaci di Dioniso - Luigi Ademollo, (1764-1849) - illustrazione dalle Metamorfosi di Ovidio, Firenze, 1832 - PD-art-100

Penteo imprigiona Dioniso e le Menadi

Oltre a negare la divinità di Dioniso, Penteo iniziò anche a reprimere i seguaci del dio, facendo arrestare coloro che venivano percepiti come tali.

Fu così che le guardie reali arrestarono Dioniso, ritenendolo solo un seguace e non un dio; infastidito dal suo stesso aspetto, Penteo fece incatenare Dioniso e lo fece gettare in prigione.

Tuttavia, nessuna catena creata dai mortali poteva trattenere un dio, e Dioniso si liberò dalla sua prigionia, poi il dio greco del vino rase al suolo il palazzo di Penteo.

Penteo ebbe anche altri problemi: le guardie armate inviate per arrestare le Menadi, le seguaci femminili di Dioniso, erano state battute dalle donne che, dotate di una forza enorme, strappavano gli arti alle guardie.

Le Menadi - John Collier (1850-1934) - PD-art-100

La vendetta di Dioniso e la morte di Penteo

Dopo aver raso al suolo il palazzo di Penteo, Dioniso progettava un'ulteriore punizione per il cugino e così Penteo, incuriosito da come le Menadi stavano battendo i suoi uomini, fu invogliato a spiare le attività delle Menadi.

Guarda anche: Antigone di Ftia nella mitologia greca

Dioniso, travestito da sacerdote, convinse Penteo a recarsi nei boschi del monte Citerone, ma avvertì il re di Tebe che doveva essere travestito da donna, altrimenti sarebbe stato immediatamente ucciso.

In seguito Penteo si arrampica su un albero per vedere meglio le Menadi, ma la sua presenza viene poi rivelata dal dio alle seguaci di Dioniso.

Ancora in preda alla follia, Agave, la madre di Penteo, non vide il figlio sull'albero, ma un animale selvatico e, insieme alle sue sorelle, trascinò Penteo fuori dal suo nascondiglio. La madre e le zie di Penteo strapparono allora un arto all'altro e Agave mise persino la testa del figlio su un picco, credendo che fosse la testa di un leone.

Quando le figlie di Cadmo tornarono a Tebe, furono prontamente espulse per i crimini di regicidio e per l'uccisione di un loro familiare.

Morte di Penteo - Luigi Ademollo, (1764-1849) - illustrazione dalle Metamorfosi di Ovidio, Firenze, 1832 - PD-art-100

Polidoro diventa re di Tebe

Il corpo di Penteo, o i suoi resti, lasciò in seguito Tebe, poiché fu portato via dalla sorella Epiro, quando partì in compagnia di Cadmo e Armonia.

Il trono di Penteo passò quindi a Polidoro, suo zio e figlio di Cadmo.

Tuttavia, la linea familiare di Penteo potenzialmente continuò, poiché si dice che Penteo ebbe un figlio, Menoeceo, da una donna non nominata. Menoeceo ebbe poi i suoi figli, Creonte e Giocasta.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.