Argo Panoptes nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

ARGUS PANOPTES NELLA MITOLOGIA GRECA

Argo era un gigante della mitologia greca, normalmente indicato come Argo Panoptes per distinguerlo dai numerosi altri individui di nome Argo che compaiono nei racconti mitologici.

Guarda anche: Cinira nella mitologia greca

Le storie raccontano che il gigantesco Argo fu un eroe, un servitore degli dei e anche un cattivo, e che alla fine Argo Panoptes sarebbe morto per mano del dio dell'Olimpo Ermes.

Il lignaggio dell'argus Panoptes

Non c'è un chiaro accordo sull'origine di Argo Panoptes nelle fonti antiche, anche se la teoria più comune era che Argo fosse il figlio della dea Gaia , senza padre.

In queste fonti sono stati proposti molti altri genitori diversi di Argo Panoptes, tra cui Argo, il fondatore di Argo, e la naiade Ismene; Agenore, un nipote del re Argo; Arestore e la naiade Micene; e i Potamoi Inachus da Melia o Argia (entrambi oceanidi).

Nominalmente, si dice che Argo Panoptes risiedesse nell'Argolide, nel Peloponneso, la regione che prende il nome dal re Argo; per questo motivo si è pensato che Argo Panoptes fosse un discendente del re.

I 100 occhi di Argus Panoptes

Argo Panoptes era di statura gigantesca e aveva una forza immensa, ma ciò che lo distingueva era il fatto di essere ornato da cento occhi vedenti, da cui il suffisso Panoptes, che significa "onniveggente".

Gli occhi erano sparsi su tutto il corpo o semplicemente si trovavano sulla sua testa gigantesca. Come risultato di avere così tanti occhi, si dice che Argus Panoptes fosse sempre sveglio perché solo due occhi si addormentavano alla volta, assicurando che 98 occhi fossero sempre funzionanti.

Argus Panoptes l'eroe

Nel suo ruolo di eroe, Argo Panoptes avrebbe ucciso un toro mostruoso che stava devastando l'Arcadia; in seguito, Argo avrebbe usato la pelle del toro come mantello. Argo Panoptes avrebbe anche aiutato gli Arcadi uccidendo un satiro che stava rubando il loro bestiame.

Guarda anche: La Sfinge nella mitologia greca

Nell'Argolide, si dice che Argo Panoptes abbia vendicato la morte del re Apis uccidendo gli assassini del re, Thelxion, forse un re di Sparta, e Telchis.

Argus Panoptes impiegato dagli dei

Anche Argo Panoptes era utilizzato dagli dei e, in alcuni racconti, Era inviò il gigante a uccidere la mostruosa Echidna, che costituiva un pericolo per i viaggiatori che passavano dalla sua grotta a Cuma.

Molte altre storie, però, contestano questa storia, perché dicono che Zeus aveva permesso Echidna di vivere per sempre a Cumae dopo la morte del suo compagno, Tifone.

Hera, tuttavia, si servì certamente di Argo Panoptes come guardia.

Era aveva quasi catturato suo marito Zeus in flagrante Era non si lasciò ingannare e chiese in dono la giovenca, ma Zeus non poté rifiutare.

Era allora nominò Argo Panoptes come mandriano della giovenca, impedendo a Zeus di visitare la ninfa o di ritrasformarla in forma di ninfa. Così, Io fu legata dal gigante a un ulivo in un boschetto sacro.

Hermes e Argo - Jacob Jordaens (1593-1678) - PD-art-100

La morte di Argus Panoptes

Il compito di Era per Argo Panoptes sarebbe stato alla fine la morte del gigante onniveggente, perché la sofferenza di Io alla fine costrinse Zeus a salvare la sua ex amante.

Zeus inviò il suo figlio divino prediletto, Ermes, a salvare Io Pur essendo un ladro provetto, Ermes non poteva semplicemente rubare la giovenca, perché Argo Panoptes aveva visto tutto. Così Ermes si travestì da mandriano e andò a sedersi all'ombra accanto al gigante.

Ermete iniziò a raccontare varie storie degli dei, mentre suonava una musica rilassante con le sue canne. Il giorno si avvicinava e la musica dolce faceva chiudere un occhio dopo l'altro, mentre il sonno si impadroniva del sempre sveglio Argo Panoptes. Alla fine, tutti gli occhi dell'Argo Panoptes si chiusero, e allora Ermete colpì, uccidendo il gigante con una pietra o tagliandogli la testa.

Io era ormai libera, ma il suo calvario non era del tutto finito, perché Ermes non riusciva a trasformare Io nella sua precedente forma di ninfa, e così Io vagava sulla terra come una giovenca, finché alla fine trovò rifugio in Egitto.

In seguito alla morte di uno dei suoi servi preferiti, Era prese gli occhi del defunto Argo Panoptes e li pose sulle piume del suo uccello sacro, il pavone.

Era e Argo - Peter Paul Rubens (1577-1640) - PD-art-100

Argus Panoptes come padre

Occasionalmente, Argo Panoptes viene nominato padre di Iaso, re di Argo, dalla naiade Ismene, figlia di Asopo. Nella mitologia greca, tuttavia, Iaso viene nominato come figlio di molti individui diversi.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.