Laio nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

LAIO NELLA MITOLOGIA GRECA

Laio era un re leggendario della mitologia greca. Governatore della città di Tebe, Laio sarebbe diventato padre di un unico figlio, un figlio che sarebbe diventato noto come Edipo, un figlio che causò la caduta di Laio.

Laio Figlio di Labdaco

Laio era figlio di Labdacus , nipote di Polidoro e pronipote di Cadmo e quindi nato nella famiglia regnante di Cadmea, come era allora conosciuta la città di Tebe.

Laio in esilio

Laio era solo un bambino quando suo padre Labdaco morì, e al suo posto regnarono Nycteus e Lycus.

Guarda anche: La Naiade Siringa nella mitologia greca

Il dominio di Lico sarebbe terminato non con la maggiore età di Laio, ma con l'arrivo a Cadmea di Anfione e Zeto, la cui madre, Antiope, figlia di Nicteo, era stata maltrattata da Lico e da sua moglie Drice. Anfione e Zethus uccise Dirce e forse anche Lico, anche se alcuni dicono che Lico fu mandato in esilio.

Ora Laio avrebbe dovuto salire sul trono di Cadmea, ma la sua posizione fu usurpata da Anfione e Zeto, che governarono insieme Cadmea e ribattezzarono la città con il nome di Tebe.

Laio e Crisippo

Laio sarebbe stato mandato in esilio e avrebbe trovato accoglienza nel Peloponneso e nella corte reale del re Pelope.

Si diceva che Laio si sarebbe poi innamorato del figlio illegittimo di Pelopi , Crisippo.

Alcuni raccontano che Laio avrebbe rapito Crisippo, ma quando fu catturato da Atreo e Lestes, i figli di Pelope, Laio non fu punito dal re Pelope, perché Pelope riconobbe che Laio aveva agito per amore.

Altri raccontano di come Laio sia stato incastrato per la morte di Crisippo dalla moglie di Pelope, Ippodamia. Ippodamia temeva che Crisippo sarebbe succeduto a Pelope al trono piuttosto che a uno dei suoi figli, e così pugnalò il figlio illegittimo del marito, usando una spada di proprietà di Laio. La pugnalata non causò la morte immediata, e Crisippo riuscì a scagionare Laio prima di morire.

Laio re di Tebe

Il governo di Anfione e Zeto a Tebe fu relativamente breve, perché Zeto si suicidò quando la moglie uccise il loro figlio e Anfione perì quando la moglie, Niobe Così, Laio fu richiamato in patria e salì al trono, come era suo diritto di nascita.

A Tebe, Laio avrebbe trovato una moglie di rango adeguato, sotto forma di Giocasta, la figlia di Menoceo, ma, poco tempo dopo il matrimonio, Laio venne a conoscenza di una profezia secondo la quale il figlio di Laio avrebbe ucciso il proprio padre.

Per un certo periodo Laio si astenne dall'avere rapporti coniugali con la moglie, ma sotto l'effetto del vino questa politica di astensione venne meno e Laio andò a letto con Giocasta.

Guarda anche: La dea Eurybia nella mitologia greca

Inevitabilmente, Giocasta è rimasta incinta e, dopo il tempo previsto, ha dato alla luce un bambino.

Il figlio di Laio smascherato

Temendo le parole della profezia, Lauis decide di esporre il figlio appena nato e, dopo avergli trafitto le caviglie con degli spuntoni, lo consegna a uno dei suoi mandriani, con l'ordine di lasciarlo sul monte Cithaeron.

Come accadeva nella mitologia greca, il bambino non morì, ma fu affidato o trovato da un mandriano alle dipendenze del re Polibo di Corinto, che lo riportò al suo padrone. Polibo e sua moglie, Periboea, erano senza figli e Periboea si prese cura del bambino come se fosse suo e, a causa dei suoi piedi danneggiati, il re e la regina chiamarono il "loro" nuovo figlio Edipo.

Laio ed Edipo si incontrano

Passano gli anni e Laio governa con successo Tebe, mentre suo figlio Edipo cresce ignaro della sua vera discendenza a Corinto.

Il destino, però, si accanisce contro Laio ed Edipo: Laio è ormai avvisato che la sua morte è vicina e così il re di Tebe decide di rivolgersi all'oracolo di Delfi per avere maggiori dettagli, poiché crede ancora che suo figlio sia morto sul monte Citerone.

Nel frattempo, Edipo si era recato a Delfi e gli era stato detto che era destinato a uccidere il padre e ad andare a letto con la madre; credendo che questa profezia si riferisse al re Polibo e alla regina Periboea, Edipo decise che non sarebbe mai tornato a Corinto.

Le strade di Laio e di Edipo si sarebbero inevitabilmente incrociate, perché, viaggiando in direzioni opposte, il carro di Laio si trovò faccia a faccia con quello di Edipo allo stretto passo che era la Via Spaccata. La strada era troppo stretta per passare fianco a fianco, e così l'araldo di Laio, Polifonte, chiese a Edipo di cedere.

Edipo non era cresciuto per farsi intimidire da tali richieste, ma quando Polifonte uccise uno dei cavalli di Edipo, la rabbia dentro Edipo esplose. Edipo avrebbe ucciso Polifonte, e poi avrebbe tirato Laio dal suo carro, uccidendo anche lui.

Edipo andò avanti senza sapere come aveva ucciso, e Laio morì senza sapere chi l'avesse ucciso, ma le profezie si stavano avverando, perché Laio era effettivamente morto per mano di suo figlio.

Alcuni raccontano che Laio fu sepolto nel punto in cui cadde sulla Via Spaccata, perché il corpo sarebbe stato scoperto dal re Damasistrato di Platea, e così la notizia della morte del re Laio sarebbe arrivata a Tebe, ma senza che si sapesse chi l'avesse ucciso; la verità sarebbe emersa solo anni dopo, durante il regno di Edipo.

La morte del re Laio - Sconosciuto (XVII o XVIII secolo) - PD-art-100

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.