Chryseis nella mitologia greca

Nerk Pirtz 04-08-2023
Nerk Pirtz

CRISI NELLA MITOLOGIA GRECA

Chryseis è uno dei personaggi femminili che compaiono durante gli eventi della guerra di Troia nella mitologia greca. Talvolta chiamata Donna di Troia, Chryseis diventerà un premio di Agamennone, il capo degli Achei, ma gli eventi successivi causeranno una divisione tra i Greci.

Chi è Chryseis?

Si dice che il nome di Chryseis significhi semplicemente "figlia di Crise", e si dice che Chryseis fosse proprio così, la bella figlia di un sacerdote troiano di Apollo, chiamato Crise.

Chryseis sarebbe stata residente nella città di Thebe, una città a est del Monte Ida, e fu in questa città che Chryses rese omaggio ad Apollo. La città di Thebe sarebbe stata governata dal re Eetion, il padre di Andromaca e Tebe era quindi alleata di Troia.

Chryseis catturato

Nel decimo anno della guerra di Troia, la città fu conquistata dalle forze achee e Chryseis divenne un premio di guerra degli Achei. Agamennone Agamennone decise che lei sarebbe stata il suo premio e Agamennone decise che lei sarebbe stata la sua concubina.

Guarda anche: Pisidice di Methymna nella mitologia greca

Crise, padre di Crise, si sarebbe recato nell'accampamento acheo per riscattare la figlia e, benedicendo l'esercito acheo, avrebbe parlato in modo eloquente per recuperare la figlia.

Guarda anche: Dalla A alla Z Mitologia greca G

Agamennone, però, completamente rapito dalla bellezza di Crise, rifiutò il generoso riscatto e, anche quando Crise lo implorò, Agamennone si rifiutò di cedere e minacciò persino il padre di Crise.

Crise che sollecita vanamente il ritorno di Crise davanti alla tenda di Agamennone - attribuito a Jacopo Alessandro Calvi (1740 - 1815) - PD-art-100

Chryseis Rilasciato

Così Crise lasciò l'accampamento acheo da solo, ma Crise invocò Apollo affinché lo vendicasse e, naturalmente, Apollo ascoltò le preghiere del suo sacerdote.

Così Apollo, nell'oscurità della notte, attraversò l'accampamento acheo e, scagliando le sue frecce, fece cadere una pestilenza sugli Achei e l'esercito fu così decimato dalla malattia.

Agamennone avrebbe invocato Calchas Il veggente acheo spiegò la peste che stava devastando il suo esercito e, naturalmente, Calchas rivelò che la peste non sarebbe cessata finché Chryseis non fosse stata restituita al padre.

Naturalmente questo non era ciò che Agamennone desiderava sentire e Agamennone definì Calchas "un profeta del male", ma comunque Agamennone fu costretto a dare ascolto alle parole del suo veggente e Agamennone accettò infine di restituire Criseide.

C'era però una condizione: Agamennone avrebbe avuto bisogno di un premio pari a quello di Criseide.

Odisseo restituisce Crise al padre - Claude Lorrain (1604/1605-1682) - PD-art-100

Crisippo divide gli Achei

Un premio di questo tipo era già nelle mani degli Achei, perché Achille aveva preso la bellissima Briseis come proprio premio; e così anche quando Odisseo stava restituendo Criseide al padre, quando furono mandati a prendere Briseide da Achille.

Un atto del genere era indegno di Agamennone e un Achille indignato si sarebbe rifiutato di scendere nuovamente sul campo di battaglia, con un impatto devastante sulle sorti degli Achei.

Un figlio per Chryseis

Sebbene non se ne parli nell'Iliade, gli scrittori successivi raccontano che Crise fu restituita al padre mentre era già incinta di Agamennone. Crise avrebbe quindi dato alla luce un figlio chiamato Crise, dal nome del nonno, ed è proprio il figlio di Crise che fu incontrato da Oreste e Ifigenia Anche se non si dice nulla di Chryseis dopo il suo ritorno al padre.

Nerk Pirtz

Nerk Pirtz è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per la mitologia greca. Nato e cresciuto ad Atene, in Grecia, l'infanzia di Nerk è stata piena di storie di divinità, eroi e antiche leggende. Fin dalla giovane età, Nerk è stato affascinato dal potere e dallo splendore di queste storie, e questo entusiasmo si è rafforzato nel corso degli anni.Dopo aver completato una laurea in studi classici, Nerk si è dedicato all'esplorazione delle profondità della mitologia greca. La loro insaziabile curiosità li ha portati in innumerevoli ricerche attraverso testi antichi, siti archeologici e documenti storici. Nerk ha viaggiato molto attraverso la Grecia, avventurandosi in angoli remoti per scoprire miti dimenticati e storie non raccontate.L'esperienza di Nerk non si limita solo al pantheon greco; hanno anche approfondito le interconnessioni tra la mitologia greca e altre antiche civiltà. La loro ricerca approfondita e la loro conoscenza approfondita hanno conferito loro una prospettiva unica sull'argomento, illuminando aspetti meno noti e gettando nuova luce su storie note.Come scrittore esperto, Nerk Pirtz mira a condividere la loro profonda comprensione e amore per la mitologia greca con un pubblico globale. Credono che questi antichi racconti non siano mero folklore ma narrazioni senza tempo che riflettono le lotte, i desideri e i sogni eterni dell'umanità. Attraverso il loro blog, Wiki Greek Mythology, Nerk mira a colmare il divariotra il mondo antico e il lettore moderno, rendendo i regni mitici accessibili a tutti.Nerk Pirtz non è solo uno scrittore prolifico, ma anche un narratore accattivante. Le loro narrazioni sono ricche di dettagli, dando vividamente vita agli dei, alle dee e agli eroi. Con ogni articolo, Nerk invita i lettori a un viaggio straordinario, permettendo loro di immergersi nell'incantevole mondo della mitologia greca.Il blog di Nerk Pirtz, Wiki Greek Mythology, funge da risorsa preziosa per studiosi, studenti e appassionati, offrendo una guida completa e affidabile all'affascinante mondo degli dei greci. Oltre al loro blog, Nerk ha anche scritto diversi libri, condividendo la loro esperienza e passione in forma stampata. Sia attraverso i loro impegni di scrittura che di discorsi in pubblico, Nerk continua a ispirare, educare e affascinare il pubblico con la sua impareggiabile conoscenza della mitologia greca.