Tideo nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

TIDEO NELLA MITOLOGIA GRECA

Tideo era un eroe della mitologia greca del periodo compreso tra i due grandi raduni di eroi, le avventure degli Argonauti e gli eventi della guerra di Troia.

Tideo rimane comunque una figura famosa nella mitologia greca, in quanto è stato annoverato come uno dei Sette contro Tebe e come padre dell'eroe greco Diomede.

Tideo figlio di Oeneo

Tideo nacque a Calidone, figlio del re Oeneo e della seconda moglie del re, Periboea; anche se alcuni sostengono che la madre di Tideo fosse la sorella Gorge. In ogni caso, Tideo nacque nel periodo successivo a quello in cui il re era stato ucciso. Meleagro , un altro figlio di Oeneo.

Guarda anche: Ecabeo nella mitologia greca

Il principe di Calidone sarebbe stato costretto all'esilio ancora giovane, perché si dice che Tideo abbia commesso un omicidio, uccidendo lo zio Alcateo, un altro zio, Melas, i figli di Melas o il proprio fratello Olenias. Si dice che Tideo, a prescindere dalla vittima, sia stato spinto all'omicidio a causa di un complotto per rovesciare suo padre. Oeneo .

Così, Tideo fu mandato in esilio da un altro zio, Agrio.

Tideo ad Argo

Tideo si sarebbe recato ad Argo e avrebbe trovato rifugio presso la corte di Re Adrasto E Adrasto assolse volentieri Tideo dal suo crimine.

Tideo non era però l'unico rifugiato alla corte di Adrasto, poiché era presente anche Polinice Polinice avrebbe dovuto essere il re di Tebe, ma suo fratello Eteocle non aveva mantenuto la promessa di alternare gli anni di governo a Tebe e quindi ora Polinice, come Tideo, era in esilio.

Tideo prende moglie

Inizialmente Polinice e Tideo non andavano d'accordo e tra i due scoppiava una lite per decidere chi dovesse dormire nella camera principale degli ospiti. La lite era così feroce che Adrasto, quando la osservò, paragonò i due uomini a degli animali selvatici. Questo però gli fece venire in mente una profezia che diceva che Adrasto avrebbe dovuto aggiogare le sue figlie a un cinghiale e a un leone.Polinice, mentre Tideo avrebbe sposato Deipyle.

Deipyle darà alla luce due figli da Tideo, una figlia di nome Comaetho e un figlio, Diomede, che diventerà molto più famoso del padre.

I sette contro Tebe

Con il matrimonio di Polinice e Tideo nella stessa famiglia, Adrasto e Tideo erano ora tenuti ad aiutare Polinice a prendere il trono di Tebe da Eteocle.

A questo scopo Adrasto fece radunare un grande esercito dai regni di Argo; la guida di questo esercito fu affidata a sette uomini, Adrasto, Anfiarao , Capaeno Ippomedonte, Pateo, Polinice e Tideo, i Sette contro Tebe.

Tydeus va in guerra

L'esercito marciò verso Tebe, ma la guerra non era inevitabile, perché alcuni speravano che le dimensioni dell'esercito avrebbero costretto Eteocle a rinunciare al trono.

Quando l'esercito dei Sette era accampato sul monte Citerone, Tideo fu inviato a Tebe come ambasciatore, chiedendo che il trono di Tebe passasse a Polinice. Quando Tideo arrivò a Tebe, Eteocle era nel bel mezzo di un grande banchetto e, nonostante Tideo avesse fatto il suo annuncio, le sue parole furono ignorate.

Tideo abbandonò quindi la sua posizione di ambasciatore e lanciò la sfida di combattere in singolar tenzone contro qualsiasi uomo presente al banchetto.

Molti uomini accettarono la sfida lanciata da Tideo, ma ognuno di loro fu ucciso dall'eroe greco, perché si diceva che Tideo fosse protetto dalla dea Atena.

La serie di sfidanti giunse alla fine, poiché nessun altro era disposto ad affrontare Tideo da solo; così Tideo partì da Tebe, senza che Eteocle rinunciasse al trono.

Tideo a Tebe

A Tebe si stava tramando un complotto contro Tideo e, mentre Tideo usciva dalle porte della città, una forza di 50 Tebani partì da un'altra e, precedendo Tideo, tese un'imboscata all'eroe. Cinquanta uomini si rivelarono però troppo pochi per affrontare Tideo, perché ognuno degli imboscati fu ucciso da Tideo, finché rimase in vita solo Maeone, figlio di Emone e nipote di Creonte. Tideorisparmiò la vita di Maeon, affinché Maeon potesse testimoniare il fallimento dell'imboscata.

L'esercito dei Sette avanzò contro Tebe e Tideo condusse le sue forze verso una delle sette porte, fosse essa Crenidiana, Omoidea, Dircea o Proeziana, e lì affrontò il difensore tebano Melanippo, figlio di Astaco.

Guarda anche: Mitologia greca dalla A alla Z R

La morte di Tideo

Tideo avrebbe potuto avere la benedizione di Atena, ma era già stata fatta una profezia secondo cui chi accompagnava Adrasto a Tebe sarebbe morto, e mentre Tideo uccideva molti difensori tebani, alla fine si scontrava con Melanippo. Così, anche se Tideo uccideva Melanippo, anche il difensore tebano infliggeva a Tideo una ferita mortale.

Alcuni attribuiscono alla vita di Tideo una fine ancora più raccapricciante: si dice infatti che Atena avrebbe concesso l'immortalità al suo eroe prediletto, ma prima che arrivasse quel momento Tideo disgustò a tal punto la dea da farle cambiare idea. L'atto disgustoso di Tideo sarebbe stato quello di consumare il cervello di Melanippo, il Tebano che aveva appena ucciso.

Pur ritirando il suo favore da Tideo, Atena avrebbe in futuro concesso molti favori al figlio di Tideo, Diomede.

Dopo la guerra, Creonte Maeone ha fatto in modo che gli aggressori non venissero seppelliti, una legge che ha portato alla morte di sua nipote, Antigone. Si dice anche che Maeone abbia effettivamente seppellito Tideo, in segno di riconoscimento per il fatto che la sua vita era stata risparmiata da Tideo.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.