Il veggente Laocoonte nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

IL VEGGENTE LAOCOONTE NELLA MITOLOGIA GRECA

Laocoonte era un famoso veggente della mitologia greca, strettamente associato alla città di Troia. Laocoonte sarebbe infatti morto a Troia durante la guerra di Troia, ma il veggente non morì sul campo di battaglia, bensì fu colpito dagli dei.

Laocoonte e la città di Troia

Si dice che Laocoonte fosse figlio di un uomo di nome Acoete e che da una donna senza nome sarebbe diventato padre di due figli, Antifante e Timbeo.

Laocoonte sarebbe diventato il sacerdote capo di Apollo (o di Poseidone) all'interno di Troia, e si deve presumere che sia stato Apollo a dare a Laocoonte le capacità necessarie per vedere nel futuro.

Guarda anche: La naiade Minthe nella mitologia greca

Troia fu effettivamente benedetta da una serie di abili veggenti insieme a Elena, Cassandra Elena, tuttavia, abbandonò Troia quando vide il disastro che l'attendeva, mentre Cassandra fu maledetta affinché le sue profezie veritiere non fossero mai credute.

Anche Laocoonte era molto abile, ma il veggente troiano era famoso per il modo in cui morì; una morte legata alla caduta di Troia.

Laocoonte e il cavallo di legno

Man mano che la guerra di Troia si trascinava, alla fine l'idea della Cavallo di legno e il gigantesco cavallo fu lasciato indietro mentre gli Achei facevano finta di ritirarsi dal campo di battaglia.

Gli abitanti di Troia si rallegrarono e, convinti dalle parole di Sinon , un acheo rimasto "accidentalmente" indietro, stavano facendo i preparativi per portare il Cavallo di Legno nella città di Troia.

Laocoonte, osservando la follia dei suoi compagni troiani, lasciò il tempio di Apollo e si precipitò sulla costa per dissuaderli dal portare il cavallo a Troia.

Laocoonte proclamò: "Temo i Greci, anche quando portano doni" (da cui l'espressione "attenti ai Greci che portano doni") e, scagliando una lancia contro il fianco del cavallo, disse ai suoi compatrioti che dovevano bruciare il Cavallo di Legno.

Laocoonte e i suoi figli strangolati da serpenti - Pieter Claesz Soutman (c1601-1657) = PD-art-100

La morte di Laocoonte

Mentre Laocoonte cercava di convincere i Troiani, Atena provocò un terremoto che scosse la terra e, quando Laocoonte continuò a sostenere le sue ragioni, la dea lo rese cieco. Nonostante ciò, Laocoonte continuò a parlare e alla fine Atena mandò due serpenti che attaccarono e uccisero i due figli di Laocoonte, Antifante e Timbeo.

Laocoonte andò ad aiutare i suoi figli, ma di solito si dice che anche il veggente troiano sia stato ucciso dai serpenti, anche se altri dicono che sia sopravvissuto, ma che sia rimasto un guscio del suo vecchio elfo a causa della perdita dei figli e della vista.

Altri sostengono che sia stato Apollo o Poseidone il responsabile della caduta di Laocoonte.

Laocoonte - Francesco Paolo Hayez (1791-1881) - PD-art-100

L'interferenza degli dei

Per quanto riguarda il motivo per cui uno degli dei sarebbe intervenuto, Atena era ovviamente una sostenitrice dei Greci, e il Cavallo di Legno è stato detto da alcuni essere stato ideato da lei, ed era certamente dedicato a lei. Quindi colpirlo da Laocoonte sarebbe stato sacrilego.

Anche Poseidone, naturalmente, non era amico di Troia e, una generazione prima, aveva inviato un mostro marino contro la città.

Apollo, però, era un difensore di Troia e Laocoonte era il suo sacerdote capo, quindi perché Apollo avrebbe dovuto attaccare il suo stesso sacerdote? Si sostiene che Laocoonte avesse irritato Apollo non rimanendo celibe, come il dio si aspettava dal suo sacerdote, o forse Laocoonte aveva osato andare a letto con la moglie nel tempio di Apollo. Quindi, il momento della morte di Laocoonte non ha nulla a che fare con il Cavallo di legno.

Guarda anche: Ettore nella mitologia greca

Le parole di Laocoonte ignorate

Le parole di Laocoonte avrebbero potuto convincere i Troiani a bruciare il Cavallo di Legno, a differenza di quelle di Cassandra, ma quando i Troiani videro le ferite subite da Laocoonte pensarono che le sue parole non potessero essere vere. Così il Cavallo di Legno fu portato nella città di Troia e posto accanto al santuario di Atena, un atto che alla fine avrebbe portato alla caduta di Troia, come dal ventre dellaIl Cavallo di Legno sarebbe poi emerso nella ristretta cerchia degli eroi greci.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.