I Niobidi nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

I NIOBIDI NELLA MITOLOGIA GRECA

I Niobidi nella mitologia greca

I Niobidi erano il nome collettivo dato ai figli del re Anfione di Tebe e di sua moglie Niobe. I Niobidi sono ricordati soprattutto da un racconto della mitologia greca che li vede massacrati da Apollo e Artemide a causa dell'arroganza della madre.

I Niobidi e Tebe

L'ambientazione del racconto dei Niobidi è la città di Tebe dove Anfione e Zeto, figli di Zeus, avevano usurpato il dominio di Lico (che a sua volta era un usurpatore).

Anfione e Zeto regneranno per un breve periodo insieme, ma Zeto si suiciderà quando la moglie ucciderà il loro figlio. Anfione si trovò una moglie di buon livello, poiché sposò Niobe, la figlia di Re Tantalo .

I Niobidi

Niobe avrebbe dato alla luce un certo numero di figli da Anfione, anche se le fonti antiche non sono molto concordi sul numero, con un range compreso tra 4 e 20. In genere si concorda sul fatto che ci fosse un numero uguale di figli e figlie nati da Anfione e Niobe .

Poiché non c'è accordo sul numero dei figli, non c'è accordo sui nomi, ma nella Bibliotheca sono nominati 7 figli e 7 figlie; i figli sono Agenor, Damasichthon, Eupinytus, Ismenus, Phaedimus, Sipylus e Tantalus, mentre le figlie sono chiamate Astycrateia, Astyoche, Cleodoxa, Ethodaia, Ogygia, Pelopia e Phthia.

Indipendentemente dal loro numero e dai loro nomi, i figli di Anfione e Niobe erano conosciuti collettivamente come i Niobidi.

Guarda anche: Icario di Atene nella mitologia greca

L'arroganza di Niobe

Niobe iniziò a pensare sempre di più a se stessa, perché occupava una posizione, aveva ricchezze e ora aveva una moltitudine di figli sani; e Niobe iniziò a chiedersi perché la popolazione di Tebe adorasse gli dei e le dee invece di lei.

Niobe si sarebbe poi proclamata superiore agli dei e, in particolare, superiore a Leto Infatti, mentre Leto, la dea della maternità, aveva solo due figli, Apollo e Artemide, Niobe ne aveva molti.

La morte dei Niobidi

È improbabile che una tale arroganza passi inosservata agli dei e alle dee, e Apollo e Artemide si presero la responsabilità di vendicare la madre insultata.

Così, il figlio e la figlia di Leto giunsero a Tebe e, imbracciando arco e frecce, abbatterono i Niobidi: Apollo uccise i figli di Anfione e Artemide le figlie.

Anfione cadeva sulla sua stessa spada quando vedeva i suoi figli morti, mentre Niobe, sopraffatta dal dolore, non poteva fare altro che piangere.

Per diversi giorni i corpi dei Niobidi rimasero insepolti, perché mentre avveniva il massacro dei Niobidi, Zeus aveva trasformato i Tebani in pietra, ma alla fine gli stessi dei decisero di seppellire i Niobidi.

La morte di Anfione e dei Niobidi decretò la fine di questa dinastia di breve durata, e Laio , il legittimo sovrano di Tebe, divenne re.

Guarda anche: Agamennone nella mitologia greca Apollo e Diana uccidono i figli di Niobe - Jan Boeckhorst (-1668) - PD-art-100

Un Niobide sopravvive?

In genere si riteneva che nessuno fosse sopravvissuto tra i Niobidi, ma di tanto in tanto si ipotizzava che uno o due dei figli di Anfione e Niobe fossero sopravvissuti.

Più comunemente si suggerisce che una figlia, Meliboea, sia sopravvissuta all'attacco dopo aver pregato la dea Leto. Avendo assistito alla morte dei suoi fratelli, la sua pelle impallidì e Meliboea fu in seguito conosciuta come Clori .

Cloris diventerà regina di Pilo, dopo aver sposato Neleo, e diventerà madre di molti, tra cui Nestore. Quelli che pensano che nessuno sia sopravvissuto al massacro dei Niobidi, però, raccontano che questa Cloris sia figlia di un altro Anfione.

Allo stesso modo, alcune fonti raccontano che uno dei Niobidi maschi, Amyclas, sopravvisse all'uccisione dei suoi fratelli, supplicando anche Leto. Amyclas avrebbe lasciato Tebe quando Laio divenne re e, recandosi in Laconia, fondò la città di Amyclae, anche se questa fondazione è più comunemente detta di Amyclas, figlio di Lacedaemon.

Apollo e Diana attaccano i figli di Niobe - Jacques-Louis David (1748-1825) - PD-art-100

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.