Egeo nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

EGEO NELLA MITOLOGIA GRECA

Egeo era un famoso re della mitologia greca, tanto da dare il suo nome al Mar Egeo. Nella mitologia greca Egeo era un re di Atene, nonché padre dell'eroe Teseo.

Egeo figlio di Pandion

Egeo non nacque ad Atene, ma nella vicina città di Megara, perché era figlio di un uomo che non aveva mai avuto problemi di salute. Pandion II .

Pandione II era un re di Atene, figlio di Cecrope II e nipote di Eretteo, ma fu rovesciato dai suoi cugini, i figli di Metione, che misero sul trono il loro padre, figlio dello stesso Eretteo.

Pandione fu accolto a Megara dal re Pilla, che diede in sposa a Pandione sua figlia, Pylia, e lasciò a Pandione il trono di Megara, mentre il precedente re andò in esilio.

La Pizia avrebbe dato alla luce quattro figli a Pandione, il più grande dei quali sarebbe stato Egeo, avuto da Pallade, Nisus e Lycus a seguire.

Occasionalmente si dice che Egeo non appartenesse alla stirpe di Pandione, ma che fosse stato adottato da Pandione; in questo caso Egeo era normalmente detto figlio del megarico Scyrius.

Egeo re di Atene

Alla morte di Pandione, Egeo e i suoi fratelli, ormai maggiorenni, decisero di riconquistare i loro diritti di nascita e attaccarono Atene. I figli di Pandione ebbero successo nel loro attacco e i figli di Metione furono costretti a fuggire dall'Attica.

In qualità di figlio maggiore, Egeo assunse ora il trono di Atene, anche se si supponeva che il governo della regione fosse diviso tra i quattro fratelli. Così, Niso divenne il nuovo re di Megara, Licio avrebbe governato l'Eubea e Pallade divenne governatore del territorio meridionale.

A un certo punto, però, si dice che Egeo abbia consolidato il proprio potere, assumendo il controllo della sfera d'influenza di Pallade ed espellendo Licio dall'Attica. Pallade e i suoi 50 figli sarebbero rimasti ad Atene, ma Licio sarebbe andato in Asia Minore, dove una nuova terra, la Licia, avrebbe preso il suo nome.

Egeo desidera un figlio

Il primo problema che Egeo dovette affrontare fu quello di trovare un successore: nonostante avesse sposato prima Meta, figlia di Hoples, e poi Calciope, figlia di Rexenor, Egeo rimase senza figli.

Temendo di essere stato maledetto per qualche motivo sconosciuto dalla dea Afrodite, si dice che Egeo abbia introdotto il culto di Afrodite ad Atene, ma nonostante ciò non nacque alcun successore. Il re Egeo temeva ora che essere senza figli fosse un segno di debolezza e che Pallade e i suoi figli potessero destituirlo con la forza.

In cerca di una soluzione al suo problema, il re Egeo si recò all'Oracolo di Delfi, ma le parole che gli furono date dalla Pizia non gli diedero alcun conforto, perché le parole pronunciate dalla sacerdotessa furono: "La bocca rigonfia dell'otre, o migliore degli uomini, non si scioglie finché non hai raggiunto l'altezza di Atene".

Egeo e Etra

Per Egeo queste parole non avevano senso e, in cerca di un po' di chiarezza, si recò a Troezen, dove regnava la saggia Re Pittheus .

Pittheus capì la profezia ma non la spiegò ad Egeo, anzi fece ubriacare Egeo e poi lo fece giacere con sua figlia Aethra.

Si dice anche che nella stessa notte, Aethra ha dormito anche con Poseidone.

Egeo padre di Teseo

Egeo tornò ad Atene, ma disse ad Etra che se fosse stata incinta di suo figlio, avrebbe dovuto crescerlo, senza però informarlo di chi fosse suo padre. Egeo seppellì sotto una grande pietra anche la propria spada, lo scudo e i sandali.

Guarda anche: Dalla A alla Z della mitologia greca X

Ad Aethra fu detto che quando il figlio, se fosse nato un figlio, sarebbe stato in grado di spostare la pietra da solo, gli sarebbe stato detto tutto, e poi gli fu ordinato di dirigersi ad Atene.

Naturalmente Etra era incinta e in seguito avrebbe dato alla luce un figlio di Egeo, chiamato Teseo, ma Egeo non ne venne a conoscenza per molti anni.

Egeo e la guerra con Creta

Al suo ritorno ad Atene, i problemi aumentarono per Egeo e, nonostante l'introduzione dei Giochi Panatenaici, i problemi aumentarono. Il toro cretese, dopo aver lasciato il regno del re Euristeo, si stabilì a Maratona e lì causò molte devastazioni e uccise molti.

