Europa nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

EUROPA NELLA MITOLOGIA GRECA

Europa è una delle amanti di Zeus nella mitologia greca, probabilmente la più famosa di una lunga serie di amanti. La vita amorosa di Zeus era una pietra miliare della mitologia greca, poiché spiegava l'esistenza di molti altri personaggi nei racconti antichi.

La storia di Europa era importante perché dalla relazione tra Zeus ed Europa sarebbero nati tre figli, che sarebbero diventati importanti re a pieno titolo, oltre a stabilire una linea reale a Creta.

Europa Principessa di Tiro

Europa, però, non era originaria di Creta, ma era nata da un principe di Tiro, una regione che oggi si trova in Libano, ed era figlia del re Agenor Tramite Agenore, Europa era una pronipote di Io, un'altra famosa amante di Zeus.

Essere figlia di Agenore significava anche che Europa era sorella di Cadmo , Cilix e Phoenix.

Guarda anche: Le brotee nella mitologia greca
Il rapimento di Europa - Noël-Nicolas Coypel III (1690-1734) - PD-art-100

Il rapimento di Europa

Quando Europa divenne adulta, divenne presto evidente che la principessa di Tiro era estremamente bella, e se c'era una cosa a cui Zeus non poteva resistere era una bella mortale.

Zeus era ovviamente sposato con Hera Ma il fatto di essere sposato non aveva mai impedito a Zeus di fare i salti mortali con chiunque gli piacesse. Così Zeus scese dal Monte Olimpo a Tiro, e il dio supremo si trasformò in un magnifico toro bianco.

In quel momento Europa, con i suoi accompagnatori, si era recata sulla costa di Tiro e lì Europa stava raccogliendo dei fiori. Zeus, sotto forma di toro, si avvicinò a Europa e ai suoi accompagnatori, che erano tutti molto presi da quel toro bianco apparentemente mansueto.

Zeus si sarebbe sdraiato ai piedi di Europa, e alla fine la figlia di Agenore avrebbe deposto i suoi fiori e sarebbe salita sul dorso del toro. Questo, naturalmente, era ciò che Zeus aveva pianificato fin dall'inizio, e non appena Europa fu seduta sul suo dorso, Zeus si tuffò in acqua, Europa era troppo spaventata per saltare giù inizialmente, e poi era troppo tardi, perché Europa e il toro erano in acque più profonde.

Europa - George Frederic Watts (1817-1904) - PD-art-100

Europa Amante di Zeus

Zeus attraversò a nuoto molte miglia del Mar Mediterraneo, finché Zeus ed Europa si ritrovarono sulla costa di Creta. Zeus si rivelò, trasformandosi per un toro in forma umana e lì, sulla costa, sotto un cipresso, Europa e Zeus consumarono una breve relazione.

Da questa relazione, Europa sarebbe rimasta incinta di tre figli, Minosse, Rhadamanthys e Sarpedon .

Guarda anche: Pantheon greco antico

Zeus tornò sul Monte Olimpo, mentre Europa fu lasciata a Creta; Europa, però, prosperò a Creta sposando il reggente, il re Asterione, che in seguito avrebbe adottato i figli di Zeus ed Europa come se fossero suoi.

Europa regina di Creta

Zeus aveva forse lasciato la sua amante a Creta, ma il dio non aveva abbandonato Europa e la nuova regina di Creta ricevette una serie di doni diversi.

Collana di Harmonia -Il primo dono fu una bellissima collana realizzata dal dio metallurgico Efesto, che lasciò Creta e giunse a Tebe come dono di nozze per Armonia. Si dice che questa collana abbia portato una maledizione su Tebe.

Talos - Zeus diede anche a Europa Talos Talos era un automa, un uomo gigantesco realizzato in bronzo. Una volta a Creta, Talos girava intorno all'isola tre volte al giorno, proteggendo l'isola, e quindi Europa, da qualsiasi pericolo esterno. Talos sarebbe rimasto il protettore di Creta fino all'arrivo degli Argonauti, generazioni dopo.

Laelaps - Zeus donò a Europa anche Laelaps, il leggendario cane da caccia destinato a catturare sempre la preda.

Laelaps sarebbe stato infine collocato tra le stelle da Zeus, quando il dio si trovò di fronte al problema che si presentava quando Laelaps inseguiva la Volpe Teumessiana, la preda che non poteva essere catturata.

Giavellotto magico - Europa ricevette anche un giavellotto, incantato in modo da colpire sempre il bersaglio previsto.

Dopo il matrimonio con Asterione, la storia di Europa si conclude, poiché, sebbene si debba supporre che Europa sia morta da mortale, ciò non è riportato nelle fonti antiche.

Naturalmente il nome di Europa sarebbe rimasto in vita, perché il continente europeo avrebbe preso il nome dalla regina di Creta, e naturalmente molte storie legate a Europa continuarono.

Racconti interconnessi di Europa

A Creta, Minosse diventerà il re di Creta dopo Asterione, esiliando Rhadamanthys e Sarpedon, che governeranno entrambi le loro città (Ocaleia e Lidia). Minosse creerà una dinastia di re dopo il suo matrimonio con Pasiphae, e la sua discendenza regnerà sotto forma di Catreo Minosse e Rhadamanthys diventeranno anche giudici dei morti nell'Oltretomba.

Anche a Tiro erano in corso importanti eventi: il re Agenore aveva inviato i suoi figli, Cadmo, Cilix e Fenice, a cercare la sorella perduta. Ben presto i fratelli si resero conto dell'impossibilità del loro compito e così, anziché tornare a Tiro, fondarono nuove città-stato: Cadmo fondò Tebe, Cilix la Cilicia e Fenice la Fenicia.

Il ratto di Europa - Peter Paul Rubens (1577-1640) - PD-art-100

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.