Medus nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

MEDUS NELLA MITOLOGIA GRECA

Medo era il figlio della maga Medea nella mitologia greca, nato per essere re di Atene, Medo sarebbe invece diventato re della Colchide.

Medus Figlio di Medea

Medea era stata abbandonata da Giasone a Corinto, quando Giasone aveva progettato di sposare Creusa, anche se Medea si era vendicata. Medea fuggì quindi ad Atene, dove sedusse e sposò Re Egeo Da Egeo, Medea avrebbe dato alla luce un figlio chiamato Medus.

Meno comunemente, Medus è chiamato figlio di Giasone, con Medea resa incinta prima del suo abbandono.

Guarda anche: Ixion nella mitologia greca

Medus di Atene

Ad Atene, Medea preparerà Medo a succedere a Egeo come re di Atene.

I piani di Medea, però, furono presto limitati, perché Teseo arrivò ad Atene per reclamare il suo diritto di nascita. Medea avrebbe tentato di avvelenare Teseo, prima che Egeo riconoscesse il proprio figlio, ma il calice avvelenato fu tolto dalle mani di Teseo dal padre.

Medea e Medo furono così costretti a fuggire da Atene.

Medus in Colchide

Nel mito di Medea, madre e figlio furono separati da una tempesta, mentre entrambi si dirigevano verso la Colchide, patria di Medea.

Medus sarebbe arrivato per primo in Colchide, ma il paese era ormai governato da Perse , lo zio di Medea, che aveva deposto Eete Perses, però, ora viveva nel timore che un discendente di Eete si vendicasse.

Medus si rese conto del pericolo in cui si trovava e, nel tentativo di salvarsi la vita, dichiarò di essere Ippote, figlio del re Creonte di Corinto. Questo stratagemma evitò a Medus la morte immediata, ma lo fece comunque finire in prigione, mentre Perses indagava su chi fosse Medus/Hippotes. Non appena Medus fu messo in prigione, però, una pestilenza si abbatté sulla Colchide.

Poco dopo, Medea sarebbe arrivata in Colchide, in sella al suo carro, regalato da Elio Medea affermerà di essere una sacerdotessa di Artemide, in grado di liberare il regno di Perse dalla peste, ma per farlo dirà a Perse che dovrà uccidere il suo prigioniero, perché Medea teme che Ippote voglia vendicarsi della morte del padre.

Guarda anche: Dalla A alla Z Mitologia greca A

Medea andrà a uccidere Ippote, ma naturalmente riconoscerà subito il figlio. Medea darà a Medo una spada, con la quale Medo ucciderà Perse.

Medus divenne così re della Colchide.

In seguito Medus avrebbe espanso il regno della Colchide, conquistando le terre vicine. La nuova terra fu chiamata Media, un'area che oggi si trova nell'Iran nord-orientale e che prende il nome da Medus o Medea.

Secondo alcuni, Medus sarebbe morto per cercare di espandere il suo regno, morendo mentre combatteva contro gli indiani.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.