Nessuno di coloro che Egeo inviò contro di essa sopravvisse all'incontro. Allora Egeo decise di inviare Androgeo, un principe di Creta, contro la bestia, poiché Androgeo si era distinto durante i Giochi, vincendo tutte le gare a cui aveva preso parte. Andorgeus non era all'altezza del toro e fu incornato a morte.

Alcuni raccontano però che Andorgeus non fu ucciso dal Toro, ma fu assassinato per ordine del re Egeo, che temeva che il principe cretese stesse tramando con i figli di Pallade per rovesciarlo.

La morte di Androgeo provocò un grave incidente diplomatico, poiché Androgeo era figlio di Re Minosse Minosse inviò il suo esercito e la sua marina contro Atene.

Megara cadrà in mano a Minosse e poi, alle mura di Atene, Minosse farà cadere la pestilenza su Atene, con la malattia sulla sua città e il suo esercito inferiore a quello di Creta, il re Egeo dovrà arrendersi a Creta. In seguito, Atene dovrà inviare un tributo a Creta, un tributo che prende la forma di sette giovani e sette fanciulle ogni anno, o ogni sette o nove anni.

Egeo e Medea

Il re Egeo rimase sul trono, anche se sottomesso a Creta, e le cose cominciarono ad andare meglio perché si sposò per la terza volta; anche se forse non fu la mossa più saggia che Egeo avesse mai fatto.

Medea, la maga figlia di Eete, giunse ad Atene in cerca di un rifugio dopo aver lasciato Giasone e uccise i loro figli. Medea prometteva di porre fine alla condizione di assenza di figli di Egeo, ma in ogni caso Egeo e Medea si sposarono e poco dopo Medea diede alla luce un figlio, Medus. Spesso Medus viene chiamato figlio di Egeo, ma alcuni sostengono che Medus fosse in realtà figlio di Giasone.

Medea era certamente felice della sua nuova posizione di regina di Atene e sembrava che Medus fosse ormai una certezza di succedere a Egeo come re di Atene.

Teseo arriva alla corte di Egeo

Poi, però, arrivò ad Atene uno straniero, che Egeo non riconobbe, ma che Medea riconobbe come Teseo, il figlio adulto di Egeo avuto da Etra. Così, Medea complottò per uccidere il figlio di Egeo prima che fosse riconosciuto, e Medea si convinse che lo straniero stesse complottando con altri per rovesciare il re. Per sbarazzarsi di lui, Teseo fu così incaricato da Egeo di uccidere il toroche aveva già ucciso così tanti.

Teseo, però, riuscì dove tanti avevano fallito prima e il Toro fu ucciso, ma nonostante ciò Medea continuò a tramare e la maga diede ad Egeo una bevanda velenosa da dare a Teseo.

Proprio mentre Teseo stava per bere, però, Egeo riconobbe finalmente la spada, lo scudo e i sandali che aveva seppellito tanti anni prima a Trozen e tolse il veleno dalle mani del figlio.

Unita al suo primogenito, Medea sapeva che il suo tempo era finito ad Atene, e così lei e Medo fuggirono in Colchide.

La morte di Egeo e il nome del Mar Egeo

Egeo aveva ora un figlio eroico per succedergli e Teseo contribuì ad assicurare il trono ateniese al padre, poiché si dice che Teseo abbia ucciso Pallade e i suoi 50 figli, quando si sollevarono contro il dominio di Egeo e marciarono su Atene.

Atene, tuttavia, era ancora in un ruolo di sudditanza nei confronti di Creta e, con il prossimo gruppo di giovani ateniesi da inviare a Creta, Teseo si offrì volontario per essere uno di loro e, sebbene riluttante, Egeo accettò.

Teseo riuscì naturalmente a uccidere il Minotauro all'interno del suo labirinto, perché lì era legato il tributo ateniese, e di lì a poco il re Minosse sarebbe morto, quindi non c'era la minaccia futura che Minosse attaccasse di nuovo Atene.

Anche la morte di Egeo, però, era vicina.

Ad Atene, Egeo attende il ritorno del figlio: Teseo avrebbe dovuto issare vele bianche sulla sua nave se avesse avuto successo nella sua missione, ma Teseo si dimenticò di farlo e quando Egeo vide la nave di ritorno con le vele nere issate, il re credette che Teseo fosse morto a Creta.

Sopraffatto dal dolore, Egeo si uccise gettandosi dalla cima della scogliera nel mare sottostante e, secondo alcuni, è così che il Mar Egeo ha preso il suo nome.

Teseo sarebbe naturalmente succeduto a Egeo sul trono di Atene, ma il suo periodo da re causò ad Atene molte prove e tribolazioni.

Guarda anche: Crisi nella mitologia greca

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.